cambi automatici

Auto elettriche tutte monomarcia? Anche no: pronto il nuovo cambio a due rapporti ZF

-

Un sistema integrato migliora l’efficienza di conversione energetica ed estende l’autonomia del 5%. Nasce per le compatte e cambia a 70 Km/h, ma essendo modulare può andare anche sulle sportive

Auto elettriche tutte monomarcia? Anche no: pronto il nuovo cambio a due rapporti ZF

Questa volta la battuta, ci può stare: ZF ha una marcia in più. Si perché loro, che fanno i cambi dedicati alle auto termiche e anche ibride (vedi future FCA a marchio Jeep, Alfa e Maserati) presentano la nuova trasmissione elettrica a 2 rapporti. È destinata agli EV e integra un avanzato motore elettrico a un componente del cambio, con adeguata elettronica di potenza. Lo scopo del miglioramento nell’efficienza di conversione energetica è quello di estendere l’autonomia dopo ogni ricarica della batteria.

Meno consumi

“Ogni aumento percentuale nell’efficienza di conversione energetica si traduce in un aumento del 2% dell’autonomia.” Ricordano da ZF, dove hanno messo a punto un nuovo motore elettrico con potenza massima di 140kW accoppiato a un componente del cambio a due rapporti. I veicoli con questa trasmissione consumano meno energia, una stima dice che si estende l’autonomia fino al cinque percento rispetto a un’unità a 1 rapporto.

Il cambio marcia ha luogo a 70km/ora, ma essendo integrato in rete, il cambio intelligente ZF potrebbe rispondere in modo predittivo, ad esempio passando in modalità ECO o SPORT secondo i percorsi, la carica e la distanza dalle colonnine.

Grazie al design che ottimizza gli ingombri, il sistema a due rapporti è da subito adatto ai veicoli compatti ma può “ingrandirsi” se necessario. In ZF spiegano che per vetture con rimorchio si combina il cambio a due rapporti con motori elettrici ancora più potenti che possono produrre fino a 250 kW.

 

OMF

  • milan3, Bologna (BO)

    Sono ancora pochi due rapporti, non si puo' pensare di fare una rampa di garage sotterraneo a passo d'uomo e andare a 130 con lo stesso rapporto, il motore puo' avere la coppia necessaria, ma non l'efficienza e neppure il regolatore che quando deve parzializzare scalda da manicomio.
    Aumentare l'autonomia del 5% lavorando sulle batterie quanto puo' costare ? Almeno 50 volte piu' di un cambio, e in frenata scalare puo' aiutare a recuperare piu' energia, allora non montare il cambio è solo una scelta "ideologica".
Inserisci il tuo commento