mostra aiuto
Accedi o registrati
#AMboxing

Ford Edge | Test drive #AMboxing

-

SUV, fuoristrada, vettura da grandi viaggi. L'importante è provarla nella giornata tipo 2.0 del Bordons...

Intro

The Edge. Il Bordo. Livin’on the edge. Canzone degli Aerosmith. The Edge. Da oggi è anche il SUV di casa Ford, una bestia da 18 quintali e oltre quattro metri e 80 di altezza. Già, Ford Edge. Il Bordo? Il Limite? Il Confine? Dategli la traduzione che volete, per noi semplicemente è un SUV con doti off road che bisogna anzitutto ammirare, e poi guidare.

Esterni

Eredita il family feeling e l’approccio alla dimensione pratica dei pickup statunitensi. Lo vedi nella grande calandra davanti, e nelle nervature delle fiancata. La firma luminosa è di grande impatto, specialmente dietro, dove una linea di LED percorre tutta la larghezza, pari a oltre un metro e novanta. L’altezza è di quasi uno e settanta, a indicare come le proporzioni ne determino una vettura possente e abile su tanti tipi di percorso. I cerchi sono da venti pollici, dietro il lunotto è molto ampio a favorire le manovre, mentre alcuni virtuosismi, leggi cornice cromata dei fendinebbia e dei doppi scarichi posteriori avvicinano Ford Edge, da noi provata in versione Sport, al gusto dei più esigenti. Non è un SUV di lusso, ma indubbiamente l’impatto visivo dei fari full LED e in generale la linea stupiscono e danno il senso dell’upgrade portato su strada dai designer Ford.

Interni

Come dicevamo, la praticità e un’essenza senza fronzoli sono alla base di Ford Edge, che anche negli interni non presenta materiali da vettura premium. Le chicche però non mancano, a partire dal battitacco illuminato; proprio l’illuminazione, nell’abitacolo, è di un colore bianco convinto che dona grande neutralità a Ford Edge, che per il resto offre plastiche più che sufficienti e dure soltanto sotto il parabrezza e lungo le portiere nelle parti basse. Per il resto, i sedili sono particolarmente comodi ed elettrici nelle impostazioni, mentre il volante può essere orientato in altezza e profondità, ma manualmente. La posizione di guida, per i più alti, è più elevata di quanto si potesse immaginare, e anche la plancia ha uno sviluppo classico. Il display centrale che ospita il sistema infotainment Sync 2 ha un touchscreen purtroppo resistivo, ma in generale la suddivisione delle funzioni in quattro aree è ormai un must conosciuto dai più. Il cruscotto è analogico ma offre un paio di display che avremmo organizzato diversamente. Raggiungere le varie voci non è infatti facilissimo.

Mentre la luminosità dell’abitacolo è garantita dall’ampio tetto apribile, va anche sottolineato che i vani portaoggetti, a bordo di questa Edge, non mancano per nulla; l’unica cosa che non ci intriga è l’organizzazione dei pulsanti fisici sotto il display centrale: c’è la grande rotella dell’impianto hi-fi, per l’occasione marchiato Sony e capace di suonare con grande qualità, ma poco altro, e tanta superficie sembra lasciata al caso. Va detto però che, in termini di climatizzazione, i sedili possono essere sia scaldati sia rinfrescati, e che in generale il clima automatico svolge bene il suo ruolo. Solo alla guida, però, ci si rende conto di un neo in caso di pioggia. Il particolare design dei tergicristalli porta tanta acqua intorno agli specchietti retrovisori, tanta da non rendere visibile ciò che accade dietro di noi proprio attraverso gli specchietti. Se a questa realtà aggiungiamo l’assenza del sensore di protezione dell’angolo cieco, va da sé che non ci troviamo proprio in un clima idilliaco. Dietro lo spazio non manca, così come nel bagagliaio, dove i 700 litri diventano oltre 1900 e dove è possibile, sotto la paratia, inserire altri oggetti in maniera ordinata. Il bagagliaio è apribile elettricamente cliccando sul pulsante preposto.

Motore

E’ certamente quello più a fuoco. Diesel, bi-turbo, ha una cilindrata di 2.0 litri e offre una potenza di 210 CV e 450 Nm di coppia. Coppia a 2000 giri, quindi non così in basso come ci saremmo attesi. La marcia è certamente fluida, ma nonostante i cavalli sembra mancare un pizzico di potenza ai bassi regimi. Oltretutto, a parte la modalità sportiva del cambio automatico, non siamo dotati di selettore delle modalità di guida, e capisci che sei su una Ford al primo giunto autostradale: la tenuta non manca, merito pure della trazione integrale permanente, ma abbiamo più morbidezza di quanto ci saremmo aspettati ad alte velocità dalle sospensioni. Niente di preoccupante, intendiamoci, e dobbiamo sempre ricordare che questa Edge è una vettura planetaria. Accelera da zero a cento in meno di dieci secondi, e supera brillantemente i 200 toccando addirittura i 211. In frenata di emergenza ci si rende conto dello spostamento dei carichi e del beccheggio figlio del design della vettura, ma l’arresto è in pochi metri e non necessita di grandi pressioni al pedale del freno. I consumi, nonostante lo start and stop, sono superiori alla media: 9 chilometri in città che diventano 13 intorno ai 110, mentre a 130 riusciamo a percorrere 10.5-11 chilometri.

