mostra aiuto
Accedi o registrati
curiosità

Lamborghini: i suoi compositi anche in ambito medico

-

Le protesi di domani realizzate grazie al know-how della Casa di Sant'Agata Bolognese

Lamborghini: i suoi compositi anche in ambito medico

Lamborghini ha messo a disposizione dell'istituto di ricerca dell'ospedale Houston Methodist di Houstin, in Texas, il proprio know-how nello studio dei materiali compositi in fibra di carbonio.

Il progetto di ricerca in corso verte sullo studio della biocompatibilità dei materiali compositi impiegati in impianti protesici, ma anche nei dispositivi sottocutanei. Lo scopo è quello di individuare nuovi materiali che possano essere più leggeri, meglio tollerati dal corpo umano e più resistenti nel tempo rispetto a quelli attualmente impiegati in ambito medico.

Il Dott. Mauro Ferrari, Presidente e ceo del Houston Methodist Research Institute, è stato accolto a Sant'Agata Bolognese da Stefano Domenicali, Chairman & Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini. Mauro Ferrari è uno scienziato italiano, impegnato principalmente nella ricerca sulle nanotecnologie e nel campo della bioingegneria applicate in medicina.

Automobili Lamborghini è azienda leader nella ricerca e produzione dei materiali compositi in fibra di carbonio e l'Advanced Composite Ligthweight Structures Department di Ricerca e Sviluppo mette a disposizione la propria esperienza non solo in campo automotive ma anche in altri settori tra cui quello biomedicale.

Oltre allo Houston Methodist Research Institute, Lamborghini collabora in Italia su questo ed altri progetti di ricerca con l'Unità Operativa di Medicina del Lavoro dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico S. Orsola-Malpighi di Bologna (Prof. F.S. Violante, Dott.ssa M.C. Nucci, Dott. V. Lodi), l'Unità Operativa di Neurochirurgia IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche-AUSL di Bologna (Dott. C. Sturiale, Dott. N. Acciarri), Humanitas University Rozzano-Milano (Prof F. Servadei), CNR Neuroscienze-Humanitas University (Prof M. Matteoli, Dott.ssa M.L. Malosio), e l'IRCCS Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna (Dott. S. Boriani, Dott. M. Girolami, Dott.ssa M. Fini).

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento