CES 2022, a Las Vegas il grande appuntamento dedicato all’high-tech (in aggiornamento)

CES 2022, a Las Vegas il grande appuntamento dedicato all’high-tech (in aggiornamento)
Alfonso Rago
  • di Alfonso Rago
Inizia il più importante evento mondiale dedicato alle nuove tecnologie
  • Alfonso Rago
  • di Alfonso Rago
4 gennaio 2022

Malgrado le defezioni dell'ultima ora causa Covid, il CES di Las Vegas si conferma l'appuntamento di maggiore importanza dedicato alle mondo dell'hi-tech e delle nuove tecnologie: il Consumer Electronic Show, aperto al pubblico da 5 al7 gennaio, richiamerà nel Nevada moltissimi espositori, tra i quali non mancheranno le aziende legate al mondo automotive ed alla mobilità in generale.

L'edizione 2022 ha perso per strada alcuni protagonisti: BMW, GM, Mercedes e Volvo hanno deciso per una partecipazione solo virtuale, aggiungendosi ad altri brand della tecnologia come Amazon, AMD, Google, IBM, Intel, Meta, Microsoft, Panasonic e Waymo, che hanno rinunciato ad avere uno stand ed alle convention degli hotel, lasciando il campo libero a molte altre aziende che invece hanno confermato la loro partecipazione diretta all'evento.

Nel nostro articolo, un work in progresso continuamente aggiornato, saranno inserite tutte le novità che saranno presentate al CES 2022: come suol dirsi in questi casi... stay tuned!

Stellantis

Presenza in grande spolvero per il Gruppo guidato da Carlos Tavares, che lo scorso luglio  ha annunciato oltre trenta miliardi di euro di investimenti nell'elettrificazione e nel software fino al 2025.

Il suggestivo stand allestito da Stellantis al CES 2022
Il suggestivo stand allestito da Stellantis al CES 2022

Molti i modelli protagonisti dello stand Stellantis al CES 2022:
Chrysler Airflow Concept, che delinea la trasformazione del marchio verso la mobilità pulita e una customer experience perfettamente connessa.
Citroën Skate Mobility Concept, un robot per il trasporto autonomo ed elettrico che si muove in città, abbinato a Pods per offrire una mobilità urbana fluida, condivisa e inventiva.

Citroën Ami, l'EV urbano ultracompatto per due passeggeri, guidabile a partire da 14 anni, con metodi di distribuzione innovativi e tempo di ricarica di tre ore.

DS E-Tense FE21: due volte campione nel mondiale ABB FIA Formula E, l'auto da circa 900 kg (con pilota) impiega un sistema a 900 volt con batteria da 52 kWh, che alimenta un motore elettrico da 338 CV; il design leggero coniugato con la coppia elettrica porta l'auto da 0-100 km/h in 2,8 secondi.

Nuova Fiat 500: “fiore all’occhiello” di Fiat, sinonimo di Nuova Dolcevita, rilevanza sociale e sostenibilità. L'EV più venduto all'interno dell'azienda è la FIAT più popolare e l'essenza dell'auto italiana: bella, un design classico, è connessa, ha autonomia fino a 320 km WLTP, dispone di 85kW di ricarica rapida ed è la prima city car con guida assistita di Livello 2.

Wagoneer e Grand Wagoneer: un'icona americana premium rinata su nuovi standard: l'estensione premium del marchio Jeep offre capacità 4x4, raffinatezza su strada e un design che unisce artigianato e dotazioni tecnologiche d'avanguardia, come l'esclusiva Fire TV integrata e l’esperienza dello schermo per il passeggero anteriore.

Jeep 4xe: la Wrangler più capace, tecnicamente avanzata ed ecologica di sempre. Disponibile in Europa, Cina e USA, il suo propulsore ibrido plug-in percorre fino a 21 miglia di propulsione silenziosa, a zero emissioni e in modalità esclusivamente elettrica.

Jeep Grand Cherokee 4xe: la prima Grand Cherokee in variante elettrica ibrida plug-in, a conferma della continua ricerca del marchio alla "Zero Emission Freedom", offrendo un veicolo Jeep tutto elettrico in ogni segmento entro il 2025. Equipaggiato con il pluripremiato Uconnect 5, offre una nuova tecnologia, come il display da 10,1 pollici (25,7 cm), una velocità operativa cinque volte più veloce (rispetto alla generazione precedente) e aggiornamenti via etere (OTA).

Hyundai

Il marchio coreano propone la sua visione del futuro secondo il concetto di "Expanding Human Reach", basato sulla idea di un ecosistema della mobilità, svelando il concept MOT (Mobility of Things), che consente il movimento autonomo di oggetti inanimati attraverso la tecnologia robotica dell'azienda, che punta a soddisfare l'aspirazione alla libertà di movimento illimitata, con i robot che collegano il mondo reale e il metaverso. Inoltre Hyundai permetterà ai visitatori del CES di sperimentare come la mobilità nel mondo reale può essere migliorata con i robot, e offrirà uno sguardo alla futura società della robotica, che permetterà gli spostamenti tra mondo virtuale e reale. 

L'azienda esporrà la sua linea di oggetti robotici, tra cui il MobED (Mobile Eccentric Droid), così come Spot® e Atlas™ di Boston Dynamics. 

Marelli

Presenza in grande stile per l'azienda specializzata in componentistica per autoveicoli, con le più recenti innovazioni nell’ambito delle soluzioni per illuminazione, sensing, elettronica, interni ed elettrificazione: presso il Wynn Hotel, in una suite riservata, sono esposte tecnologie sviluppate grazie al know-how interno ed importanti partnership.

Sensori per sistemi ADAS e guida autonoma: Marelli ha collaborato con Xenomatix, fornitore di moduli LiDAR allo stato solido, per lo sviluppo di sensori affidabili e flessibili di dimensioni ridotte, tra i più piccoli al mondo, altamente riutilizzabili e facili da integrare; inoltre, la collaborazione con WHST si concentra, invece, sullo sviluppo di radar 4D a 77 GHz e 79 GHz per rilevare oggetti fino a 150-250 metri di distanza.

Dal 2017, Marelli lavora all'integrazione dei sensori sfruttando i gruppi ottici anteriori e posteriori dei veicoli: al CES presenta un proiettore con radar integrato e pannello frontale illuminato, sviluppato per un primario costruttore di automobili (OEM – Original Equipment Manufacturer) tedesco, che rappresenta un punto di partenza importante per prossimi elementi di illuminazione personalizzati e distintivi dei brand nell’ambito specifico dei veicoli elettrici. 

Marelli ha introdotto il CDC (Cockpit Domain Controller) per supportare l’evoluzione dell’architettura elettronica del veicolo: l’ampio display flessibile Dyna-View da 24” con CDC integrato gestisce due sistemi operativi e fino a quattro schermi; la console centrale è dotata di display touch screen su cui è applicato, attraverso “optical bonding”, un esclusivo vetro curvo che consente illuminazione e trasparenza ottimali con tecnologia “multi-functional layer".

Marelli presenta anche la nuova gamma di materiali traslucidi e decorativi, tra cui similpelle, “Piano Black” (extra lucido) e materiali metallici, in grado di mostrare indicatori e avvisi agli occupanti del veicolo.

Ancora, Marelli ha sviluppato il cruscotto di un crossover elettrico dotato di pulsanti aptici che forniscono una risposta tattile: tale interfaccia aumenta la sicurezza poiché il conducente può comunicare con il veicolo senza distogliere lo sguardo dalla strada.

Nel campo della mobilità  elettrica, Marelli intende giocare un ruolo da protagonista: sarà possibile salire a bordo di una Porsche Taycan dotata del l’eMotor 800 Volt di Marelli per sperimentare la potenza di questo propulsore; inoltre, saranno presentati anche la tecnologia inverter di Marelli per auto e moto, insieme all’e-Axle, l'assale integrato ed ottimizzato per veicoli elettrici o plug-in hybrid, oltre alla soluzione di prossima generazione per conversione di potenza, gestione termica e ottimizzazione della batteria di TAE Technologies.

Infine, da segnalare che il sistema indoor di purificazione della qualità dell’aria IAQ (Indoor Air Quality) di Marelli, che utilizza luce UV-A e UV-C con filtro al biossido di titanio per eliminare batteri e virus, come il COVID-19, si è aggiudicato il premio CES Innovation Award Honoree 2022 e sarà incluso nella “vetrina” dei vincitori al Venetian Hotel.

Garmin

Tre nuovi dispositivi di navigazione dedicati al mondo off-road entrano a far parte della serie Tread: con scocca robusta, impermeabile e resistente alla polvere, sono progettati per andare incontro alle esigenze di tutti gli appassionati della guida di fuoristrada.

Garmin Tread SxS Edition, con ampio schermo da otto pollici, è pensato per una categoria in costante crescita, quella dei Side-by-Side (SxS), meglio conosciuti come UTV, mentre Garmin Tread XL Overland Edition, in due versioni con schermi da otto e dieci pollici, è invece dedicato al mondo più estremo dell’Overlanding, dove natura selvaggia e scenari mozzafiato fanno da sfondo a imprese ai limiti del possibile.

Tante le funzioni comuni ad entrambi i dispositivi: touchscreen pensato per l’uso con i guanti, nuovo sistema di navigazione turn-by-turn in grado di condurre anche lungo i percorsi fuoristrada; tecnologia satellitare inReach® per la comunicazione e le richieste di soccorso e la funzione Group Ride Tracking, che permette di rimanere sempre in contatto con gli altri rider.

Già disponibili, i nuovi Tread XL Overland Edition, Tread Overland Edition e Tread SxS Edition hanno prezzi suggeriti compresi tra 1.299,99 e 1.499,99 euro. 

Il nuovo dispositivo di navigazione Garmin Tread SxS Edition appena presentato al CES 2022
Il nuovo dispositivo di navigazione Garmin Tread SxS Edition appena presentato al CES 2022

Mercedes

Anche se fisicamente non presente a Las Vegas, la Casa tedesca ha scelto i giorni del CES per togliere i veli alla sua ammiraglia elettrica: la Vision EQXX stabilisce nuovi standard per le vetture a zero emissioni, ad iniziare dal tagliare il traguardo dei mille chilometri di autonomia con una sola ricarica.

A tale risultato contribuiscono il “fisico“ da pin up, con peso di soli 1.750 kg a vuoto, una batteria da meno di 100 kWh e un’aerodinamica da record, visto il valore del Cx di appena 0,17.

È ancora una concept car, ma ormai (quasi) pronta alla versione definitiva, apripista della prossima e sempre più efficiente generazione di veicoli elettrici ad alte prestazioni, frutto delle preziose esperienze in Formula 1 e Formula E: tra le caratteristiche più interessanti, la piattaforma con nuova fusione strutturale posteriore in alluiminio Bioneqxx, le più compatte e leggere batterie da meno di 100 kWh con impianto elettrico a 900 volt, la carrozzeria in alluminio alleggerito color silver, le ruote posteriori carenate, i pneumatici Bridgestone da 20" a bassa resistenza con cerchi in magnesio, i dischi freno alleggeriti in alluminio ed i pannelli solari sul tetto con batterie al litio, capaci di fornire fino a 25 km extra di autonomia, mentre all'interno spicca il panoramico schermo a tutta larghezza da 47,5 pollici e risoluzione 8k, con sistema di navigazione ad immagini 3D e dettagli fino ad uno zoom di 10 metri integrata con Jelinek, l'assistente virtuale gestisce le funzioni di bordo e fornisce ogni supporto ai passeggeri. 

Bosch

Migliorare la vita quotidiana delle persone con soluzioni intelligenti e connesse, concentrandosi sulla connessione tra IoT (Internet of Things) e IA (Intelligenza Artificiale), per creare un circolo virtuoso in cui i prodotti connessi forniscono informazioni che, a loro volta, sono elaborate tramite IA e incorporate nei diversi aggiornamenti software. Al centro dell' approccio di Bosch ci sono gli utenti, parte integrante del processo di sviluppo e nell'adattare le soluzioni alle proprie esigenze.

A partire dal nuovo anno, tutti i prodotti elettronici saranno connessi alla rete: le vendite di elettroutensili, elettrodomestici e sistemi di riscaldamento connessi sono cresciute del 50% in un anno, arrivando ad oltre sei milioni nel 2021.

Bosch investe ogni anno oltre quattro miliardi di euro nelle competenze software, di cui circa tre destinati al settore automotive: per dare forma al futuro della mobilità, a partire dalla metà del 2022, Bosch riunirà le attività di sviluppo di software per veicoli nella consociata ETAS, che svilupperà e venderà software di base per veicoli, middleware, servizi cloud e strumenti di sviluppo per applicazioni universali.

Inoltre, Bosch sta avanzando rapidamente nella guida connessa e autonoma: negli ultimi cinque anni, l’azienda ha generato circa nove miliardi di euro di vendite solo con i sistemi di assistenza alla guida e i sensori ad essa associati. 

I campi di applicazione delle nuove tecnologie sono infiniti: Bosch da fine 2019 ha viaggiato nello spazio per identificare i suoni sulla ISS (stazione spaziale internazionale), ed in collaborazione con l'azienda sanitaria no profit Highmark di Pittsburgh (USA), sta perseguendo una nuova applicazione di questa tecnologia come strumento diagnostico in medicina pediatrica, rilevando condizioni polmonari come l'asma in tenera età, solo ascoltando e valutando i modelli di respirazione dei bambini. 

Ma c'è dell'altro: il sensore di gas Bosch, il primo sul mercato con intelligenza artificiale, protegge l'uomo e la natura.

Silvanet Wildfire Sensor di Dryad è un “naso digitale“ che aiuta a rilevare gli incendi boschivi nelle prime fasi: i sensori posti sugli alberi monitorano continuamente il microclima per rilevare incendi incipienti e avvisare, in modalità wireless, le autorità molto prima dei sistemi basati su telecamere o satelliti e quindi non solo protegge la natura da devastazioni, ma riduce le emissioni di carbonio derivanti dagli incendi boschivi. 
 

BMW

In un viralissimo video su TikTok, la si vede cambiare di colore in un attimo, passando dal grigio al bianco in batter di ciglia: ma a parte la magia cromatica, sulla cui tecnologia il costruttore non ha fornito dettagli né ancora informato se sarà un optional disponibile sulle vetture della sua gamma, non c'è dubbio che la iX M60 sia già diventata protagonista assoluta del CES 2022.

La versione sportiva iX, che affianca la i4 M50 nella disponibilità di modelli elettrici a batterie del reparto Motorsport, ha numeri importanti, ad iniziare dalla potenza dichiarata di 619 CV e ben 1.015 Nm in modalità Sport, che diventano 1 100 Nm con Launch Control attivato e assetto delle sospensioni specifico M. 

Con tali potenzialità, la iX M60 arriva ai 100 km/h da fermo in 3,8 secondi, con il motore anteriore che eroga 258 CV ed il quello posteriore a raggiungere un picco di 489; la velocità massima (autolimitata) è di 250 km/h, di fatto allineata a quella dei modelli con motore termico, mentre l'autonomia è indicata in 566 chilometri; per le operazioni di ricarica delle batterie, ci si affida ad una wallbox a 11 kW, ma in presenza di colonnine rapide fino a 200 kW bastano dieci minuti per assicurarsi un'autonomia di marcia di 150 km. 

Nella dotazione di serie spiccano pneumatici sportivi su cerchi da 21" (in opzione da 22"), il controllo della trazione integrale elettrica, le sospensioni a doppio asse, i sistemi di controllo elettronici per ammortizzatori e la gestione della dinamica di guida, lo standard 5G per la trasmissione dei dati.

Il lancio sul mercato globale della nuova vettura è indicato per il prossimo giugno.

Fiat

Sviluppata, progettata e prodotta a Torino, città natale della 500, il veicolo elettrico a batteria più venduto di Fiat, ha autonomia fino a 320 Km WLTP, che arriva a 460 km nel solo ciclo urbano, tempi di ricarica veloci grazie alla Fastcharge 85Kw di serie e facilità di utilizzo con il sistema “Tech it easy”. Prima city-car con guida assistita di livello 2, è disponibile con tre diversi body, berlina, cabrio e 3+1, mentre con il nuovo infotainment Uconnect di quinta generazione, Nuova 500 è sempre connessa, con “Hey FIAT”, il sistema avanzato di riconoscimento vocale che permette di dialogare con la vettura pronunciando semplicemente le parole chiave: “Hey FIAT”.

La Nuova 500 3+1 è la più versatile Nuova 500: dispone di una "porta magica" che consente un ingresso facile dei passeggeri e tutto quello di cui si può avere bisogno sui sedili posteriori.
 

Questa “porta magica” si inserisce armoniosamente nella struttura della vettura senza cambiarne il design o le dimensioni, che restano quelle di un’agile city-car.

Migliora invece in modo esponenziale la praticità d’uso, per far salire a bordo i passeggeri sui sedili posteriori e gli oggetti voluminosi: infatti il montante centrale, dove di solito batte la porta anteriore, è invece perfettamente integrato nella terza porta che, aprendosi, crea un enorme spazio d’accesso.
 

La Nuova (500)RED è “Made for the Planet, Made for its People”: elettrica, rispetta l'ambiente e dà il suo contributo per un futuro più sostenibile.

Ma la sua missione si arricchisce di un importante contenuto etico, grazie alla collaborazione con (RED), l’organizzazione fondata da Bono e Bobby Shriver, impegnata da venti anni nella lotta alle pandemie.

Fiat, insieme ai marchi Jeep e Ram, si è impegnata a donare oltre quattro milioni di dollari per supportare l’attività del Global Fund contro le pandemie a livello mondiale nei prossimi tre anni e la nuova (500)RED è l’ambasciatrice idele per veicolare il messaggio anche negli USA grazie alla presenza al CES.

ZF

Intelligenza come propellente per la sicurezza avanzata, la guida automatizzata e l’elettrificazione, in tutte le applicazioni di mobilità: in occasione del CES, ZF ha voluto mostrare i progressi svolti verso la Next Generation Mobility, intesa non più come una visione lontana ma un obiettivo ormai portata di molti.

In particolare, ZF lancia con VinFast il primo sistema di Livello 3 di guida automatizzata per autovetture; i sistemi autonomi di navette di ZF già disponibili negli Stati Uniti grazie alla partnership con Oceaneering; le nuove trasmissioni elettriche per powertrain elettrici, per un ambiente più pulito e sostenibile

Nel suo lavoro, ZF ha sviluppato tecnologie con un’intelligenza centrale avanzata che porta a nuovi livelli i veicoli sicuri, automatizzati ed elettrici, che includono diversi sistemi come coASSIST, già lanciato con Dongfeng in Cina; coDRIVE, che sta riscuotendo un grande interesse per i prossimi sviluppi dei sistemi L2+; coPILOT, sistema scalabile fino al Livello 4, che verrà lanciato in partnership con VinFast, costruttore di veicoli elettrici vietnamita in rapida espansione.

Togg

Al CES 2022 ha debuttato anche Togg, brand tecnologico turco, che ha presentato un concept di veicolo elettrico che anticipa il primo smart device ultra connesso e dotato di tecnologia olografica, per un approccio non convenzionale alla smart life e alla mobilità.

Togg si presenta non come una tradizionale compagnia automobilistica, ma come un'azienda tecnologica che opera nel campo della mobilità, con sede in Turchia dove Oriente e Occidente, mente ed emozione, si incontrano.

L’azienda è stata fondata con l’intento di creare un marchio globale con proprietà intellettuale e industriale al 100% turca e che diventi la spina dorsale per l’ecosistema della mobilità del Paese.
 

Il primo prodotto di serie Togg sarà un e-SUV, disponibile da fine 2022 e su strada dalla primavera 2023 in Turchia, con progressivo allargamento al mercato europeo.

Togg punta a produrre un milione di veicoli in cinque segmenti entro il 2030, affiancando all'e-SUV, i modelli berlina e Hatchback sempre di segmento C ed in seguito un B-SUV e un C-MPV, completando così la gamma composta da cinque modelli che condivideranno la stessa piattaforma.

Sony

Sony Group Corp annuncia il debutto in primavera di uno spin-off dedicato ai veicoli elettrici: la nuova società sfrutterà i punti di forza del marchio giapponese per svolgere un ruolo da protagonista nella mobilità di prossima generazione.

Chiamataa Sony Mobility Inc, arriva mentre il gigante tecnologico giapponese sta «studiando il lancio commerciale di veicoli elettrici», come affermato Kenichiro Yoshida, presidente e presidente di Sony, in una conferenza stampa al CES: «Con le nostre tecnologie di imaging e rilevamento, cloud, 5G e intrattenimento combinate con la padronanza dei contenuti, riteniamo che Sony sia ben posizionata come azienda di intrattenimento creativo per ridefinire la mobilità». 

Yoshida ha presentato il prototipo di SUV, il Vision-S 02, che utilizza la stessa piattaforma della coupé Vision-S 01, che ha iniziato i test dinamici in Europa da dicembre 2020.

Cadillac

Il marchio americano fornisce il suo contributo alla mobilità futura con InnerSpace, veicolo premium elettrico a due posti: sfruttando tecnologie all'avanguardia progettate per migliorare l'esperienza dei passeggeri insieme all'aumento del tempo a bordo assicurato dalla mobilità autonoma, InnerSpace amplia il portafoglio di veicoli Cadillac Halo Concept concepiti non solo per spostare i passeggeri in un ambiente lussuoso, ma per migliorare il loro benessere. 

«I veicoli del Cadillac Halo Concept Portfolio sono progettati per fornire viaggi senza sforzo con mezzi straordinari - ha detto Bryan Nesbitt, direttore esecutivo di GM, Global Advanced Design e Global Architecture Studio - Sono visioni per il prossimo decennio e oltre, che mostrano le possibilità consentite dall'approccio globale di General Motors alla tecnologia di guida autonoma con l'obiettivo di un mondo con zero incidenti, zero emissioni e zero congestione».

Cadillac ha introdotto i primi due concetti Halo al CES dello scorso anno: il PersonalSpace, monoposto a decollo e atterraggio verticale progettato per spostarsi sopra il traffico di terra, e il SocialSpace, veicolo spazioso e autonomo fino a sei posti, progettato per aiutare i passeggeri a rilassarsi e ricaricarsi.

Gentex

La società americana, produttrice di specchietti retrovisori a oscuramento automatico e di prodotti di elettronica per il settore automotive, vetri oscurabili per il settore dell'aviazione e prodotti antincendio per il mercato della sicurezza antincendio, e fornitrice alle Case automobilistiche di tecnologie di connettività e le funzionalità elettroniche avanzate che ottimizzano la visione del conducente e aumentano la sicurezza alla guida, propone un nuovo sistema di monitoraggio per conducente e abitacolo, che traccia la posizione della testa e altre metriche di visione per determinare distrazione e sonnolenza del conducente nonché la sua capacità di risposta nel riprendere il controllo manuale nei veicoli semi-autonomi.

È inoltre in grado di tracciare i passeggeri e il loro comportamento, oltre a oggetti e altri fattori ambientali, trasformando in tal modo il veicolo in un centro di comunicazioni mobile per telefonare, partecipare a una teleconferenza o scattare un selfie dell’abitacolo.


Inoltre Gente ha mostrato le nuove funzionalità del FDM (Full Display Mirror), sistema di visione posteriore intelligente che utilizza una videocamera personalizzata e un display video integrato nello specchietto per ottimizzare la visione del veicolo; il sistema acquisisce video da una videocamera rivolta all’indietro e lo invia in streaming a uno speciale LCD integrato nello specchietto per offrire al conducente una visuale panoramica e libera della parte posteriore del veicolo.

Le nuove funzionalità aggiuntive del FDM includono un videoregistratore digitale integrato nello specchietto (DVR), un sistema scalabile di videocamere da applicare al rimorchio, un display touch screen, la sovrapposizione delle proiezioni delle linee di separazione e una videocamera integrata nello specchietto per scattare foto all’interno dell’abitacolo.

Ancora, Gentex presenta altre funzionalità di connettività tra cui l'ITM (Integrated Toll Module), tecnologia utilizzata negli USA per il pagamento dei pedaggi da integrare nei nuovi veicoli in produzione, che di recente è stato adottato anche da secondo produttore di auto europeo.

Argomenti

Ultime da Saloni

Caricamento commenti...