mostra aiuto
Accedi o registrati
economia

Perché il petrolio a prezzi stracciati fa tremare il mondo

-

Il petrolio è ai minimi storici ma diversi Stati, dall'America alla Russia temono effetti deleteri

Perché il petrolio a prezzi stracciati fa tremare il mondo

Quando il petrolio costa troppo è un problema, perché le ricadute sulle economie dei Paesi alla lunga finiscono per risultare pesantissime. Ma non va bene nemmeno quando il barile costa troppo poco. Insomma non c'è mai pace. Sembrerà uno scherzo ma il greggio a prezzi stracciati di queste settimane rischia di avere gravi implicazioni. Forse peggiori di quando i prezzi erano alle stelle. Ma riavvolgiamo il nastro e cerchiamo di capire perché.

Europa e America tremano

Non sono infatti solo la Russia di Putin o il Venezuela di Maduro a seguire con trepidazione le quotazioni in caduta libera del petrolio. Il greggio sotto 30 dollari sta diventando un serio grattacapo anche per la Bce e la Fed americana, che rischiano di dover rifare i conti e rivedere alcune scelte (soprattutto la prima) di fronte a una crescita globale ancora più fragile del previsto. Dopo una puntata ieri sotto i 30 dollari, ai minimi dal 2003, oggi il barile Wti ha tentato un rimbalzo del 4%, azzerato dal balzo delle scorte americane a 482,6 milioni di barili.

Ma c'è un altro grafico a cui in molti cominciano a prestare attenzione: non è quello dei futures con consegna nei prossimi mesi, ma il forward a cinque anni, crollato a poco più di cinquanta dollari. Un valore che dà ragione a chi sostiene che i prezzi petroliferi si riprenderanno con una lentezza esasperante, complice anche la domanda indebolita e tutte le incognite che ruotano attorno alla Cina. Potrebbe essere una manna per i consumi globali, aiutati dai carburanti meno cari. Meno in Italia, dove il peso delle tasse e una certa rigidità dei produttori consentono aggiustamenti di diesel e benzina molto limitati.

Rischio deflazione

In realtà è una situazione che rischia di esacerbare il ristagno dei prezzi, o la deflazione, in buona parte delle economie avanzate, mettendo in forte difficoltà le banche centrali. E, a ricaduta, pesare sulla crescita economica, visto che consumi e investimenti hanno bisogno di un livello salutare di inflazione. «Dire quando si toccherà il fondo è come afferrare un coltello che cade», dice alla Bloomberg un trader smaliziato a Boston. Molto dipenderà da scelte politiche. L'Arabia Saudita ha intenzione di inondare il mondo del suo greggio: per frenare lo sviluppo di fonti energetiche alternative e per non perdere quote di mercato, tanto più che a giorni dovrebbero essere ufficialmente tolte le sanzioni all'arcinemico Iran, pronto ad aumentare la sua produzione di un milione di barili nel solo 2016.

E nonostante in tanti chiedano una riunione d'emergenza dell'Opec prima di giugno, con il Cartello bloccato una guerriglia fra fazioni non c'è nulla in programma. Non è detto che si avverino per forza le previsioni di Citigroup o Goldman Sachs, che invitano a guardare ai 20 dollari al barile. Ma è chiaro che le previsioni della Bce, 52 dollari di prezzo medio per il 2016 e 57,6 per l'anno dopo, non reggono più. Con il rischio che Draghi, dopo aver deluso i mercati a dicembre allungando (e non espandendo) il quantitative easing, debba cambiare rotta di fronte a un'inflazione di appena lo 0,2% che non promette di risalire (15 la stima per il 2016 con crescita dell'Eurozona a 1,7%).

È una situazione che rischia di esacerbare il ristagno dei prezzi, o la deflazione, in buona parte delle economie avanzate, mettendo in forte difficoltà le banche centrali

I Paesi più esposti alla guerra dei prezzi

E anche il percorso di normalizzazione dei tassi Fed è sempre più messo in forse, mentre il Wall Street Journal avverte che un terzo dei produttori Usa di petrolio e gas rischiano la sopravvivenza. Il think tank Bruegel è convinto che i prezzi del greggio siano il "sintomo del rallentamento della crescita globale", e stima l'impatto sugli esportatori netti. La Russia, fra sanzioni e riserve bruciate per difendere il cambio, sembra in cima alla lista delle vittime. I sauditi sono protetti da riserve valutarie solide, ma c'è chi, come il Venezuela, si prepara al peggio e "sta valutando" una ristrutturazione del debito della compagnia petrolifera statale e si appella all'Opec per mettere fine alla "guerra dei prezzi". In un'economia mondiale alle prese con troppo greggio, l'Europa intanto torna a fare i conti con gli approvvigionamenti di gas: per Nord Stream 2, il gasdotto concordato fra Russia e Germania, l'Italiana Saipem è "uno dei candidati" per la posa dei tubi.

Russia: «Dobbiamo prepararci al peggio»

L'a.d. di Eni nei giorni scorsi aveva detto che non vi era nulla all'ordine del giorno in termini di partecipazione al progetto, aggiungendo però "che Saipem possa lavorare come contrattista per il NordStream ce lo auguriamo tutti". Intanto arriva un allarme da Mosca, che, come abbiamo visto, potrebbe essere uno degli Stati a subire le più aspre conseguenze da questa situzione paradossale. «E' necessario prepararsi al peggio se i prezzi del petrolio dovessero scendere ancora», ha detto il primo ministro russo Dmitri Medvedev. «Le possibilità dello Stato non sono infinite». Medvedev ha poi sottolineato che la classe media «si è impoverita» ma che la crisi è «ben lontana» dai livelli del 1998. Il rischio, ha aggiunto, è che il Paese entri in «depressione», dalla quale «è altrettanto difficile uscire che da una crisi».

Secondo Mosca il periodo del basso costo del petrolio potrebbe durare "per decenni", lo sostiene il ministro dello Sviluppo Economico di Mosca Aleksey Ulyukaye. Intanto il Cremlino ha ordinato degli 'stress test' tenendo conto di tre scenari: il petrolio a 25 dollari al barile, a 35 e a 45. Lo riporta Rt. Tanto per identificare la gravità della situazione basterà dire che la tenuta dei conti, per il 2016, era basata su un prezzo fissato intorno ai 50 dollari al barile.

Fonte: Ansa

 

  • sestacorda, Sant'Agata li Battiati (CT)

    La questione è complessa: bisogna aggiungere che di fatto se le quotazioni del greggio scendono e restano stabili verso il basso, tutti i paesi che fondano la propria economia sul petrolio vanno ad avere grossi problemi di equilibrio economico e quindi anche politico.

    Sul petrolio iraniano io non la farei così tragica: innanzitutto un milione di barili/giorno sono ancora pochi per influire sulla quotazione, in secondo luogo è un problema che si potrà realmente correre solo quando le infrastrutture iraniane saranno al livello necessario per produrre e distribuire il greggio, cioè non prima di alcuni anni.

    Il fatto è che il petrolio ai bassi prezzi che stiamo vedendo in questi ultimi mesi fa comodo a qualcuno.. vediamo chi... fatemi pensare...
    ...ho trovato! Fa comodo a tutti quegli attori del mercato che hanno interesse a non vedere crescere il tasso d'inflazione. Cioè a tutti i creditori (cui una risalita dell'inflazione causerebbe un danno economico mica da ridere, perchè un conto e vedere ripagato il proprio credito con moneta che vale, altro è vedersi pagato il proprio credito con moneta svalutata!). Quindi, senza volere fare alcuna congettura ulteriore, tutte le banche nord europee che vantano crediti immensi verso il settore privato (gli stessi crediti che ci strano strangolando a colpi di austerity) hanno tutto l'interesse che le quotazioni del petrolio siano basse, perchè tengono giù il tasso d'inflazione e loro possono, nel frattempo, cercare di recuperare quanto più possibile in moneta ancora "forte" i propri crediti presso i vari stati.
  • lorenzo.freschi, Tricesimo (UD)

    Siccome tutti ci dicono che con il petrolio che cala di prezzo fà danni , diteci anche chi è che orchestra questa situazione ??? per quali motivi ? forse per arrestare la crescita di energie alternative ? forse per mettere in crisi certe nazioni ? Che sia un'altra guerra economica iniziata dagli americani per indebolire i suoi antagonisti . Lo hanno fatto con le banche , adesso lo fanno con il petrolio ?? Tutte e due le situazioni loro sono i più forti e hanno il controllo globale . Che bene si stava quando c'era l'antagonismo fra i blocchi .
    Povero pianeta Terra chissà che fine farà con questi ingordi di potere e denaro che non importa nulla del futuro neanche dei loro figli...se ne hanno .
    Renzo UD
Inserisci il tuo commento