Formula 1

F1 2020, test Barcellona, Day 1: Hamilton al top

-

Lewis Hamilton ha colto il miglior tempo nella prima giornata di test pre-stagionali a Barcellona. Ferrari indietro

L'attesa è finita: dopo le presentazioni delle monoposto per la stagione 2020 di Formula 1, per i team del Circus è tempo di cominciare a mostrare il proprio potenziale nei test pre-campionato di Barcellona, che hanno preso il via nella giornata di oggi. Sicuramente è ancora prestissimo per fare qualsiasi tipo di valutazione, ma la classifica del primo giorno di prove vede la Mercedes al comando con Lewis Hamilton. Il sei volte campione del mondo ha colto il tempo di 1'16"976 con le C2, la seconda mescola più dura di quelle pensate da Pirelli per la F1, battendo di un secondo e mezzo il crono ottenuto da Vettel dodici mesi fa, 1'18"161.

Hamilton ha preceduto il compagno di squadra, Valtteri Bottas, che si è alternato con lui. Pur avendo montato le più prestazionali C3, Bottas ha accusato un distacco di tre decimi. La vera sorpresa di giornata, ovviamente da prendere con le pinze, è la Racing Point: Sergio Perez si è installato al terzo posto con una vettura che sembrerebbe avere parecchio in comune con la Mercedes, team che alla scuderia di Silverstone fornisce i motori. Perez, con le C3, ha preceduto a parità di mescola l'olandese della Red Bull, Max Verstappen, che si è giocato il primato per il maggior numero di giri disputati, oltre 160, con la Mercedes.

Daniil Kvyat, in azione per la fu Toro Rosso, ora AlphaTauri, ha ottenuto il quinto crono di giornata con le C2, la stessa mescola impiegata dal pilota che lo segue, Carlos Sainz, della McLaren. Gomme C3, invece, per il trio di piloti che Sainz si è messo alle spalle: si tratta Daniel Ricciardo, sceso in pista con un casco celebrativo di Kobe Bryant, recentemente scomparso; del compagno di squadra di quest'ultimo, Esteban Ocon; e di George Russell, della Williams, schiodatasi almeno per oggi dal fondo della classifica. 

Stupisce la Racing Point, terza con Sergio Perez
Stupisce la Racing Point, terza con Sergio Perez

Retrovie che sono vicine invece per la Ferrari, che non è andata oltre l'undicesimo posto in classifica con Charles Leclerc, classficatosi alle spalle di Lance Stroll, della Racing Point, pur con il favore di mescola, C3 contro C2. La giornata della Ferrari non era cominciata nel migliore dei modi: Sebastian Vettel, di turno oggi, non si è sentito bene ed è stato sostituito in corsa da Leclerc. L'exploit della Rossa dello scorso anno insegna che i dati di Barcellona, e in particolare del primo giorno, non sono indicativi; lo è forse di più il numero di giri inanellati, una quarantina in meno rispetto alle virtuose Mercedes e Red Bull. 

Non brilla nemmeno l'Alfa Romeo C39, con Robert Kubica tredicesimo alle spalle della Williams FW43 dell'unico rookie della stagione 2020 di F1, il canadese Nicholas Latifi, e il nostro Antonio Giovinazzi, ultimo. A separare i due piloti del Biscione ha pensato Kevin Magnussen, della Haas, team che insieme alla AlphaTauri ha percorso il minor numero di giri, un centinaio circa. Il tempo per migliorare c'è: domani e dopodomani sono previste altre due giornate di collaudi. In ogni caso, oggi non si sono registrate rotture: un buon segnale per tutti i team in lizza.

Foto: Andrea Lorenzina e Stefano Arcari (PLAN image)

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento