Inquinamento

Inquinamento: revoca dei divieti in molte regioni, ma non è merito del blocco auto

-

Revocati i divieti di circolazione in molte regione italiane. I valori di PM10 sono di nuovo sotto controllo, ma non è il blocco auto ad aver risolto la situazione

Inquinamento: revoca dei divieti in molte regioni, ma non è merito del blocco auto

Sono giorni caldi in termini di inquinamento e circolazione delle auto, con numerosi blocchi scattati nei giorni scorsi, più o meno giustificati e più o meno restrittivi, come il caso degli Euro 6 a Roma. L'allerta polveri sottili è però rientrata, secondo le rilevazioni odierne, scendendo nei limiti dei 50 microgrammi per metro cubo per molte regioni e province, ecco quali.

Milano e provincia: Regione Lombardia comunica che dopo due giorni consecutivi di rilevazioni nella norma, dalla giornata di domani (21 gennaio), non saranno più in vigore i blocchi di primo e secondo livello nei comuni con più di 30.000 abitanti. Solo i comuni della provincia di Monza e Brianza continueranno ad essere soggetti alle limitazioni di livello 1.

Veneto: Arpa Veneto conunica che dopo il maltempo dei giorni scorsi (reale causa della diminuizione delle polveri, n.d.r.) è rientarto l'allarme per le soglie di particolato in atmosfera. Sempre da domani 21 Gennaio, stop alle limitazioni scattate a Vicenza, treviso ed in generale in tutto il Veneto. Rimangono divieti di varia natura a livello locale per l'accensione di fuochi all'aperto e l'utilizzo di pallet e legname come combustibile.

Emilia-Romagna: in tutte le province, sempre da domani 21 Dicembre, revocati i blocchi di circolazione per la riduzione delle PM10. Non solo gli Euro 4 potranno tornare a circolare liberamente ma vengono meno anche le restrizioni per le temperature dei riscaldamenti e per l'uso domestico di biomasse. Ancora una volta, rettifica Arpa Emilia-Romagna, il calo delle polveri sottili è dovuto alle perturbazioni che hanno coinvolto l'intero territorio nei giorni scorsi.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento