mostra aiuto
Accedi o registrati
primo test

Maserati GranTurismo 2018 [Video primo test]

-

Al volante della affascinante berlina sportiva modenese che si concede un lifting e migliora con il passare degli anni

Ha i suoi anni - la prima edizione è del 2010 - ma continua ancora ad affascinare la Maserati GranCabrio, che in occasione del model year 2018 si è concessa qualche aggiornamento che ne ha migliorato l'esperienza di guida e lo stile. Oltre al leggero restyling degli esterni, che ne ha migliorato anche l'aerodinamica, la Maserati GranCabrio annata 2018 vanta anche interni più raffinati rispetto al passato e un nuovo sistema di infotainment. La gamma GranCabrio è composta ora da due versioni: la GranCabrio Sport e GranCabrio MC.

La versione con motore da 4,2 litri esce di produzione, mentre la Sport e la MC condividono lo stesso propulsore V8 4.7 litri costruito da Ferrari che eroga una potenza di 460 CV a 7.000 giri/min e 520 Nm di coppia massima a 4.750 giri/min. E' abbinato ad un cambio automatico ZF a 6 rapporti che garantisce alla Sport un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,0 secondi e una velocità massima di 288 km/h. Leggermente superiore quanto a prestazioni la GranCabrio, che nello 0-100 km/h impiega 4,9 secondi e raggiunge una velocità massima di 291 km/h. Scopriamola nel nostro video, con la prova su strada di Andrea Galeazzi.

Com'è fuori

Nasce nel 2007 ma è sempre stupenda e contemporanea, anche oggi, arricchita poi dalle nuove grintose correzioni, specie nella variante MC oggetto della nostra prova. Il Centro Stile Maserati di Torino ha eseguito il lifting mantenendo il fascino del disegno originario di Pininfarina, ma al contempo migliorando l'efficienza aerodinamica e ottenendo l'ottemperanza alle recenti normative in materia di sicurezza dei pedoni. Anche i proiettori hanno subito un leggero restyling per il 2018, mentre è presente una nuova telecamera posteriore di parcheggio integrata. 

La grintosa griglia Maserati

Cambiano anche i paraurti anteriori e posteriori, con inserti differenti a seconda della versione. La griglia si ispira alla concept Alfieri, molto apprezzata all'epoca della sua presentazione nel 2014. L'elemento distintivo delle due versioni è il nuovo splitter centrale: più aggressivo sulla GranCabrio MC e comunque utile a ridurre la resistenza aerodinamica da 0,35 a 0,33.

Com'è dentro

Tanta pelle e alcantara ma anche carbonio, persino sulle palette (fisse ma lunghe) al voltante. Non emette effetti futuristi, semmai il contrario, ma continua a lasciare meravigliati per l’ottima posizione di guida o relax ai posti anteriori, concedendo la medesima sensazione, se non si sia sopra la media in quanto a statura, anche dietro. Infotainment cresciuto nel tempo e valido per dimensioni e funzioni integrate, più della climatizzazione che invece sente un po’ gli anni, staccando da quanto si trovi sopra di lei. Gli interni della GranCabrio offrono comfort per quattro ospiti grazie ai sedili individuali in pelle Poltrona Frau disponibili anche in Alcantara e pelle. Per il 2018, la plancia presenta un design diverso sul lato passeggero ed anche la console centrale è più ordinata e libera. La parte inferiore è stata ridisegnata per poter alloggiare il doppio selettore rotante in alluminio forgiato ormai di serie su tutti i modelli Maserati, mentre la pulsantiera delle modalità di guida è stata spostata di fronte alla leva. 

Infotainment a 8,4 pollici

Debutta sul modello anche il più recente sistema di infotainment con display capacitivo ad alta risoluzione da 8,4”, compatibile con le funzioni di mirroring per smartphone Apple CarPlay e Android Auto. Maggiormente ispirata alle corse è la GranCabrio MC, con interni rivestiti in pelle Poltrona Frau e Alcantara, palette del cambio al volante e pedaliera in alluminio forato. Come optional sono disponibili i sedili anteriori sportivi con schienali in fibra di carbonio. Entrambi i modelli sono equipaggiati con l'impianto audio Harman Kardon di serie.

Come si guida

Come una vera sportiva tricolore, di razza. Svela due anime, secondo la modalità guida selezionata e la quantità gas dato con il piede destro. Certo che i pochi chilometri concessi a pieno gas, durante i test dedicati, non bastano mai a sfamare il gusto che dona la guida della Maserati Gran Turismo. Un’auto che oltre la prestanza dona anche comodità, grazie all’ottimo lavoro delle sospensioni che assorbono anche dissesti come quelli che tipicamente troviamo sulle nostre strade, senza far sembrare di essere su un rigido Kart come certe rivali. Il V8 4.7 made in Maranello sa essere gentile, anche a livello sonoro, come da urlo, basta scegliere. Coppia e cavalli in abbondanza, pur se non da record nel rapporto peso potenza, trattandosi di una stupenda berlina che regala comodità e lusso, non di una minuta spider tutta (e solo) grinta e due soli posti. Proprio per non dare scossonni esagerati anche la trasmissione ZF sei rapporti è rapida ma non scorbutica, mai capace di far venire il mal di schiena, giustamente, secondo la filosofia GT della Casa. Per utilizzo urbano, la morbidezza relativa dello sterzo non affatica certamente, capace però di cambiare per dare precisione ai già bilanciati movimenti della Gran Turismo, che vanta una massa ripartita 49:51 tra asse anteriore e posteriore. Un nuovo aiuto è la visione estesa con retrocamera, per i parcheggi, mentre in viaggio purtroppo, il Cruise non è totalmente adattivo, ma il comfort è sempre dei più elevati nel segmento, pur oltre dieci anni dopo il debutto.

  1 di 53  

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Maserati GranCabrio
Maggiori info
Maserati