Prova su strada

Fiat Panda 4x4 Vs. Fiat Panda 4x4 

Multijet o TwinAir?

Abbiamo messo a confronto le due motorizzazioni della Fiat Panda 4x4, il TwinAir Turbo da 85 CV e il diesel MultiJet II da 75 CV rispettivamente proposti a partire da 16.950 euro e 17.650 euro

Fiat Panda 4x4 Vs. Fiat Panda 4x4
  • Aggiungi a My Auto
  • Invia a un amico
  • Stampa

Madonna di Campiglio – Sulle belle strade tutte tornanti dell’alta valle Rendena abbiamo messo alla prova i due motori della Fiat Panda 4x4 - rispettivamente proposti a partire da 16.950 euro (TwinAir) e 17.650 euro (diesel) - mettendoli alla frusta sulle impegnative strade sterrate, innevate e ghiacciate dei boschi locali. La Panda 4x4 l’avevamo già provata, ma non avevamo potuto confrontare i due motori a parità di percorso. In pratica la domanda è, “Ma quale motore è più adatto a me? Quale Pandino devo prendere? Il Verde Toscana o il Beige Sabbia?” Ebbene ecco i nostri suggerimenti per trovare le risposte!

Equilibrio progettuale

La Panda 4x4 a ci convince molto, in termini di design, interni ed accessori. E’ un’auto ben progettata, molto moderna nelle dotazioni e nella connettività e presenta degli interni caratterizzati da una buona abitabilità. Uno sforzo quello di Fiat nel riproporre un evergreen giunto alla sua terza generazione non indifferente, in quanto le aspettative di tutti gli italiani, e non solo, erano molto elevate.

Solo la vista posteriore  non ci convince molto, in quanto la parte alta dell’abitacolo sembra troppo stretta rispetto ai fianchi, poteva forse essere armonizzata di più, anche se nella vista laterale non si nota molto. Il frontale è invece simpatico e dinamico, più delle versioni precedenti, il che ne ringiovanisce la linea. Molto bello anche il Verde Toscana proposto per la carrozzeria esterna, sembra proprio il colore giusto per la variante 4x4, ma questa è una questione di gusti...

confronta modello panda 4x4
Il nostro "confronta modello" ci permette di ricostruire in un click la storia di Panda 4x4 dal 1983 ad oggi

 

La Fiat Panda 4x4 è l'unico modello a trazione integrale del segmento A. Erede di una best seller che fece la sua prima apparizione 29 anni fa, oggi la nuova Panda a trazione integrale si conferma una vettura "tuttofare" pronta ad affrontare con la stessa disinvoltura tanto le mulattiere di montagna  quanto  la "giungla" urbana. Forte di una dotazione di serie di interesse, la nuova Panda 4x4 si propone come una degna concorrente di vetture off-road dalle dimensioni (e dal prezzo) ben più importanti.

Tecnica 4x4

La nuova Panda 4x4 adotta un sistema di trasmissione integrale "Torque on demand" che entra in funzione automaticamente quando occorre, trasferendo potenza dalla ruote anteriori a quelle posteriori. Grazie al cambio a 6 marce (5 per la diesel) con prima accorciata, in abbinamento al motore TwinAir Turbo, le doti off-road del modello vengono accentuate tramite un buono spunto nelle partenze ed in salita.

La Panda 4x4 propone di serie il sistema ESC (Electronic Stability Control) completo di funzione ELD (Electronic Locking Differential), un ulteriore ausilio alla guida e allo spunto in partenza su percorsi a scarsa aderenza e che resta in funzione fino a 50 km/h, per poi disinserirsi.

21 Panda 4x4
La nuova Panda 4x4 adotta un sistema di trasmissione integrale "Torque on demand" che entra in funzione automaticamente quando occorre, trasferendo potenza dalla ruote anteriori a quelle posteriori

 

Anche per i percorsi stradali la Piccola 4x4 è ben attrezzata, grazie ad uno schema delle sospensioni rinnovato: a ruote indipendenti di tipo MacPherson per l'anteriore, a ruote interconnesse tramite ponte torcente al posteriore. Infine, contribuiscono all’ottenimento di buoni valori di aderenza su ogni superficie l'adozione di pneumatici specifici 175/65 R15 84T M+S, adatti quindi anche alla stagione invernale con relativa omologazione.  La nuova Panda si trova a proprio agio su terreni sconnessi grazie alla generosa altezza da terra: 16 cm per la versione Multijet II e 15 cm per la versione Twinair . Ottimi anche i valori degli "angoli caratteristici da fuoristrada": 21° (attacco), 36° (uscita) e 20° (dosso).

Dotazione di serie completa

Ricca la dotazione di serie sulla 4x4 che include climatizzatore manuale, radio CD/MP3, cerchi in lega bruniti da 15", retrovisori elettrici, chiusura centralizzata con telecomando a distanza e poggiatesta posteriori. Inoltre, tra i numerosi optional e accessori disponibili, si segnalano il "City Brake Control", il sedile posteriore scorrevole e il Blue&Me.

La nuova Fiat Panda 4x4 è disponibile in abbinamento a due motorizzazioni, entrambe dotate di Start&Stop: lo 0.9 TwinAir Turbo da 85 CV e il diesel 1.3 Multijet II da 75 CV. Rispetto al 1.2 Fire della precedente generazione, il TwinAir Turbo propone un incremento del 40% della coppia che, unita al cambio specifico a 6 marce con prima accorciata, garantisce un netto miglioramento delle capacità di partenza in salita, della qualità dello spunto, dell'elasticità e della ripresa. Un analogo miglioramento è percepibile sulla motorizzazione Multijet II grazie all'aumento della coppia del 30%.

Diesel

Bene saliamo prima sulla “Verde” con motorizzazione Diesel Multijet 1.3 da 75 CV con cambio a 5 marce (il TwinAir ne ha 6). Il motore al minimo manifesta una rumorosità decisamente contenuta grazie ad un buon livello di insonorizzazione interna. La posizione di guida è ergonomica e presenta un cambio collocato in alto alto, avremmo solo preferito il volante regolabile anche in lunghezza oltre che in profondità. La Panda 4x4 TD parte anche senza bisogno di una eccessiva pressione sul pedale dell’acceleratore, basta inserire la prima e rilasciare un filino la frizione. Il cambio è dolce ma la frizione stacca un po’ troppo in “alto”.

La nuova Fiat Panda 4x4 è disponibile in abbinamento a due motorizzazioni, entrambe dotate di Start&Stop: lo 0.9 TwinAir Turbo da 85 CV e il diesel 1.3 Multijet II da 75 CV


Il motore spinge subito forte dai 1.500 giri e con progressione fino a 2.500, dopo la verve cresce e ci si può concedere una guida sportiva fino ai 3.500 giri, regime in cui iniziano però a divenire avvertibili sia la rumorosità che le vibrazioni. L’erogazione è lineare ed i consumi sono effettivamente contenuti, peccato solo per la quinta un po’ corta.

In off-road

Ecco il terreno dove la Panda 4x4 si distingue dalle sue sorelle, ma in generale da quasi tutte le auto. E’ una vera arrampicatrice. Leggera, corta e stretta, con un sistema 4x4 collaudato che alle basse andature fa proprio bene il suo dovere. La trazione posteriore si inserisce quando necessario in maniera sufficientemente veloce, solo nelle brusche accelerate su fondo innevato è possibile avvertire una lieve perdita di aderenza, subito mitigata dall’ingresso in funzione del sistema ELD (azionabile con un pulsante posto al di sopra del cambio) che toglie trazione dalle ruote che scivolano per darla solo a quelle in presa. La potenza limitata fa sì che le eventuali imbardate laterali vengano velocemente corrette dall’elettronica e che siano veramente rare. Con il motore diesel, in fuoristrada l’ideale è utilizzare usare la prima e la seconda marcia. I rapporti sono comunque globalmente corti, ed in alcuni tornanti sterrati abbiamo dovuto inserire la prima.

30 Panda 4x4
L'off-road è il terreno in cui la Panda 4x4 si distingue dalle sue sorelle, ma in generale da quasi tutte le auto. E’ una vera arrampicatrice. Leggera, corta e stretta, con un sistema 4x4 collaudato che alle basse andature fa proprio bene il suo dovere

TwinAir

Scendiamo dalla Multijet e saliamo sulla Panda 4x4 “Bianco Sabbia” con il motore turbo TwinAir a benzina da 85 CV. Silenzioso, ma caratterizzato da un caratteristico borbottio da bicilindrico, ma dopo i 3.000 giri rilascia una piacevole rumorosità unica nel suo genere.

Percorriamo lo stesso percorso ricco di curve e tornanti, e da subito notiamo che il TwinAir è decisamente più dinamico: coppia da 2.500 a 4.500 giri e poi un bel allungo fin oltre 6.000 giri. La prima sensazione è di divertimento. Proprio una bella dinamica di guida aiutata anche dal nuovo cambio a 6 marce, con primina corta per il fuoristrada.

La guida è decisamente più sportiva rispetto al diesel, a patto di rimanere sopra i 2.500 gir/min, anche se il bicilindrico riprende dai 1.500 giri anche nelle marce alte. Fino a 4.500 gir/min è davvero un bel motore “tutta coppia”, basta schiacciare e va. Passata questa soglia l’unità Fiat presenta un comportamento decisamente più sportivo fino ad un regime di circa 6.500 gir/min.

Lasciamo l’asfalto  per la neve e le stradine in salita del bosco. Ci inerpichiamo, come con il diesel , con facilità. La prima è molto corta e aiuta il motore benzina a non perdere mai la potenza necessaria per lo spunto in salita e sulla neve. Anche su quest’ultima la Panda 4x4, grazie alla sua leggerezza, va via bene e non “affonda”. Risulta così piacevole inserire la seconda e mantenere il motore oltre i 4.000 giri, frangente in cui riusciamo anche a fare anche dei bei drifting! Rispetto al diesel in fuoristrada bisogna solo stare attenti a non far scendere troppo i giri motore, in quanto nelle salite più ripide il motore potrebbe spegnersi.

13 Panda 4x4
Panda 4x4 è una macchina utile e divertente allo stesso tempo. Nella versione 4x4 unisce praticità e misure da citycar a capacità di trasporto e movimento in off-road sconosciute a tante vetture

29 anni di sviluppo

La Panda alla sua terza generazione ha praticamente corretto tutti i difetti aggiungendo funzionalità. 29 anni di esperienza si sentono. Potremmo solo dire che sulle curve, e soprattutto nei  tornanti, se presi in velocità ed in accelerazione, si innesca un leggero sottosterzo e nei lunghi viaggi autostradali la posizione “eretta” di guida alla lunga stanca la schiena.

Conclusioni

Insomma Panda 4x4 è una macchina utile e divertente allo stesso tempo. Nella versione 4x4 unisce praticità e misure da citycar a capacità di trasporto e movimento in off-road sconosciute a tante vetture, anche a trazione integrale. Spendendo poco insomma si ha una vettura a suo agio praticamente ovunque.

Quale scegliere tra TwinAir o Multijet?

Se la si usa tutti i giorni anche per lavoro su percorsi a medio raggio indubbiamente il diesel, che unisce praticità ed economicità d’uso. Ogni tanto bisogna un po’ insistere sulle marce per i sorpassi, ma per il resto la potenza è adeguata. Se invece si desidera il divertimento, oppure una seconda auto, sicuramente il TwinAir, che costa meno e che presenta una dinamica di guida che può sicuramente piacere ai giovani.


 



27/12/2012
Matteo Ulrico Hoepli

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Sono stati inseriti 4 COMMENTI. Commenta »

  • 1.

    Gran bella macchina, penso il massimo della categoria, bella la furbata della parte superiore più stretta, che si aprezza nei sentieri fra li abeti con i rami bassi, spero facciano omologare ruote più strette e alte per la neve basterebbero 4 5 centimetri sarebbe il massimo brava FIAT

  • 2. Spazio interno dove?

    Ottima macchina 4x4 anche troppo rifinita se la si considera una off-road.
    Gli interni sono ridottissimi, l'opposto della mitica Sisley 4x4, poi per il colore giallo fare gli interni chiari su un auto in cui si sale spesso con scarpe infangate non mi sembra una furbata.

  • 3. Mah...

    Ho la Cross multijet....il motore non e' adeguato...rischi la vita nei sorpassi...da 69 a 75 c'è poca differenza! Manine corte come al solito!?! Perchè non un bel 90 cv e un cambio 6 marce??? Ti danno sempre il minimo per un prezzo non adeguato! Alla fine togli l'EGR e gli fai la centralina con circa 15 cv in più....e la macchina va bene e consuma meno...anche 2-3 km a litro in più!! Se poi si rimedia una turbina del 90 cv.....diventa super...ma per i miei gusti troppo!!

  • 4. Bella

    A me ispira molta simpatia, quel verde Toscana le dona moltissimo. Dovessi comprarla probabilmente prenderei la twinair, + che altro perchè giro poco e ho avuto occasione di fare un giro con quel motorino, piccolo ma molto forzuto!

 
Ricerca Concessionarie:
Altri modelli interessanti
 
ATTENZIONE