primo test

Cadillac XT5 [Video primo test]

-

Linee tipicamente "stars & stripes", motore V6 da 3.2 litri, volumi da crossover. Sono queti i capisaldi della Cadillac XT5. Riuscirà a sfondare? Scopriamolo

Quando si parla di SUV e crossover gli americani salgono in cattedra. E a buon diritto, visto che sono stati proprio loro a credere e ad investire tantissimo e prima di molti altri in questo particolare segmento. È per questo che ci presentiamo alla prova della nuova Cadillac XT5 con grandi aspettative. Si tratta del nuovo crossover del marchio di lusso americano, che va a sostituire la vecchia SRX, adottando la nuova nomenclatura alfanumerica appena introdotta da Cadillac.
 


Dal vivo: com'è fuori

Iniziamo con una curiosità. Per gli americani la XT5 è un crossover o un “mid-size SUV”. Traducendo significa che per loro questo modello non è altro che uno Sport Utility compatto. Un dettaglio che fa sorridere visto che con 4,81 m di lunghezza la “compatta” - almeno al di là dell'Oceano – XT5 siamo praticamente ai livelli di quelli per noi sono due giganti come BMW X5 e Mercedes GLE.

Il design è quello a cui ci hanno abituato le Cadillac degli ultimi anni, con linee tese e spigoli vivi un po' dappertutto. La grandissima calandra cromata, con il rinnovato logo del costruttore statunitenste domina il frontale, affiancata dai due originalissimi gruppi ottici full led, con un “baffo” luminoso che si prolunga nella carrozzeria. Completano il quadro cerchi in lega in alluminio da 20 pollici e doppi terminali di scarico cromati.
 


Dal vivo: com'è dentro

Gli interni sorprendono per una buona qualità costruttiva, quasi a livello dei migliori competitor europei. Legno, alluminio e pelle scamosciata si alternano dando vita ad un abitacolo raffinato, impreziosito da comodi sedili in pelle riscaldati. Al centro della plancia spicca il sistema multimediale CUE, con ampio display touch e la possibilità di integrare al meglio il proprio smartphone anche per mezzo di Apple CarPlay e Android Auto. Un sistema veramente completo, moderno e ben fatto che deve scontare però la presenza di qualche errore di traduzione di troppo nei vari menù.

Grande attenzione è stata riservata anche ai passeggeri della seconda fila dove, oltre a grande spazio si può godere di una seduta alta e di schienali reclinabili (manualmente). Non mancano bocchette di ventilazioni dedicate e un pavimento perfettamente piatto, dettaglio più unico che raro da trovare su un SUV dotato di trazione ingrale. Non delude il bagagliaio, grazie a 850 litri disponibili, che possono diventare addirittura 1.784 abbattendo in un sol colpo, grazie all'apposita leva posizionata nel vano, gli schienali della seconda fila.
 


Tecnica

La Cadillac XT5 viene costruita negli Usa, nello stabilimento di Spring Hill, in Tennessee. Sotto al cofano pulsa un motore V6 in alluminio da 3.6 litri, collocato in posizione trasversale, in grado di erogare 314 CV e 368 Nm di coppia massima. La trazione integrazle è di serie, così come il cambio automatico a otto rapporti con convertitore di coppia (è un Aisin). Un motore in alluminio, di nuova generazione, dotato di tecnologia “cylinder on demand”, pensata per disattivare due dei sei cilindri ai carichi parziali, in modo da risparmiare più carburante possibile. A livello tecnologico la XT5 può contare su tutti i sistemi che ci si aspetta di trovare oggi su un'auto premiumd i questa categoria. Si parte dal cruise control adattivo con mantenitore di corsia, passando per la frenata automatica di emergenza. Non manca poi una chicca come il Rear Camera Mirror, che proietta direttamente sullo specchietto retrovisore interno le immagini catturate dalla telecamera posteriore. Per quanto riguarda il sistema di telecamere a 360° invece, che comprende la retrocamera di retromarcia, ci saremmo aspettati una migliore risoluzione (ha la stessa bassa definizione che abbiamo trovato sulle ultime Opel...).
 


Le nostre impressioni di guida

La Cadillac XT5 è un SUV per chi cerca tutto il comfort delle grandi auto americane. L'insonorizzazione acustica è perfetta, aiutata anche dall'estrema silenziosità del motore. Un sei cilindri aspirato con un'elasticità, un allungo e una pulizia di erogazione difficile da trovare oggi dalle nostre parti, dove domina il diktat dell'era “turbo-downsizing”. Un motore dall'indole pacifica, che si lascia apprezzare più per la sua pastosità e dolcezza che per una incisività graffiante. Stesso discorso per il cambio automatico, morbidissimo, quasi impercettibile nei cambi marcia. Un'auto la XT5 che, anche in modalità Sport, non invoglia a premere a fondo sul pedale del gas. Se si alza il troppo il ritmo il cambio inizia a dimostrarsi un po' lento e impacciato, mentre lo sterzo rimane sempre morbidissimo e lento nelle risposte.

Un'auto quindi pensata al 100% per soddisfare i gusti degli americani, più attenti a trovare comfort assoluto durante i lunghi trasferimenti sulle grandi e sconfinate highway, piuttosto che la reattività tipica di alcuni concorrenti europee. L'unico appunto, in termini di comfort, va fatto agli ammortizzatori a controllo elettronico che a volte risultano fin troppo rigidi e secchi nelle reazioni per i passeggeri posteriori.
 


Consumi

I consumi di questa XT5 invece ci hanno sorpreso, almeno in un certo senso. Nel corso del nostro test ci siamo tenuti intorno agli 11,5 l/100 km, un valore che con uno stile di guida più attento potrebbe scendere tranquillamente intorno ai 10 km/l. Valori da non sottovalutare per un SUV sei cilindri a benzina da 1.900 kg, con trazione integrale e cambio automatico. Per dirla in altre parole, ci sono concorrenti europee più compatte e meno potenti anche più assetate di questa “Cad”.

Conclusioni

La Cadillac XT5 è il classico SUV all'americana, tutto orientato al massimo comfort di marcia. Non chiedetele quindi prestazioni da brivido su un passo di montagna, perché lei nasce con un altro scopo. Interessanti i prezzi, almeno in relazione alle competitor europee. La XT5 in Europa parte da 48.800 euro per arrivare ai 66.800 euro della versione top di gamma protagonista del nostro test. Il che equivale a dire che al prezzo di una BMW X5 sei cilindri in allestimento “base” ci si porta in garage una XT5 full optional.

Pregi e difetti

  • Prezzi interessanti – Abitabilità – Qualità interni – Massimo comfort
  • Errori di traduzione nei sistemi di bordo – Sospensioni un po' troppo rigide per chi sta dietro – Piacere di guida dal sapore fin troppo americano

 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Cadillac XT5
Maggiori info
Cadillac
  • Kroymans Import Italia S.r.l. via di Vigna Murata, 40
    00143 Roma (RM) - Italia
    800 8680 8800   http://www.cadillac.com