mostra aiuto
Accedi o registrati
GP Gran Bretagna 2017

F1, GP Silverstone 2017: Ferrari, oggi contro Hamilton non c'era storia

-

La Ferrari oggi contro Hamilton non ha potuto nulla: l'assetto al limite per contrastare l'inglese alla fine si è rivelato controproducente

F1, GP Silverstone 2017: Ferrari, oggi contro Hamilton non c'era storia

SILVERSTONE - Diciamo subito una cosa: per la Ferrari non ce n'era proprio. Per tenere il ritmo delle Mercedes o avvicinarsi, si è rischiato con assetti al limite e il risultato si è visto: Vettel e Raikkonen con le gomme esplose a un giro dalla fine, Hamilton primo e Bottas secondo in una doppietta Mercedes impensabile alla vigilia. Ma attenzione, non è che ci sia stata battaglia, contro Hamilton, al quinto successo su questa pista (record di Prost e Clark eguagliato) non c'è mai stata storia. Troppo superiore il pilota sulla pista di casa, troppo bilanciata la Mercedes dopo un inizio di stagione travagliato.

Mettete un tracciato con tante curve, dove i tempi sul giro sono calati di 5 secondi rispetto a un anno fa, mettete una Ferrari non proprio al top che per stare vicino alle frecce d'argento ha scelto un assetto troppo al limite e metteteci anche un pizzico di sfortuna, perché avere le due macchine con le gomme a terra a un giro o quasi dalla fine, quando erano in seconda e terza posizione con Raikkonen e Vettel, beh allora ci sta anche un pizzico di sfiga. Fosse andata bene sarebbe stata una grande prova strategica, non è andata e quindi i problemi cominciano a farsi vedere.

Qualcuno ipotizza che in qualifica la Ferrari avrebbe fatto meglio a far qualificare i due piloti con le gomme soft, quelle gialle per intenderci, e fare la prima parte di gara più sicura. Ma è anche vero che fra le rosse e le gialle c'erano tre decimi di differenza, qualificarsi con quelle avrebbe significato beccarsi quasi un secondo dalla Mercedes di Hamilton, forse un po' troppo per recuperare in corsa un divario che, invece, giro dopo giro è andato crescendo. Complice una cattiva partenza di Vettel, l'ennesima tanto che viene il dubbio che ci sia qualcosa che non quadra (dalla Spagna Sebastian non ne ha azzeccata più una) e che bisogna correggere.

In un mondiale un passo falso ci sta, in fondo Raikkonen è salito sul podio, bisogna invece ritrovare il filo del discorso che da inizio stagione aveva dato un tocco magico a questa stagione Ferrari e che invece, corsa dopo corsa, comincia a sbiadire

Con la doppietta Mercedes in Inghilterra la classifica parla chiaro: Vettel ha solo un punto su Hamilton visto che ha concluso al settimo posto dopo la sostituzione della gomma (e un giro di pista dove sfregava dappertutto) nel mondiale costruttori la Mercedes ha 55 punti di vantaggio sui rossi e visto che il presidente Marchionne dava più importanza a questo, forse è il caso di rivedere qualcosa.

Poco male, in un mondiale un passo falso ci sta, in fondo Raikkonen è salito sul podio, bisogna invece ritrovare il filo del discorso che da inizio stagione aveva dato un tocco magico a questa stagione Ferrari e che invece, corsa dopo corsa, comincia a sbiadire. Speriamo in meglio a Budapest, pista per Ferrari e Red Bull (a proposito, grande Verstappen e Ricciardo quarto e quinto, gran gara dal fondo e in duello per Max che ha mancato il podio per lo stesso problema di gomma della Ferrari) per cui la vacanza estiva si prospetta migliore. Sempre che a Budapest le cose vadano come si spera.

  1 di 55  
  • Sergio100

    Caro Paolo il mio pensiero dopo aver visto questo GP di Gran Bretagna coincide esattamente con il tuo... vero che su questo tracciato la Mercedes era su un altro pianeta, ma vero pure che ormai da troppe gare si vede una Ferrari in netta difficoltà rispetto alla Mercedes, tanto che, come hai anche affermato tu settimana scorsa, quando non è Hamilton a vincere è Bottas e non una Ferrari. Urge correre ai ripari e trovare una soluzione, se mai c'è, dato che la Mercedes ha colmato il gap che aveva ad inizio campionato rispetto alla Ferrari sulla gestione delle gomme e sul bilanciamento della vettura... questa Mercedes assomiglia sempre di più a quella dell'anno scorso (come prestazioni).

    Inoltre Seb forse perché sente molto la pressione, non riesce ad essere lucido e freddo come nei tempi passati e troppe volte l'abbiamo commettere errori che gli sono costati soprattutto la qualifica... ma non solo... che stia pensando al precontratto con la Mercedes in scadenza al 1 di agosto?
Inserisci il tuo commento