Batosta auto ELETTRICHE: fino +55% le ricariche dal 10 gennaio 2022

Batosta auto ELETTRICHE: fino +55% le ricariche dal 10 gennaio 2022
Pubblicità
Cresce a dismisura il prezzo del gas naturale e ovviamente sale anche il conseguente prezzo dell'energia elettrica prodotto dalle nostre centrali elettriche alimentate per mezzo di questo ormai "prezioso" combustibile. Ecco cosa succede dal 10 gennaio 2021
1 gennaio 2021

Non sembra fermarsi l’aumento dei prezzi dell’energia e questo, ovviamente, influisce anche sul pieno delle auto elettriche e plug-in hybrid ricaricabili. Dal 10 gennaio si parla di un +55% nel prezzo per kWh e la questione sembra essere confermata anche dai due principali operatori nell’ambito delle ricariche fast nel nostro Paese, ovvero Enel X e Be Charge: proprio quest’ultma, appartenente da poco al Gruppo ENI, ha recentemente spedito agli utenti un messaggio per confermare nel 2022 il prezzo del 2021 per le ricariche AC…ma solo fino al 10 gennaio. Dopo quel momento il prezzo non sarà più promozionato e quindi subirà l'aumento. Non è ancora noto il prezzo kwh per le ricariche DC.

ARERA, Autorità per l’Energia, fa sapere attraverso il suo Presidente Stefano Besseghini che l’aumento previsto “riflette il trend di forte crescita delle quotazioni internazionali delle materie prime energetiche″ tra cui il gas naturale che alimenta molte delle nostre centrali elettriche. 

Da gennaio a dicembre 2021, del resto, i prezzi dell’energia elettrica sono saliti da 61 a 288 euro/MWh e non sembra esserci possibilità affinché il 2022 porti con se una inversione di tendenza a riguardo.

Da Moto.it

Pubblicità
Caricamento commenti...