Dakar

Dakar 2019 100% Perù. Dakar stravolta. In testa Al Attiyah (Toyota) e Quintanilla (Husqvarna)

-

Peterhansel (Mini) e De Soultrait vincono la Tappa che si conclude a Arica. Guai per Loeb, Sainz, De Villiers, ritirato Joan Barreda. La Dakar cambia faccia ed emergono Al Attiyah e Pablo Quintanilla

Arequipa, Perù, 9 Gennaio 2018. Esagerando potremmo dire che la Dakar è scivolata nel caos. Tenendoci “larghi” diremo, invece, che è scivolata su una buccia di banana. Questa è la conseguenza di una “filosofia” che Cyril Despres definisce “navigazione gratuita”, e di un criterio di composizione della Prova che perde il contatto con la realtà del viaggio, o dell’avventura. Vuol dire rendere la vita difficile senza che questa lo sia davvero, esagerare e punire Gente che per grande passione già si sottopone a un notevole stress, fisico, mentale e di portafogli, e che cade vittima di un errore altrui.

Non importa se si tratta di uno sbaglio fatto in buona fede o di una conseguenza della “perfidia”,  fatto sta che l’evento si adatta a entrambe le ipotesi.

Pronti via, in programma sabbia, dune, spiaggia. Variazioni sullo stesso tema di un programma infernale. Un anello attorno a San Juan de Marcona, poi l’arco verso Sud che porta verso la fine della Speciale di 331 chilometri. Poi ancora un lungo trasferimento, oltre 200 chilometri, verso Arequipa e il buio.

Si inizia con i guai all'alba, con il ritiro https://www.automoto.it/dakar/dakar-2019-peru-live-day-3-san-juan-de-marcona-arequipa.html di Joan Barreda. Una “làstima”, un vero peccato: il catalano non riuscirà neanche questa volta a convertire in un risultato la grande velocità di cui è padrone. Sembra impossibile, ma succede anche questa volta. Barreda apre la pista e sulla montagna esce dalla nebbia nella direzione sbagliata. Il senso sbagliato del waypoint lo trascina giù per una scarpata, e non c’è niente da fare quando lo spagnolo cerca di tornare sui suoi passi. Impossibile risalire, Barreda va avanti, e si “infogna” in un cul de sac. Fine del cinema, un’altra Dakar gettata al vento. Un’altra stagione del rientro “dakariano” di Honda che diventa improvvisamente difficilissima.

In molti pensiamo che a portare Barreda in errore possa essere stata anche la stretta sull’uso del map man, il “traduttore” di road book in lingua Google Earth, di fatto reso obsoleto dalla nuova regola che impedisce di aggiungere qualsiasi “appunto” a lato delle note del road book. Poiché non ci si vuole credere, potremmo anche ribadire che possa essere stato un errore 100% di sfortuna, ma sappiamo che in questo diabolico perseverare del Pilota c’è qualcosa che non va: dovrebbe chiedersi, la Squadra, se è riuscita a fare tutto quello che si doveva per controllare l’insana furia del suo Pilota.

Joan Barreda sconsolato dopo il suo ritiro
Joan Barreda sconsolato dopo il suo ritiro

È stata anche la giornata di un delirio di errori di navigazione, per lo più imputati a un’imperfezione del road book. A farne le spese soprattutto Loeb e Despres, nella gara delle Auto, e Walkner e Brabec, uno vincitore della Tappa precedente e l’altro protagonista di un ottimo avvio, in quella delle Moto. Aria di fronda e di polemica… chissà che non si decida di tornare su questa classifica...

Sull’altro fronte le disgrazie, i guasti e gli incidenti. De Villiers e Ten Brinke hanno finito per sparire dalla testa della classifica, che occupavano ieri, per un guasto, mentre Sainz ha fatto fuori una sospensione e ci ha rimesso tre ore.

Cambiano i nomi dei vincitori di giornata: Stephane Peterhansel che è tornato alla vittoria con il Buggy Mini ottenendo la 75ª della sua carriera “dakariana”, e Xavier de Soultrait, che ottiene il primo successo con la Yamaha ufficiale. Cambiano anche i nomi dei leader delle Dakar 2019: Pablo Quintanilla, Husqvarna, rileva Mathias Walkner e tiene a distanza Kevin Benavides e Sam Sunderland; e Nasser Al Attiyah, Toyota, prende il posto che era stato di Bernhard Ten Brinke davanti a Yazeed Al Rhaji e Stephane Peteransel.

Marathon e semi Marathon. Si scende verso Sud e si commenta. Insieme alla Marathon vera e propria, che vieta gli aiuto esterni e permette solo che i concorrenti si aiutino tra di loro, arriva anche la “semi”, una sorta di ripescaggio dei concorrenti ritirati durante la prima parte della Dakar, che potranno così tornare in corsa. La Marathon, con Tappa a Tacna per le Auto e a Moquegua per le Moto, è una formula ormai collaudata. L’altra è, invece, una contaminazione della Storia con il proposito di dare un’altra chance a quelli che non ce l’hanno fatta. Anche una contraddizione, si dice, perché non era mai esistito che la Dakar distribuisse indulgenze.

Si commenta anche la sconcertante mancanza di informazioni che ASO ha dato e dà della sua Creatura. Quest’anno non sono andati alle stampe né la carta del percorso, che consentiva di farsi un’idea almeno geografica dell’impegno, né i libretti che riassumevano le caratteristiche del Rally e di ciascuna Tappa.

Una curiosità di “spessore”. Sempre parlando, un concorrente cileno ci ha svelato che il suo Paese è pronto a rientrare nel giro della Dakar, lasciando intendere che si sta lavorando alacremente su una Dakar 2020 Perù Cile, mentre un Partecipante algerino ci ha svelato che è a buon punto la trattativa tra gli Organizzatori e il Governo dell’Algeria per rilanciare una Dakar africana, che si chiamerebbe niente meno che Parigi-Algeri-Dakar.

