Formula 1

F1, Alfa Romeo: Callum Ilott pilota di riserva insieme a Kubica

-

Callum Ilott, giovane della Ferrari Driver Academy, affiancherà Robert Kubica come pilota di riserva dell'Alfa Romeo in Formula 1

F1, Alfa Romeo: Callum Ilott pilota di riserva insieme a Kubica

Piccoli Cavallini rampanti crescono. Callum Ilott, già terzo pilota della Ferrari, diventa anche driver di riserva di Alfa Romeo per la stagione 2021 di Formula 1, andando ad affiancare Robert Kubica. Ilott, 22 anni, nel 2020 si è classificato in seconda posizione nel campionato di Formula 2, dopo aver mantenuto viva la lotta con il collega della Ferrari Driver Academy, Mick Schumacher, fino all'ultima gara. Ilott subentrerà a Kubica quando il polacco sarà impegnato in altre corse, e parteciperà a diverse FP1, a cominciare da quelle del Gran Premio del Portogallo, in programma a Portimao nel weekend. 

«Sono entusiasta di accogliere Callum nel nostro team - spiega il team principal di Alfa Romeo, Frédéric Vasseur -. Il suo percorso nelle categorie minori è stato notevole, ed è senza dubbio tra i giovani emergenti di maggior talento. Ha già lavorato con noi in passato, facendo un'ottima impressione grazie alla sua dedizione e ai suoi feedback puntuali. Non ho dubbi: sarà un'aggiunta positiva a Robert Kubica, che non sarà presente in diverse occasioni a causa di altri impegni nel motorsport. Callum avrà un'agenda fitta, e non vediamo l'ora di ritrovarlo in pista nel weekend». 

«Sono molto contento di entrare a far parte del team per questa stagione, e desidero ringraziare Alfa Romeo e la Ferrari Driver Academy per la fiducia che mi hanno accordato - spiega Ilott -. Le due sessioni di test che ho svolto con il team negli ultimi due anni (nel 2019, e, più recentemente, nei test di Abu Dhabi a fine 2020, ndr.) sono state molto utili per abituarmi al modo in cui lavora una scuderia di Formula 1. Sono fiducioso del fatto che possa partire in quarta nel mio nuovo ruolo di pilota di riserva dell'Alfa Romeo Racing. Non vedo l'ora di mettermi in macchina e aiutare il team a progredire». 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento