Dizionario: lettera D

 

  • Aggiungi a MyAuto
  • Invia a un amico
  • Stampa

DEBIMETRO: Sistema atto a rilevare quanta aria viene aspirata dal propulsore, trasmettendo tale dato alla centralina elettronica al fine di gestire poi l'iniezione.

DEPORTANZA: Forza generata dalle superfici aerodinamiche deportanti (es. alettoni). E' una forza rivolta dall'alto verso il basso in grado di garantire maggior stabilità alla vettura.

DIAMETRO DI STERZATA: Spazio in metri necessario ad una vettura per compiere una inversione di marcia.

DIFFERENZIALE: Permette alle ruote esterne ed interne, di rimanere sempre in trazione nonostante le differenti velocità in curva.

DIFFERENZIALE AUTOBLOCCANTE: Permette alle ruote di non pattinare quando il veicolo si trova a contatto con un fondo a basso coefficiente d'attrito. E' generalmente impiegato su vetture altamente performanti.

DIFFUSORE: E' un punto del condotto del carburatore, ove la sezione è di dimensioni contenute, e per effetto Venturi, la velocità del fluido aumenta.

DIN: Acronimo di Deutsches Institut fur Normun, ovvero Istituto Tedesco per la Standardizzazione. E' un ente stabilente svariati regolamenti e normative.

DRIVE BY WIRE: Quando l'acceleratore non è collegato meccanicamente al propulsore, ma gestito da una centralina elettronica che trasmette il dato ai corpi farfallati e all'iniezione.

DISTRIBUZIONE: Serie di meccanismi atti a gestire i gas in ingresso e in uscita dai cilindri, in particolar modo le valvole e tutto ciò che ne comporta il funzionamento.

DISTRIBUZIONE DESMODROMICA: Distribuzione ove il movimento di ritorno delle valvole, come quello di andata, è comandato dall'albero a camme e non da una molla come normalmente avviene.

DOHC: Acronimo di Double Overhead Camshaft – distribuzione bialbero.

DOPPIA ACCENSIONE: Quando per ogni cilindro, vengono utilizzate due candele al posto di una sola.



14/07/2011

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ricerca articoli
 
Ricerca Concessionarie:

Ultime notizie da Moto.it Leggi tutte le notizie di moto
  • MotoGP 2015. Honda: tanti, troppi errori

    L’HRC è in evidente difficoltà, la moto è inferiore alla Yamaha e Marquez, per guidare sopra ai problemi, prende troppi rischi. Il Team Principal Livio Suppo minimizza: "Solo episodi". Ma gli sbagli commessi sono evidenti. E al Mugello sono state prese decisioni ingiustificabili

  • MotoGP 2015, Mugello. Le foto più belle del GP d'Italia

    Nella spettacolare cornice del Mugello si è disputato il GP d'Italia. Gli scatti più belli del fine settimana

 
ATTENZIONE