Dakar 2019 presentata da Bardahl

Classifiche

MOTO - TAPPA 3

1  XAVIER DE SOULTRAIT YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 04H 07' 42''

2 PABLO QUINTANILLA ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 04H 07' 57'' + 00H 00' 15''

3 KEVIN BENAVIDES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 04H 10' 19'' + 00H 02' 37''

4 ADRIEN VAN BEVEREN YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 04H 14' 24'' + 00H 06' 42''

5 SAM SUNDERLAND RED BULL KTM FACTORY TEAM 04H 16' 08'' + 00H 08' 26''

6 PAULO GONÇALVES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 04H 17' 13'' + 00H 09' 31''

7 STEFAN SVITKO SLOVNAFT TEAM 04H 18' 32'' + 00H 10' 50''

8 ORIOL MENA HERO MOTOSPORTS TEAM RALLY 04H 18' 57'' + 00H 11' 15''

9 TOBY PRICE RED BULL KTM FACTORY TEAM 04H 21' 58'' + 00H 14' 16''

10 ANDREW SHORT ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 04H 22' 52'' + 00H 15' 10''

MOTO - GENERALE DOPO TAPPA 3

1 PABLO QUINTANILLA ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 08H 34' 28''

2 KEVIN BENAVIDES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 08H 45' 51'' + 00H 11' 23''

3 SAM SUNDERLAND RED BULL KTM FACTORY TEAM 08H 46' 40'' + 00H 12' 12''

4 ADRIEN VAN BEVEREN YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 08H 47' 57'' + 00H 13' 29''

5 TOBY PRICE RED BULL KTM FACTORY TEAM 08H 49' 45'' + 00H 15' 17''

6 XAVIER DE SOULTRAIT YAMALUBE YAMAHA OFFICIAL RALLY TEAM 08H 51' 20'' + 00H 16' 52''

7 RICKY BRABEC MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 08H 52' 30'' + 00H 18' 02''

8 MATTHIAS WALKNER RED BULL KTM FACTORY TEAM 08H 55' 42'' + 00H 21' 14''

9 PAULO GONCALVES MONSTER ENERGY HONDA TEAM 2019 08H 59' 39'' + 00H 25' 11''

10 ANDREW SHORT ROCKSTAR ENERGY HUSQVARNA FACTORY RACING 09H 03' 43'' + 00H 29' 15''

AUTO - TAPPA 3

1 STEPHANE PETERHANSEL-DAVID CASTERA X-RAID MINI JCW TEAM 03H 54' 31''

2 NASSER AL-ATTIYAH-MATTHIEU BAUMEL TOYOTA GAZOO RACING SA 03H 57' 57'' + 00H 03' 26''

3 JAKUB PRZYGONSKI-TOM COLSOUL ORLEN X-RAID TEAM 04H 06' 18'' + 00H 11' 47''

4 YAZEED AL RAJHI-TIMO GOTTSCHALK X-RAID TEAM 04H 07' 21'' + 00H 12' 50''

5 NANI ROMA-ALEX HARO BRAVO X-RAID TEAM 04H 12' 43'' + 00H 18' 12''

6 CYRIL DESPRES-JEAN PAUL COTTRET X-RAID MINI JCW TEAM 04H 22' 35'' + 00H 28' 04''

7 BERNHARD TEN BRINKE-XAVIER PANSERI TOYOTA GAZOO RACING SA 04H 26' 16'' + 00H 31' 45''

8 ARON DOMZALA-MACIEJ MARTON OVERDRIVE TOYOTA 04H 27' 47'' + 00H 33' 16''

9 MARTIN PROKOP-JAN TOMANEK MP-SPORTS 04H 29' 10'' + 00H 34' 39''

10 BENEDIKTAS VANAGAS-SEBASTIAN ROZWADOWSKI GENERAL FINANCING TEAM PITLANE 04H 33' 55'' + 00H 39' 24''

AUTO - GENERALE DOPO TAPPA 3

1 NASSER AL-ATTIYAH-MATTHIEU BAUMEL TOYOTA GAZOO RACING SA 08H 34' 08''

2 YAZEED AL RAJHI-TIMO GOTTSCHALK X-RAID TEAM 08H 40' 56'' + 00H 06' 48''

3 STEPHANE PETERHANSEL-DAVID CASTERA X-RAID MINI JCW TEAM 08H 41' 11'' + 00H 07' 03''

4 NANI ROMA-ALEX HARO BRAVO X-RAID TEAM 08H 46' 10'' + 00H 12' 02''

5 JAKUB PRZYGONSKI-TOM COLSOUL ORLEN X-RAID TEAM 08H 47' 53'' + 00H 13' 45''

6 CYRIL DESPRES-JEAN PAUL COTTRET X-RAID MINI JCW TEAM 08H 58' 48'' + 00H 24' 40''

7 BERNHARD TEN BRINKE-XAVIER PANSERI TOYOTA GAZOO RACING SA 08H 59' 29'' + 00H 25' 21''

8 SEBASTIEN LOEB-DANIEL ELENA PH-SPORT 09H 12' 07'' + 00H 37' 59''

9 ARON DOMZALA-MACIEJ MARTON OVERDRIVE TOYOTA 09H 17' 04'' + 00H 42' 56''

10 BENEDIKTAS VANAGAS-SEBASTIAN ROZWADOWSKI GENERAL FINANCING TEAM PITLANE 09H 23' 28'' + 00H 49' 20''

  • corivorivo, Padova (PD)

    Moderazione

    Batini xxxxxx!!!

    Han mille ragioni di protestare...
    Scrivi di meno ma più chiaro ed esauriente...
  • forzafu, Settimo Torinese (TO)

    l'unica cosa che ho capito è che è caduto Barreda, qualcuno mi aiuta ?
Inserisci il tuo commento