Prova su strada

Nuova Kia Soul 

Spazio alla personalità

Cambio d’immagine per una nuova strategia commerciale: la Soul muta pelle, trasformandosi da monovolume compatta in un SUV in sedicesimo. Un’alternativa convincente, per trovare spazio in uno dei segmenti più affollati e dinamici del mercato

Nuova Kia Soul
  • Aggiungi a My Auto
  • Invia a un amico
  • Stampa

Punto e a capo: per la Kia Soul inizia un’altra vita. Restituita al falegname l’accetta con cui era stata realizzata la prima serie, ora si torna per il progetto estetico a più consueti oggetti di lavoro, come matita e computer design. Pur senza rinnegare in modo assoluto la sua immagine originaria, la Soul 2.0 si adegua ai tempi commerciali che stiamo vivendo. Il mercato chiede e premia i SUV, anche di dimensioni compatte? Kia si adegua, allestendo sul pianale più grande già usato per la Cee’d la seconda versione del modello nato nel 2009, cucendole un vestito che privilegia uno stile ben più curato e personale, che abbina dettagli esterni di carattere e dinamismo con un abitacolo improntato alla massima comodità per l’equipaggio. Operazione ardita, ma necessaria: Kia crede nella bontà del progetto e non teme di confrontarsi con rivali di ben altro blasone e lignaggio.

nuova kia soul (29)
La nuova Kia Soul è stata riprogettata dalla prima all'ultima vite, tanto che viene costruita su una nuova piattaforma meccanica

Chi è Kia

E lo fa a ben ragione: i dati commerciali indicano come il gruppo Hyundai-Kia occupi il 5° posto tra i costruttori mondiali, con produzione in crescita che sfiora i 7 milioni di unità; Kia, dal canto suo, in soli 5 anni ha raddoppiato la quota di prodotto, ora superiore ai 2,5 milioni di unità; in Europa, Kia vale il 2,7% del mercato; è tra i pochi marchi (gli altri sono Toyota e soprattutto Skoda), in un contesto generale in caduta di quasi il 2%, di incrementare, seppur di poco, i numeri di vendita, con prospettive positive di ulteriore crescita. Per raggiungere tali obiettivi, Kia dal 2009 al 2012 ha presentato 8 nuovi modelli, ne presenta altri 3 da qui al 2015 (la Soul è il primo), mentre dal 2015 al 2018 assisteremo all’arrivo di altri sei nuovi modelli.

nuova kia soul (35)
L'abitacolo è moderno e confortevole

Com’è fuori

Se finora la Soul si riconosceva al primo sguardo per le forme squadrate che non per tutti sono sinonimo di equilibrio e bellezza, ora l’approccio visivo è senz’altro più attraente e piacevole: è bastato intervenire un po’ sulle dimensioni totali (è più bassa della precedente, con incrementi invece per lunghezza, larghezza e passo) e soprattutto inserire dettagli capaci di assicurare il salto di qualità. Tutto il merito, quindi, del nuovo look va assegnato ai gruppi ottici anteriori, alla mascherina che personalizza il muso, ai passaruota allargati con il sovrannumero degli archi in evidenza, alle modanature nere dei paraurti, alle minigonne laterali, mentre il posteriore si arricchisce di una cornice nera che potrà apparire ingombrante, ma che si rivela invece solo vistosa e quindi caratterizzante. La doppia colorazione, con il rosso o il bianco della carrozzeria a contrastare il nero del tetto, aggiunge un altro elemento distintivo per la vettura coreana e conferma l’evidente stacco qualitativo rispetto al modello che manda in pensione: una scelta che trova ragion d’essere anche nel target di clientela che si vuole raggiungere, ben più giovane e pretenzioso rispetto ai presunti compassati utilizzatori della Soul prima serie.

L’abitabilità è uno dei punti di forza della Soul: alla prevedibile alta comodità dei posti anteriori si aggiunge un livello molto alto per i sedili posteriori

Gli interni

Le premesse di uno stacco evidente con il passato trovano conferma appena entrati nella nuova Soul: l’abitacolo appare subito molto ben rifinito, con uno styling giovane e piacevole abbinato a materiali d’arredamento di prima qualità. Il posto guida, con la poltrona ben regolabile, è servito da una serie completa di strumenti, per il massimo controllo durante la marcia: strumentazione con classici indicatori analogici e quadro centrale a riportare le info sul comportamento dinamico del motore, e soprattutto il grande display (schermo da ben 8 pollici) che racchiude le funzioni del navigatore con quelle del sistema d’infotainiment (comprese le porte d’accesso aux ed USB per connettere i dispositivi elettronici personali) diventano i compagni ideali per viaggi all’insegna del comfort. L’uso del touch screen, quasi sorprendente per la reattività alla sollecitazione, diventa quasi pleonastica una volta presa la mano con i comandi al volante, quest’ultimo dal disegno sportivo che non contrasta affatto con lo stile complessivo della vettura.

nuova kia soul (45)
La nuova Soul si distingue per i grandi gruppi ottici anteriori con luci diurne a led integrate

 

L’abitabilità è uno dei punti di forza della Soul: alla prevedibile alta comodità dei posti anteriori si aggiunge un livello molto alto per i sedili posteriori, che accolgono tre adulti (ed anche di corporatura non certo slim) garantendo a tutti la giusta porzione per la seduta e per le gambe. Un risultato eccellente, al quale bisogna aggiungere anche l’aumentata capacità di stivaggio dei bagagli, cresciuta del 4% rispetto la precedente versione: ora sono disponibili in configurazione standard 354 litri, ovviamente incrementabili grazie al classico frazionamento dello schienale posteriore.


Tra i plus offerti dalla Soul, il volante riscaldabile, il sistema di ventilazione per i sedili  anteriori e quello di riscaldamento per tutte le poltrone di bordo, il pulsante di messa in moto senza chiavi, il sistema Smart Parking Assist di supporto nelle manovre di sosta, il tetto panoramico. Un pacchetto di dotazioni di livello premium nel corpo compatto di un crossover che supera di poco i quattro metri di lunghezza. I sedili sono un altro degli elementi rivisti rispetto alla prima serie: oltre alla diversa conformazione, ha struttura interna in alluminio ed offre una confidenza di guida davvero apprezzata.

Due motori e due cambi (e tra poco arriverà il GPL)

In ossequio alla politica di downsizing imperante, sotto il cofano della Soul battono solo motori a 4 cilindri ad iniezione diretta, praticamente della stessa cilindrata a prescindere dal sistema d’alimentazione. Agli iniziali propulsori a benzina e gasolio si affiancherà presto la versione a GPL, tra qualche mese soltanto anche la Soul tutta elettrica e indiscrezioni su una prossima ibrida (con trazione posteriore) indicano una tempistica di attesa di un paio di stagioni.

 

Ma torniamo al presente: il motore a benzina 1.6 GDI da 1.591 cc offre 132 CV a 6.300 giri/min e 161 Nm di coppia a 4.850, con emissioni di 151 g di CO2 al km e consumi dichiarati di 6,51 l/100 km; a sua volta il diesel U2 1.6 VGR da 1.582 cc con turbo a geometria variabile mette in strada 128 CV a 4.00 giri/min e 260 Nm a 2.750, rilasciando 125 g di CO2 al km e consumo dichiarato di 4,8 l /100 km. I propulsori sono abbinati ad un classico cambio meccanico od ad uno automatico, entrambi a sei marce.

La scelta del nuovo pianale comporta evidenti miglioramenti delle caratteristiche dinamiche, amplificate dai cerchi da 18 pollici

Comportamento dinamico

La scelta del nuovo pianale comporta evidenti miglioramenti delle caratteristiche dinamiche, amplificate dai cerchi da 18”, mentre a livello di comfort e guidabilità la rigidità della scocca aumentata del 29%, le sospensioni riviste e il miglioramento dell'insonorizzazione, con la riduzione della rumorosità interna di 3 decibel, pongono la Soul ai massimi livelli della categoria, risultato imprescindibile per rendere concreti gli ambiziosi obiettivi commerciali riposti da Kia su questa vettura.

nuova kia soul (4)
Il sistema di infotainment della nuova Soul è molto intuitivo e reattivo

 

Il salto qualitativo è evidente: seduta alta, volante regolabile, visibilità garantita in ogni situazione, si uniscono a prestazioni dinamiche che non possono definirsi sportive (ma chi le pretende?) quanto piuttosto agili e piacevolmente progressive. Stabile e precisa nel seguire le traiettorie, la Soul offre un’agilità sorprendente nei tratti più guidati e nelle curve più impegnative, ben supportata da un adeguato sistema frenante che mostra qualche affanno solo se strapazzato oltremisura, come raramente crediamo possa succedere nella realtà.


Tra le diverse combinazioni tra motori e cambi, a convincere maggiormente è l’opzione benzina+manuale: pur se non sempre impeccabile nelle scalate più veloci e con una corsa della leva riducibile, assicura un maggior divertimento e soprattutto in ripresa consente di sfruttare al meglio la potenza del motore. La velocità massima di 180 km/h è credibile: il picco si raggiunge dopo un breve lancio, ma per non incorrere nelle grinfie dei tutor ricordiamo la comoda selezione del cruise control.

nuova kia soul (39)
Presto il motore GDI a benzina verrà proposto in Italia anche in una variante bi-fuel a GPL


Per contro, il diesel ha una buona potenza, distribuita su un arco ampio per la migliore progressione; il cambio automatico non si mostra reattivo come si vorrebbe in accelerazione e questo penalizza un po’ il comportamento dinamico.


Promosso a pieni voti, infine, il comfort di bordo: in autostrada ed alla massima velocità, dall’esterno giungono solo echi ridotti dal motore e dal rotolamento dei pneumatici, e fruscii quasi nulli. La condizione ideale per ascoltare la musica preferita, emessa dall’impianto Premium sound system, con ben otto speaker attivi in tutto l’abitacolo.

Grazie alle quotazioni interessanti (cui occorre unire il valore aggiunto della Garanzia di 7 anni che accompagna tutti i modelli Kia), l’azienda coreana confida di vendere 1.500 Soul in Italia nel 2014 ed oltre 2.200 per il prossimo anno

I prezzi

La nuova Soul sarà nelle concessionarie Kia a partire dal prossimo aprile: il prezzo base è fissato in 18.500 euro per la versione con motore a benzina con cambio manuale e di 21.000 euro per la diesel; l’allestimento base sarà integrabile con tre pacchetti di personalizzazione, con step di 2.500 euro. Per i primi clienti è prevista una speciale condizione d’acquisto: potranno prendere la Soul a benzina al prezzo di 15.950 euro chiavi in mano, compresi il display da 8 pollici ed il sistema di navigazione (un "regalo" da 2.500 euro) sempre restando sulla versione 1600 benzina. Grazie alle quotazioni interessanti (cui occorre unire il valore aggiunto della Garanzia di 7 anni che accompagna tutti i modelli Kia), l’azienda coreana confida di vendere 1.500 Soul in Italia nel 2014 ed oltre 2.200 per il prossimo anno.

kia soul ev 17
La Kia Soul EV presentata in anteprima mondiale al Salone di Chicago

Presto anche l’elettrica

Presentata al Salone di Chicago e poi a quello di Ginevra, si avvicina la data di debutto europeo per la Kia Soul EV: il primo modello a trazione elettrica della casa coreana, con batteria agli ioni di litio da 27 kWh, vanta una densità di energia vanta con il limite eccezionale di 200 Wh/kg (ai vertici della categoria) e alimenta un motore da 110 CV/285 Nm garantendo un’autonomia di 200 km. Valori che la pongono ai gradini più alti di un ideale podio di categoria. Lo schema tecnico della Soul EV prevede un motore elettrico collegato alle ruote anteriori: accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 12 secondi, velocità massima di 145 km/h. Il tempo di ricarica oscilla tra i 25 minuti e le 6 ore, che si usi un impianto ad alte prestazioni o uno tradizionale.

Pregi

- Qualità interni

- Dotazioni di infotainiment
- Estetica convincente e personale

Difetti

- Efficienza cambio automatico



26/03/2014
Alfonso Rago

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Sono stati inseriti 1 COMMENTI. Commenta »

  • 1. Imbruttita

    Esteticamente è nettamente peggiorata a mio avviso.

 
Ricerca Concessionarie:
Altri modelli interessanti
 
ATTENZIONE