Sensazioni di guida (sterzo, cambio, frizione)

Il powershift da sei marce e doppia frizione si comporta piuttosto bene su questa Ford Edge: c’è il kickdown in fondo all’acceleratore, ma in generale le marce sono ben spaziate e non determinano quel noioso effetto pullman che abbiamo già imparato a conoscere su altri modelli. In generale, poi, abbiamo anche la possibilità di sfruttare i padelle dietro al volante. A proposito del volante: ampio, ma ben organizzato nonostante i comandi sulle razze non siano pochi. Lo sterzo è diretto il giusto per una vettura di questa mole. Il servosterzo si indurisce a sufficienza ad alte velocità, e rimane morbido quando guidiamo nelle strade cittadine. Ancora più morbido e preciso è però in fuoristrada, dove la trazione integrale di Ford Edge, unita alle sospensioni morbide, ci ha sempre cavati di impaccio anche in situazioni piuttosto complicate. In generale, quindi, ci sentiamo di consigliare un po’ di offroad a bordo di questa Edge, perché va a completare un’esperienza di utilizzo altrimenti monca.

Sistemi di sicurezza attivi

La frenata di emergenza in città viene preceduta, a seconda delle nostra distanza dal veicolo che ci precede, dalla comparsa di sei LED luminosi sul parabrezza, davanti al driver. Se andiamo ancora sotto la vettura che ci precede, arriviamo addirittura a diciotto LED accesi contemporaneamente, e poi all’attivazione automatica della frenata di emergenza. Insieme al lane departure assist, comodo, c’è anche il Cruise control adattivo, che però si stacca sotto i 30 chilometri orari. L’assenza più grave è però quella del sensore di protezione dell’angolo cieco.

Altri optional

Ce ne sono eccome: si va dal tetto apribile molto ampio ai sensori di parcheggio posteriori e alla telecamera posteriore e anteriore, che però ha una flessibilità discutibile (vi rimandiamo al video). Tutto il sistema infotainment funziona senza pecche, a parte la tecnologia resistiva del touchscreen. I fari full LED illuminano bene, e non manca nemmeno l’abbagliante automatico. Questa version Sport, rispetto alla Titanium, offre altre chicche: oltre allo sterzo adattivo e ai cerchi in lega Black da 20 pollici, troviamo l’estrattore e il paraurti con design unique, la pedaliera in alluminio, e le sospensioni sportive. Ce n’è per tutti i gusti. Non lasceremmo mai indietro il tetto apribile, scegliendolo sempre.

Prezzi e conclusioni

Si parte da 46.250 euro per arrivare ai 53.750 della versione Sport, quindi quasi a 60.000 euro per la versione in prova qui. La sceglieremmo? Sì, perché è un po’ come noi: gente sportiva con un look ricercato. Ah, se solo fosse stata più in basso la coppia massima! Destinata agli amanti del design e delle auto americane, questa Ford Edge è consigliabile alle famiglie che abbiano grande necessità di carico, ma anche a chi non vuole passare in sordina bensì con un SUV possente, per farsi ammirare. Già, perché questa Ford Edge i passanti li fa girare! E non per gli insulti…

Pregi e difetti

  • + Design + Trazione integrale
  • - Coppia massima un pizzico troppo in alto - Touchscreen resistivo del Sync 2

Scheda

Motore In prova Cilindrata: 2.0 bi-turbo diesel Numero cilindri: 4 in linea Potenza: 210 cavalli Coppia: 450 Nm a 2000 giri Cambio: automatico doppia frizione a sei rapporti Trazione: integrale permanente Consumo km/litro: 9 in città, 10.5 a 130, 13 a 110 Emissioni CO2 per km: 149 grammi
Prestazioni: Velocità Massima: 211 chilometri orari 0-100: 9.6 secondi
Misure: Lunghezza/Larghezza/Altezza in cm: 481/193/169 Passo: 285 centimetri Bagagliaio: 700-1950 litri Pneumatici: 20 pollici Peso: 1784 chilogrammi

  1 di 12  
  • Principiante1

    Preferisco il colore arancio!
Inserisci il tuo commento
Altri su Ford Edge
Maggiori info
Ford
  • Ford Italia S.p.A. Via A. Argoli, 54
    00143 Roma (RM) - Italia
    800 22 44 33   http://www.ford.it