GP Belgio 2020

F1, GP Belgio 2020: Leclerc, il team radio che ha fatto discutere

-

Tutta la frustrazione di Charles Leclerc è uscita via radio dopo la seconda sosta nel Gran Premio del Belgio 2020

La frustrazione di Charles Leclerc per un weekend di gara da incubo si è vista tutta nella comunicazione via radio subito dopo il secondo pit stop del Gran Premio del Belgio 2020 di Formula 1. Il monegasco della Rossa si è lasciato andare ad una esclamazione poco elegante in francese, che potremmo tradurre in italiano con un "porca putt...".

Il tono era tutt'altro che scherzoso e l'ingegnere di pista di Leclerc, senza commentare, lo ha prontamente avvisato di chiudere le comunicazioni, rimaste aperte dopo la sosta. A complicare le cose è stato anche il fatto che Leclerc sia stato attardato dalla decisione della Rossa di intervenire sulla pressione pneumatica del motore...ma la cosa è presto rientrata: il francese ha chiesto scusa via twitter ma soprattutto si è capito che non ha detto nulla di offensivo nei confronti del team. Era più una esclamazione di disappunto per una situazione tutt'altro che semplice.

  • Corrado.Mazzantini, Levanto (SP)

    Sono un Ferrarista. Guardo la f1 dagli anni '80 e avrò perso in tutto 5 gp. Forse però ora è arrivato il momento di mollare. Non perché la Ferrari non và ma perché mi chiedo: quando andrà se non si possono modificare i motori? Quando andrà se praticamente non si può modificare nulla? L'anno prossimo sarà uguale a questo e bisognerà aspettare il 2022 per sperare che con le nuove regole la Ferrari apra una nuova era vincente, che peraltro sarebbe noiosissima per tutti tranne che per i ferraristi. Che senso ha? Che senso ha un mondiale motoristico senza che si possano potenziare i motori? Possibile che non lo capiscano? Non dico di lasciare libere le squadre di mettere in pista un auto a otto ruote, ma di lasciarle libere di lavorare ed esprimere il proprio potenziale.
    Corrado
Inserisci il tuo commento