Marca per marca, le elettriche che hanno gli incentivi fino a 5.000 euro

Marca per marca, le elettriche che hanno gli incentivi fino a 5.000 euro
Elettriche con l'incentivo, ecco una lista commentata di tutto quello che al momento si può ordinare in Italia
17 maggio 2022

Per non arrivare al "click day" impreparati, ecco la nostra suddivisione per marca di tutti i modelli elettrici che rientrano negli incentivi statali in vigore da ieri, 16 maggio, ma le cui effettive prenotazioni partiranno lunedì prossimo. Si tratta di 5.000 euro in caso di rottamazione di un'auto inferiore all'Euro5, e 3.000 in caso contrario. Il testo del decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale il 16 maggio, ha stabilito fasce di emissioni e importi variabili a seconda che venga rottamata un'auto inferiore all'Euro 5. 

Le elettriche: 5.000 euro con rottamazione, 3.000 senza

AIWAYS: la U5 è una full electric made in Cina da 43.500 euro chiavi in mano a partire da 43.500 euro

BMW ha in listino la i3, una delle prima auto elettriche mai prodotte, del tutto peculiare per la forma e i materiali della carrozzeria. Le versioni con incentivo sono la base da 120 Ah (41.100 euro) e la Advantage (43.700 euro)

CITROEN: al momento si può scegliere fra tre versioni della e-C4, una berlina compatta da 4 metri e stilosa e comoda che parte da 36.400 euro. Fra i multispazio, il Berlingo elettrico (e-Berlingo) è incentivabile (solo per privati).

CUPRA: la media spagnola parte da 39.700 euro e può arrivare fino alla bella potenza di 231 CV, ma solo con la batteria da 58 kWh (quella da 77 kWh è più cara e sfora dagli incentivi.

DACIA: la Spring è l'elettrica più a buon mercato in Europa, e tutte e due le versioni in listino sono incentivabili: prezzi da 22.850 euro, con la rottamazione diventano 17.850 euro. 

DS: la D3 Crossback e-tense c'è in ben sette allestimenti a partire da 40.700 euro, ed è basata sulla piattaforma e-CMP piuttosto ubiqua nella gamma di Stellantis. Per tutte, 77 kWh di batteria e 135 CV di potenza.

EVO: la linea elettrica di DR Automobili è fatta di due versioni con 116 CV di potenza e prezzi fra i 32.300 e i 36.600 euro

FIAT: la 500e è la bestseller in Italia (e seconda in Europa), definita come una "piccola Tesla" per l'efficienza elettrica e la cura per i dettagli. Prezzi da 27.300 euro, che scendono a 22.300 euro (con batteria da 24kWh). 

HONDA: simpatica e ultra tecnologica, la honda-e è anche molto efficiente ma viaggia su prezzi alti, a partire da 36.600 euro. Molto compatta per la città, meno di 4 metri di lunghezza.

HYUNDAI: Ioniq 5 e Kona EV sono le all electric di Hyundai che rientrano nelle agevolazioni, ma sulla prima, attenzione perché il prezzo ufficiale "sfora" di 50 euro il limite dei 42.700 euro. Stile modernissimo e di rottura. Ci sarebbe anche una mosca bianca nel listino: la Nexo a idrogeno (emissioni zero) ma il prezzo (77.900 euro) è troppo alto per ricevere gli incentivi.

KIA: La e-Soul e la e-Niro sono rispettivamente una berlina da città e una B-suv interessanti perché al top hanno un battery pack da ben 64 kWh, per lunghe percorrenze. In alternativa uno più piccolo da 40 kWh.

MAZDA: tutte le versioni della MX-30, la recente EV di Mazda, sono comprese nella lista "bianca". La caratteristica della piccola Suv è di avere una batteria relativamente piccola (35,5 kWh) per limitare il prezzo (ha 200 km di autonomia).

MG: il ritorno di questo blasonato marchio britannico in veste cinese vede le elettriche Marvel R e EHS a prezzi incentivabili, la prima più crossover, la seconda è una Sport utility, ma col bagagliaio piccolo. C'è anche la ZS.

MINI: la linea delle Mini è stata elettrificata da un po' con la Cooper SE con prezzi da 37.650 euro prima degli incentivi. Feeling di guida sportivo, batteria da 33 kWh. 

NISSAN: la Leaf è un evergreen fra le elettriche, linea un po' giapponese ma solide fondamenta elettriche. Ha fama di essere molto affidabile, ce ne sono in giro esemplari da 200.000 km.  Parte da poco più di 32.000 euro. 

OPEL: Corsa e Mokka con il suffisso "e" sono sulla cresta dell'onda, si basano sulla stessa piattaforma ma cambia l'altezza da terra del psoto guida. Il powertrain è comune a Peugeot, 136 CV e batteria da 50 kWh.

PEUGEOT: nel segmento delle cittadine c'è la classica 208 elettificata e la 2008, un po' più suvvettina, tutte con il pianale standard CMP e 50 kWh di batterie. La 208 è anche bella dinamica.

RENAULT: oggi è il costruttore che ha la gamma di elettriche più assortita: La Twingo, la Zoe, la nuovissima Megane e-tech sono tutte incentivabili. La Twingo è perfetta per la città, dotata di una maneggevolezza assoluta la Megane è un po' berlina, un po' crossover, più moderna.   

SKODA: un solo modello nel range degli sconti, la Enyaq, campionessa del mondi di spazio a bordo, fra i 38 e i 42 mila euro. È veramente una delle auto elettriche più spaziose in circolazione, però quella con la batteria da 50 kW non è per lunghi viaggi. 

SMART: in attesa della smart#1, la suv elettrica che apre il nuovo corso della casa sino-tedesca, la classica "fortwo" va sempre molto forte, e non ce n'è un'altra altrettanto adattabile alla città. E sottolineiamo "alla città" non fuori dai centri urbani.ù

VOLKSWAGEN: un grande ritorno, quello della e-up! che era uscita per un po' dal listino ma a grande richiesta fa replay. Non è modernissima e il prezzo supera i 25.000 euro; dtazione essenziale, ma con gli incentivo scende di 5.000 euro (con rottamazione) 

Da Moto.it

Caricamento commenti...