mostra aiuto
Accedi o registrati
Dieselgate

Dieselgate, VW costretta a rimborsare prezzo integrale di una Skoda Yeti

-

Il tribunale civile di Hildesheim, in Germania, ha condannato Volkswagen a rimborsare il prezzo integrale di acquisto al proprietario di una Skoda Yeti

Dieselgate, VW costretta a rimborsare prezzo integrale di una Skoda Yeti

Il tribunale civile di Hildesheim, in Bassa Sassonia, Germania, ha condannato Volkswagen a rimborsare il prezzo integrale d'acquisto - 26.500 euro - al proprietario di una Skoda Yeti dotata di motore 2.0 TDI equipaggiata con defeat device.

La sentenza emessa dal tribunale di Hildesheim parla esplicitamente di manipolazione illegale della centralina motore, sottolineando come Volkswagen abbia intenzionalmente commesso una truffa. 

Le motivazioni della sentenza sono espresse in termini particolarmente forti: i defeat device di Volkswagen vengono paragonati a prodotti come il vino al metanolo o le lasagne con ragù alla carne di cavallo illegale. 

Volkswagen ha già presentato ricorso, e un portavoce di Wolfsburg - lo riporta Automotive News - si è detto fiducioso circa l'esito dell'appello. Con questa sentenza, però, si crea un precedente potenzialmente deleterio. 

  • enrico.gavazzi, Venezia (VE)

    Buongiorno a tutti, sono anch'io un possessore di una Skoda Yeti coinvolta nel dieselgate. Ho provveduto all'aggiornamento della centralina, e la concessionaria se l'è cavata con un kit Bluetooth e un battery charger per il cellulare del valore totale di 10 euro al massimo. La truffa da parte del gruppo VW è innegabile, al di là della qualità dell'auto. Possibile che bisogna per forza andare per avvocati e lottare sempre con l'ipocrisia più totale...
Inserisci il tuo commento