Hub Rally-Raid - Dakar 2022

Sensazionale! ASO Promoter del Mondiale Cross-Country FIA. Dakar diventa prima Prova

-

Miracolo ASO, dopo oltre 40 anni di separazione, Dakar e Mondiale Cross-Country confluiscono in unico fiume sotto la direzione promozionale di ASO, padre e padrone della Dakar. È un corso veramente nuovo, una riunione storica!

Sensazionale! ASO Promoter del Mondiale Cross-Country FIA. Dakar diventa prima Prova

Parigi, 17 Giugno. ASO Promoter del Mondiale Rally-Raid. FIA, ma immagino che FIM arriverà a ruota. Dakar diventa la prima Prova del Mondiale Cross-Country Rally. FIA. Tutta d’un fiato, difficilissimo perché è una notizia che toglie il respiro.

42 anni fa, dal genio creativo di Thierry Sabine, nasceva la Dakar, allora Parigi-Dakar, oggi marchio universale. Poi è nato il Cross-Country, non all’americana ma… alla francese, Rallye-Raid, il “nostro” modo di vedere la Corsa del Deserto. Per oltre 40 anni sono rimasti due mondi a sé, con pochi e difficili punti di contatto. Si sa, gli Organizzatori (sì, “O” maiuscola) sono gente un po’ speciale, dalla speciale “trattabilità” e spesso refrattari alla comunicazione tra “colleghi”. Dakar faceva ruolo e voce a sé, “indipendente” o, meglio, mai dipendente. Regole sue, commissari suoi, concessioni e ruoli con il contagocce, e solo quando indispensabili, alle Federazioni, FIA e FIM. La “separazione” adesso ha una fine.

Parigi. Per definire il cambio di rotta storico, si incontrano Jean-Etienne Amaury, Jean Todt, Yann Le Moenner. Il primo è il “padrone” e Presidente di ASO, Amaury Sport Organization, l’Equipe, il Tour, Olimpiadi, la Dakar e mille altre attività soprattutto nella organizzazione e gestione logistica di massimo livello. Il secondo è il Re Salomone di FIA, Féderation Internationale de l’Automobile, tutto francese. È stato Navigatore, Manager Peugeot, Citroen e Ferrari, oggi è il Presidente. Il terzo è, a parer mio, l’artefice di tutto. CEO e da vent’anni e passa uomo guida di ASO, è l’uomo che con pazienza, buon senso e grande intelligenza, ha creato, “raffinato” e risolto grandi equilibri diplomatici per i grandi progetti di ASO. Il Camillo Benso di ASO.

Dall’incontro di Parigi esce, firmato, il manoscritto che segna la svolta: ASO diventa Promoter del Mondiale Cross-Country Rally FIA. Già, era Coppa, ora è Campionato del Mondo.

A questo punto la sensazione è devastante, quindi trattengo il respiro e traduco: “… il leggendario Rally Dakar lancerà l'inizio di questa nuova era nel rally cross-country, diventando il round di apertura del Campionato del Mondo FIA 2022. Come parte del nuovo accordo, i regolamenti sportivi e tecnici della FIA e dell'ASO saranno allineati, garantendo coerenza per i concorrenti in tutti gli eventi. La FIA sta inoltre sviluppando regolamenti tecnici per tecnologie nuove, alternative e sperimentali all'interno della disciplina, in linea con la sua strategia ambientale a sostegno dell'azione per il clima, della tecnologia e dell'innovazione e delle pratiche sostenibili. Questa si rivelerà l'ultima sfida in una disciplina in cui l'azione si svolge in alcuni degli ambienti più remoti e difficili del mondo.”

Naturalmente è solo l’inizio. Molto altro ancora, non c’è da dubitare. Dal calendario alle classi, dalle assegnazioni dei Titoli ai nuovi regolamenti, per nuove tecnologie e impatto. Per una nuova era!

 

© Immagini ASO

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento