CONCEPT CAR

Lancia Aprilia Sport by Zagato 

Rivive da due fotografie del 1938...

Tutto su: Concept car

  • Aggiungi a MyAuto
  • Invia a un amico
  • Stampa
1a

Dopo tante concept car e modelli di produzione ispirati più o meno dichiaratamente ad illustri progenitrici era inevitabile che prima o poi saremmo arrivati ad una vera e propria... resurrezione. La vettura protagonista di questo articolo infatti è a tutti gli effetti nuova, eppure risale al 1938. Sì avete capito bene.
Ci spieghiamo: la vettura esisteva, ma è andata distrutta. Di lei non sono sopravvissuti nemmeno i disegni tecnici, solo due fotografie. Eppure rimane una pietra miliare nella storia della Zagato - a cui si deve la realizzazione di questa vettura da competizione su base Aprilia - e in quella della lancia . Così il centenario del marghio italiano era un'occasione troppo ghiotta per non ripensare a questa splendida realizzazione: Andrea Zagato, però, ha saputo andare oltre, decidendo di riportare letteralmente in vita la creazione del nonno Ugo.

Un'operazione nostalgica che è diventata ben presto una sfida tecnologica, dal momento che ricostruire un'automobile partendo da due fotografie è una cosa più facile a dirsi che a farsi: i più sofisticati programmi di progettazione però hanno consentito di superare anche questo ostacolo, passando quindi alla costruzione dei pannelli della carrozzeria, fino a ricreare la vettura armoniosa che potete ammirare nella fotogallery che vi proponiamo.



04/12/2006

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre notizie su:Lancia

Sono stati inseriti 0 COMMENTI. Commenta »

     
    Ricerca articoli
     
    Ricerca Concessionarie:

    Ultime notizie da Moto.it Leggi tutte le notizie di moto
    • MXGP Lommel 2015. Maddii campione Europeo

      Il toscano chiude le sorti del campionato con l’8° posto della prima manche; a Simpson la MXGP e ad Anstie la MX2; stagione finita per Desalle

    • SBK 2015, Sepang. I primi quattro della Superpole

      Il commento dei primi 4 piloti della Superpole di Sepang. Guintoli fa la danza della pioggia, ma per Sykes la pista bagnata non fa la differenza. Torres dice che le Ninja sono dei treni, mentre a Max basterebbe stare con i primi

     
    ATTENZIONE