mostra aiuto
Accedi o registrati
USA

Trump: Alan Mulally, ex Ford, Segretario di Stato?

-

L'ex numero 1 dell'Ovale Blu in corsa per un posto nella squadra della prossima amministrazione USA

Trump: Alan Mulally, ex Ford, Segretario di Stato?

Secondo quanto riporta il Detroit News, l'ex presidente di Ford Alan Mulally potrebbe diventare il nuovo Segretario di Stato nella futura amministrazione degli Stati Uniti guidata dal neo presidente Donald Trump. Il presidente eletto ha infatti incontrato ieri Mulally nel corso delle consultazioni per completare la sua squadra di governo. 

Insieme ad Alan Mulally, oggi 70 anni e componente dal 2014 del consiglio d'amministrazione di Google, tra i candidati alla carica di Segretario di Stato Usa ci sono, sempre secondo la testata, Mitt Romney, in corsa alle Presidenziali 2012, l'ex governatore dello Utah Jon Huntsman, l'ex ambasciatore all'Onu John Bolton, l'ex sindaco di New York Rudy Giuliani, il responsabile delle relazioni estere del Senato Bob Corker e l'ex direttore della CIA David Petraeus. 

Mulally, dopo aver guidato Boeing, è stato presidente e ceo di Ford tra il 2006 e il 2014, guidando il colosso di Detroit nel periodo della grande crisi e facendo superare quella fase al Gruppo senza ricorrere agli aiuti che il Governo federale USA erogò, invece, a Chrysler e General Motors nel 2008 e nel 2009. Sotto la sua guida l'Ovale Blu in quegli anni cedette i marchi Jaguar, Land Rover, Aston Martin e ridusse sgnificativamente la partecipazione in Mazda.

Trump poche settimane fa aveva riferito pubblicamente di aver dissuaso Ford dal voler spostare uno stabilimento Lincoln dal Kentucky in Messico, ma il costruttore di Detroit aveva immediatamente smentito che ne avesse l'intenzione.

Durante la campagna elettorale il presidente eletto degli USA aveva annunciato di voler imporre un dazio doganale del 35% per le auto importate dal Messico, facendo pressione sui costruttori nordamericani per non delocalizzare la produzione di auto. 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento