Batterie elettriche, a Caserta sorgerà la Gigafactory: stanziati 500 milioni dall’Europa

-

Nascerà nell'area ex-Whirpool e porterà all’assunzione di 675 persone

Batterie elettriche, a Caserta sorgerà la Gigafactory: stanziati 500 milioni dall’Europa

La prima Gigafactory italiana per la produzione delle batterie nascerà a Caserta, dopo che Seri, Investment Company, ha presentato al ministero dello Sviluppo economico il piano per la conversione del polo produttivo ex-Whirpool di Teverola.

Il tutto dovrebbe essere realizzato nell’arco di tre anni e grazie a un finanziamento europeo di circa 505 milioni di euro. Lo ha confermato il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico, Alessandra Todde, per i progetti denominati Teverola 1 e Teverola 2.

Seri opera nel settore delle batterie e degli accumulatori di energia e ha in programma la costruzione di un polo in grado di produrre batterie per 8 GW. “Anche grazie ai finanziamenti nell’ambito del Progetto di Interesse Comune Europeo (IPCEI) approvato nel 2020 dal Mise di concerto con la Commissione europea - ha aggiunto il ministro Stefano Patuanelli - da qui al 2023 la Seri Industrial Spa completerà il progetto Gigafactory".

Un progetto che darà una sferzata anche dal punto di vista dell’occupazione, visto che è prevista l’assunzione di 675 persone, tra cui anche 175 ex dipendenti Whirlpool. L’impianto si concentrerà nella produzione di batterie litio-ferro-fosfato di ultima generazione, con particolare attenzione alla messa in campo di processi ecosostenibili all’avanguardia anche sotto il profilo del riciclo.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento