mostra aiuto
Accedi o registrati
WEC

WEC 2017, 6 Ore di Silverstone: pole per Toyota

-

Pole position in Inghilterra per la Toyota TS050 Hybrid n.7, affidata a Kamui Kobayashi - autore del miglior tempo assoluto - e Mike Conway

WEC 2017, 6 Ore di Silverstone: pole per Toyota

Nelle qualifiche di Silverstone è 1-2 per Toyota: a scattare dalla pole position sarà la TS050 Hybrid n.7, affidata a Kamui Kobayashi - autore del miglior tempo assoluto, 1'36"793 - e Mike Conway. La media dei crono del nipponico e del britannico, 1'37"304, è stata sufficiente per battere la vettura gemella, la n.8, nelle mani di Kazuki Nakajima ed Anthony Davidson. 

Staccati di oltre un secondo dalla TS050 Hybrid n.7 sono i due equipaggi di casa Porsche: il terzo tempo è stato ottenuto dalla coppia Nick Tandy-Neel Jani, sulla 919 Hybrid n.1; segue la vettura gemella, la n.2, affidata in qualifica a Brendon Hartley e Timo Bernhard. Porsche ha avuto un approccio conservativo nella ricerca della prestazione nel sabato di Silverstone, preferendo risparmiare pneumatici e puntare sui doppi stint nella gara di domani. 

Nella classe LMP2, invece, sara l'Oreca 07 Gibson n.26 preparata dalla G-Drive Racing a scattare dalla pole position: Alex Lynn e Pierre Thiriet hanno fatto registrare il miglior crono. Seconda posizione per l'Alpine A470 Gibson n.36, affidata a Nicolas Lapierre e Matthew Rao; completa la top three l'Oreca 07 Gibson n.37, della Jackie Chan DC Racing, nelle mani di Oliver Jarvis e Thomas Laurent. 

Ford sugli scudi nella classe LMGTE Pro: la GT n.67, affidata a Harry Tincknell e Andy Priaulx ha esercitato un dominio schiacciante sulla concorrenza, staccando la Ferrari 488 n.71 di AF Corse, nelle mani di Davide Rigon e Sam Bird, di oltre un secondo.

La vettura gemella, la 488 GTE n.51, di Alessandro Pier Guidi e James Calado, è terza. Male le Porsche 911 RSR, apparse decisamente in difficoltà con l'assetto. Nessuna novità in LMGTE Am, che ha visto l'ennesima pole position per l'Aston Martin V8 Vantage n.98 di Paul Dalla Lana e Pedro Lamy.

Foto: Manrico Martella, Italo Putzu, FIA WEC

  1 di 26  

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento