mostra aiuto
Accedi o registrati
salone di ginevra 2017

Nuova Alpine A110: le prime immagini ufficiali [Video]

-

Renault svela la nuova “berlinette bleu” che si ispira all'omonima coupé degli anni '60 e '70. Con carrozzeria e telaio in alluminio accelera da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi

A poche settimane dal debutto ufficiale al Salone di Ginevra 2017, Renault rivela finalmente la nuova Alpine A110, prima vettura del nuovo corso del marchio francese famoso negli anni '60 e '70 per le vittorie nei rally. 

Per quanto riguarda il nome, il costruttore francese ha scelto di rimanere fedele alla tradizione, riutilizzando la sigla A110 che è la stessa della “berlinette bleu” che ebbe nel 1973 la sua annata d'oro vincendo 6 eventi del Mondiale Rally.

Non sono ancora stati diffusi i dati tecnici, se non che il remake della coupé due posti transalpina ha telaio e scocca in alluminio e che l’accelerazione da 0 a 100 km/h è di 4,5 secondi.

Intanto è possibile prenotare la Alpine A110 nella versione “Première Editionche sarà prodotta in 1.955 esemplari, come l'anno di nascita del marchio. La Alpine A110 “Première Edition” avrà un prezzo variabile tra 55.000 e 60.000 euro e una dotazione particolarmente ricca. Le prime consegne sono previste per l'inizio del 2018.

  1 di 4  
  • mario.bianchi1055, Verbania (VB)

    Non vedo gli elementi fondamentali che rendevano unica ed originale l'A 110: la disposizione del motore posteriore longitudinale con la tipica coda affusolata e l'inconfondibile assetto Alpine e non il motore trasversale come questa rievocazione, il cofano motore spiovente verso il basso con i parafanghi posteriori, bombati aderenti alle ruote. Manca lo stile Michelotti, a quanto pare inimitabile dell'A 110 di Jeam Rédélé, il ringhio Alpine, il suo chassis monotrave tubolare, il motore posteriore longitudinale e i 700 kg. di leggerezza.

    A 110 is not BACK,

    Lo spirito dell'A110

    Bassa, aerodinamica, più leggera della più leggera Lotus. Con quell'assetto Alpine che ha fatto storia. Quel camberaggio posteriore negativo per contrastare il sovrasterzo e spingere furiosamente nelle curve, la careggiata posteriore più ampia, i cerchi Gotti, il ringhio Alpine, La grinta di Jean Rédélé. Il Blu di Francia che dominava i rally nei primi anni '70 nella miglior veste di Giovanni Michelotti. Il desiderio più sognato negli anni '70.

    Lo spirito della Régie: Innovazione

    L'apparizione dell'innovazione Renault avvenne sul rettilineo di Kyalami dove la turbomacchina RS01 sverniciava la Ferrari con un'incredibile velocità.
    In breve, la turboinnovazione di Renault s'impose e non solo in Formula 1. La mitica R5 Maxi Turbo di Ragnotti scese in strada per strabiliare nel rally. La piccola R5 turbo così innovativa e così diversa da tutte le altre auto.
    Il recupero valvole pneumatico in F1 per superare la soglia dei 20.000 giri.
    L'unica squadra in F1 che batte' con Alonso, il dream team Ferrari.
  • salentomaresolevento, lecce (LE)

    Sono un appassionato che, molti anni fa, ha posseduto una A 110 VB 1.6 138cv, ovviamente BLu Alpine. Meravigliosamente "nervosa".
    Trovo che aver riportato questo marchio in "vita" sia stata una gran bella idea. Speriamo che faccia anche breccia nei cuori degli appassionati e sul mercato, nonostante sia di nicchia.
    Certamente porterà con sè delle soluzioni tecniche interessanti, che daranno nuovamente lustro al nome Alpine.
Inserisci il tuo commento