libri

Elettrico? Sì, grazie!

-

Dall’esperienza diretta di uno scooterista, arriva la prima guida completa alla scelta del veicolo elettrico. Un vademecum per compiere il grande passo: affrancarsi dalla benzina e passare alla mobilità a zero emissioni

Elettrico? Sì, grazie!

Una scelta di vita: da due anni Luca Cassioli, giovane ingegnere romano, per gli spostamenti urbani usa soltanto uno scooter elettrico. Un pioniere forse; certamente un testimone convinto ed un sostenitore reale della mobilità alternativa. Dalla sua esperienza ha tratto aspirazione per “Elettrico?, Sì, grazie”, volume appena pubblicato e tutto dedicato all’universo dei veicoli (scooter, ma anche biciclette  pedalata assistita, moto ed automobili) che vogliono fare a meno dei combustibili fossili.

Oggi sono oltre 500 i veicoli elettrici disponibili sul mercato e si valuta siano migliaia quelli che già girano ogni giorno sulle nostre strade. Questi numeri, ne è convinto Cassioli, potrebbero impennarsi se ci fosse maggiore informazione corretta e meno luoghi comuni e false credenze sui veicoli elettrici.

Questo libro getta luce sui misteri del loro funzionamento e dei costi, permettendo in buona sostanza al lettore di decidere al lettore se è finalmente arrivato il momento di dire addio alla benzina e passare ad una fonte energetica più pulita, economica e che, grazie ai pannelli fotovoltaici, è possibile anche autoprodurre in casa. Per i tanti ben disposti verso la propulsione elettrica, e che aspettano solo di essere convinti da numeri e dati per compiere il grande passo, Cassioli ha scritto un libro che appare come una grande mappa, un prezioso scrigno di consigli ed esperienze condivise.

Informazioni tecniche, grafici comparativi, analisi accurate di costi e benefici comparati con quelli dei veicoli tradizionali: Cassioli gioca a carte scoperte, non nascondendo i punti ancora deboli della propulsione elettrica applicata ai veicoli per lo spostamento individuale; ed ancora, una puntigliosa (ma non noiosa) disamina dei termini tecnici, delle sigle e delle nozioni indispensabili per muoversi nella foresta dell’elettricità senza smarrirsi perché si è perso il sentiero. In fondo, chi sceglie uno scooter elettrico è certo un po’ fissato con numeri e cifre, e vuole sapere tutto sul suo veicolo.

Con questo libro, ogni curiosità in merito è soddisfatta: in poco più di 200 pagine, viene spiegato come sia possibile, oggi e subito, muoversi pagando pochi centesimi al chilometro, con zero emissioni ed inquinamento acustico nullo. Per essere tra coloro che il mondo lo cambiano, senza aspettare che siano gli altri a farlo. “Elettrico? Sì, grazie” - di Luca Cassioli - Edizioni Script - 212 pagine - 14,90 euro

  • luca.cassioli, Roma (RM)

    Consulenze

    Vedo che hanno tolto i link che avevo inserito, ma non importa: chi è interessato ad avere informazioni aggiuntive di qualunque genere sui mezzi elettrici, può chiedermele direttamente qui invece che sul mio blog, sarò felice di rispondere.
  • luca.cassioli, Roma (RM)

    Meglio lo scooter che la macchina!

    Per il momento è vero, un'auto elettrica non è conveniente economicamente, lo è solo "ambientalmente"; sul libro trovate tutti i perchè, i percome, i calcoli, i pro e i contro.

    Qui mi limito a dire che io, per questi motivi, intanto ho acquistato uno scooter elettrico: più veloce di una bici elettrica (fino a 60 km/h il mio, ma arrivano fino a 100 km/h), più versatile (puoi utilizzarlo tutto l'anno, con opportuno abbigliamento; in bici non puoi vestirti mica da astronauta, d'inverno!), più potente (hai voglia a pedalare, su salite del 20%! Beato chi abita in pianuara padana!), ma soprattutto più economico: uno scooter elettrico costa UN DECIMO di un'auto elettrica (da 2000 a 5000 euro invece che da 25.000 a 50.000!).

    Subito dopo verrà la minicar elettrica (ho già messo gli occhi sulla GreenGO Icar0 da 160 km di autonomia a 65 all'ora) per gli spostamenti locali invernali.

    Nel frattempo, ENI ed ENEL hanno stretto un accordo per mettere stazioni di ricarica veloce da 43 kW nelle stazioni di servizio ENI, anche in autostrada: consentono una ricarica completa in mezz'ora per un'ipotetica auto da 300 km di autonomia, un quarto d'ora per una attuale da 150). 
Inserisci il tuo commento