Robotaxi Waymo: la potenza di una T-Shirt [VIDEO]

Robotaxi Waymo: la potenza di una T-Shirt [VIDEO]
Pubblicità
Simone Lelli
  • di Simone Lelli
Un video Instagram diventa virale quando una maglietta con segnale "STOP" inganna veicoli a guida autonoma Waymo. Ma cosa accadrebbe con limiti di velocità fasulli?
  • Simone Lelli
  • di Simone Lelli
8 aprile 2024

Un video pubblicato su Instagram dal creatore jasonbcarr ha recentemente catturato l'attenzione della community online per il suo esperimento unico e ingegnoso. Indossando una semplice t-shirt con stampato un grande segnale di "STOP", Carr è riuscito a far fermare diverse auto a guida autonoma Waymo durante la sua passeggiata. L'esperimento, apparentemente innocuo, solleva però interrogativi significativi sulle potenziali vulnerabilità dei sistemi di guida autonoma e sulle implicazioni per la sicurezza stradale.

Nel video, Carr si ferma accanto a delle strade mentre le Waymo nelle vicinanze si arrestano prontamente, interpretando la maglietta come un vero segnale di stop. La reazione immediata dei veicoli evidenzia l'avanzata capacità di riconoscimento visivo dei sistemi di guida autonoma, ma solleva anche domande sulla loro capacità di distinguere tra segnali stradali reali e immagini simili presenti su oggetti mobili o indumenti.

Questo esperimento apre la porta a una riflessione più ampia: cosa accadrebbe se qualcuno indossasse una maglietta con un limite di velocità erroneamente elevato? Potrebbe ciò indurre i veicoli autonomi a superare i limiti di velocità consentiti, mettendo a rischio la sicurezza degli occupanti e degli altri utenti della strada? Sebbene i sistemi di guida autonoma siano progettati per operare in scenari complessi e imprevedibili, la possibilità di essere ingannati da segnali stradali fasulli o fuorvianti rappresenta una sfida ingegneristica non trascurabile.

Naviga su Automoto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Argomenti

Pubblicità