Attualità

Limite in autostrada a 150 km/h, De Vita: «Aumenta la probabilità di incidenti»

-

Il nostro editorialista, Enrico De Vita, commenta la proposta del presidente della commissione Trasporti, Alessandro Morelli, di aumentare il limite di velocità in autostrada a 150 km/h

Limite in autostrada a 150 km/h, De Vita: «Aumenta la probabilità di incidenti»

È notizia di oggi la proposta del presidente della commissione Trasporti, Alessandro Morelli, di aumentare il limite di velocità in autostrada a 150 km/h. Decisione giusta o sbagliata? Il nostro editorialista, Enrico De Vita, spiega: «Io sono stato pilota di rally, e la velocità è sempre stata divertente. È vero che oggi gli strumenti per migliorare la sicurezza consentono di raggiungere protezioni e limiti impensabili in passato, ma è altrettanto vero che il traffico è aumentato in maniera esponenziale, gli strumenti di distrazione pure e contemporaneamente sono diminuiti i controlli».

«Portare a 150 km/h i veicoli di una corsia comporta rischi decisamente maggiori a quelli attuali. Consideriamo infatti che già oggi con il limite a 130 km/h possiamo viaggiare fino a 136 km/h utilizzando la tolleranza e riuscire a mantenere una media di questo valore sulle autostrade sarebbe già un risultato eccezionale. Morelli, poi, dimentica l’aumento dei consumi, ovvero le emissioni di CO2. Se il traffico sale di 20 km, l’aumento dei consumi sarà maggiore del 20%».

«Il fatto che l’aumento di velocità di alcuni veicoli comporti traffico più scorrevole non è del tutto vero, anzi. È dimostrato che maggiore è la differenza di velocità fra i veicoli della varie corsie, maggiori saranno le probabilità di incidente e più frequenti i rallentamenti improvvisi dovuti a congestione del traffico. Gli studi di ingegneria del traffico chiariscono che la portata di un’autostrada non aumenta all’aumentare della velocità, perché la portata, cioè il numero di veicoli all’ora, è attorno a 1200 unità per ogni corsia, qualunque sia la loro andatura, purché sia costante».

«Infatti la colonna dei veicoli di ogni corsia è come una collana montata su un filo elastico: più aumenta la velocità dei veicoli, più questi si allontaneranno l’uno dall’altro. Anche in maniera automatica, anche se non rispettano la distanza di sicurezza. Negli Stati Uniti o in Svezia le autostrade vantano sei corsie, ma in tutte viene rispettata una unica velocità massima, che negli USA è 110 km/h, e in Svezia 120 km/h. Questo rappresenta il massimo della sicurezza, della fluidità del traffico e della portata autostradale», conclude De Vita.

  • Fry56k7605, Gravina di Catania (CT)

    io penso che il limite di velocità in Autostrada in generale è assolutamente sbagliato. Solo in alcuni tratti dove occorre come in Germania ha un senso, dove effettivamente si sono evidenziate delle condizioni particolari di pericolo. Il limite di velocità è controproducente per la Sicurezza e la Prevenzione degli incidenti stradali in Autostrada. Ogni essere vivente è stato donato l'istinto di sopravvivenza e o conservazione e quindi poter esercitare il proprio libero arbitrio, la velocità più consona istante per istante da tenere, in base alle innumerevoli variabili come meteo, asciutto, bagnato, intensità del vento laterale, nebbia, giorno, notte, intensità di traffico e che tipo di traffico, condizioni del manto stradale ecc...ecc... Inoltre le auto o le moto non sono tutte uguali. Andare a 130 km/h con uno scooter honda sh 300 è diverso che andare a 130 Km/h con la "Ferrari F8 Tributo celebra la dinastia dei V8 di Maranello con la forza di un motore turbo da 720 CV che in una versione "quasi" identica ha motorizzato anche la 488 Pista" E' una tensione ed uno stress dir poco snervante, viaggiare e percorrere 1000 Km in autostrada, controllando con assillo il contachilometri, se la lancetta è sopra o sotto la tacchetta. Questo porta a distrarti in maniera da non credere, con le auto che viaggiano appaiate una a 128 Km/h e l'altra in fase di sorpasso a 129 Km/h. Superare un TIR o un PULMAN è veramente pericoloso,in particolar modo quando si è prossimità del paraurti anteriore, dove la turbolenza dell'aria, specialmente con una moto, con una velocità relativa bassissima e senza poter imprimere la giusta accelerazione e quindi trazione diventa PERICOLOSISSIMO!!!! E i colpi di SONNO dove li mettiamo. Non ci vogliono ne esperti di traffico ne psicologi per capire che l"Autostrada IPNOTIZZA facendo percorrere lunghi tratti dove tu non GUIDI l'auto o la moto ed il mezzo ti porta a destinazione!!! E'l'auto che GUIDA e tu la porti!!!! E poi trovi chi viaggia in corsia di sorpasso a 40 Km/h perchè sta superando chi è stanco dalla gita al mare e quindi va a 39 Km/h ed il suo viaggio, dal casello d'entrata è il primo casello d'uscita. Mentre sei accodato guardi il RETROVISORE e ti accorgi che arriva di dietro a forte velocità il SUV che vuole che ti sposti perchè deve prendere il tuo posto. Io penso che ci vorrebbero dei tratti assegnati alle Pattuglie della POLIZIA STRADALE che percorrano il loro tratto assegnato per fermare e STRAPPARE le patenti a chi non è INDIANO e cioè che si sposta all'improvviso nella corsia di sorpasso senza guardare nello specchio rerovisore SX perchè è rigorosamente chiuso e non mette la FRECCIA o INDICATORE DI DIREZIONE. E le corsie di ACCELERAZIONE e di DECELERAZIONE uso BOOHHH che sono!!!??? In parole povere occorre vigilare e sansionare i comportamenti scorretti dove la velocità tenuta non è idonea alle condizioni della strada in quel particolare momento e sansionare chi non rispetta le regole del c.d.s in Autostrada.
  • arcabsas

    Buongiorno,
    portare il limite di velocita' a 150 km sulle autostrade, non significa che vale per tutte. Come funziona in Germania e in altri
    paesi europei? In Germania il limite non c'e' , ma la maggiorparte delle autostrade hanno i limiti esposti che variano da 100 kmh a 130 kmh secondo la sicurezza del tratto autostradale.
    Ci sono dei tratti , per esempio tra Bologna e Milano che il limite 150 puo' essere sicuramente giusto.
    Magari serve un pochino piu di disciplina e conoscenza del codice della strada da parte dell'automobilista. Su una strada a tre corsie la maggiorparte si mette in quella centrale e non si sposta più, invece di usare piu possibile quella di destra.
Inserisci il tuo commento