Attualità

Nella Germania delle Autobahn meno morti per incidente rispetto all’Italia dei limiti, dei velox e dei tutor

-

Il dato statistico parla chiaro: in Italia muoiono di incidente stradale 53 persone ogni milione di abitanti

Nella Germania delle Autobahn meno morti per incidente rispetto all’Italia dei limiti, dei velox e dei tutor

La velocità non è l’unico nemico da combattere e nemmeno il primo. E’ questa la considerazione che viene da fare a leggere i dati statistici sugli incidenti mortali in Europa relativi all’anno 2019. In Germania, il paese delle Autobhan e dei percorsi privi di limiti di velocità, i morti in seguito ad incidente sono stati 37 per 1 milione di abitanti. In Italia quasi la metà in più: 53. La media europea è 48. Un dato, questo, che dovrebbe far riflettere sul reale nemico da combattere in relazione alla circolazione stradale, perché dimostra che limiti, autovelox e tutor possono sì servire a fare cassa, ma servono molto poco a ridimensionare i numeri delle tragedie. La sicurezza, a quanto pare, passa per politiche di prevenzione ben diverse rispetto alle politiche di sola repressione. Tanto che uno dei paesi in cui esistono tratti dove è possibile aprire il gas in sicurezza finisce col posizionarsi nella parte alta della classifica. Una classifica che è guidata dalla Svezia  (22 morti ogni milione di abitanti) e chiusa dalla Romania (96 morti ogni milione di abitanti) e che vede l’Italia nella parte più bassa, ben distante dalla media europea.

 

  • OsteoRider, Ferrara (FE)

    Argomento molto interessante che spero approfondirete con prossimi articoli. La prima questione riguarda il costo dei pedaggi, sarebbe bello intavolaste una riflessione su come viene gestito il pedaggio nei Paesi più virtuosi e spiegaste quali siano i costi di gestione per km in germania svizzera francia o svezia, che hanno 4 metodi di pagamento diversi. Riguardo ai limiti di velocità tedeschi, potreste entrare nello specifico e spiegare quali siano le efficaci misure preventive del Paese teutonico? Nell'articolo rimane un po' vago.
    Grazie come sempre.
Inserisci il tuo commento