GP Belgio

F1, GP Belgio 2021: I tre giri dietro la safety car l'ennesima farsa

-

Il commento del nostro Paolo Ciccarone sulla decisione di Michael Masi di assegnare la vittoria del Gran Premio del Belgio a Max Verstappen, con soltanto tre giri disputati

F1, GP Belgio 2021: I tre giri dietro la safety car l'ennesima farsa

SPA - Non si finisce mai di imparare e di scoprire qualcosa di nuovo. Vedere un GP concludersi dopo tre giri dietro alla safety car, dopo tre ore e mezza di attesa perché la pioggia impedisce uno svolgimento sicuro, mancava alla lunga collana di punti bassi della F.1. Ma in Belgio ci siamo arrivati con una farsa che speriamo resti unica nel suo genere. Perché in Belgio piove spesso, la pista è sempre quella e se non si può correre, dopo che tutte le altre categorie lo hanno fatto, è evidente che il problema è di queste monoposto e della gestione complicata di cose semplici.

Ovvero poter cambiare l'assetto in funzione della pioggia, evitare di avere macchine che sollevano più acqua di una colonna di Tir in autostrada e avere idee chiare. Perché se sabato il direttore di gara ha dovuto aspettare il botto di Norris dopo che Vettel aveva chiesto la sospensione delle prove, in gara con la stessa pioggia o anche meno, si è avuto paura di farli partire col risultato di una farsa che ha tenuto in tribuna per tre ore e mezza i tifosi che hanno pagato, gli organizzatori e le TV collegate. I tre giri dietro alla safety car sono una ennesima presa per i fondelli perché il regolamento prevede che la corsa si sia disputata, i punti assegnati e nessuno può chiedere il rimborso dei biglietti, dei soldi per l'organizzazione della gara e le TV per aver trasmesso l'evento.

Si fa per dire perché in tre ore e mezzo di nulla assoluto con la pioggia fitta che cadeva fitta peggio del sabato, era chiaro ed evidente che non ci sarebbe stato scampo fermo restando il meteo. E allora, visto che il GP si è deciso il sabato con la qualifica che ha visto Verstappen davanti a Russell ed Hamilton, l'assegnazione di metà punteggio consente all'olandese di sorridere dopo gare sfortunate ma come lui stesso ha ammesso, "non sarà la vittoria che ricorderò come la più bella".

I nostalgici diranno che si è sempre corso qui e lo hanno fatto i campioni di ieri e quelli di oggi non valgono un'unghia rispetto al passato, dimenticandosi che la griglia attuale è la più serrata e combattuta degli ultimi decenni. Escluso che i piloti di oggi siano delle "pippe", i problemi sono altri. La morte di Jules Bianchi dopo l'uscita in Giappone, ha imposto un giro di vite dalla federazione, sia in materia di regole, sia per questioni assicurative. Liberty Media gestisce commercialmente il circo, ma le norme sono tutte sportive, per cui si parla di regolamenti.

Sulle gare, sul modo di comportarsi, sulla tecnica. Ed è qui che bisogna fare una vera rivoluzione, magari partendo da concetti semplici. Se piove si cambia l'assetto. Invece no. Una complicazione voluta anni fa da Max Mosley e rimasta in essere da tempo per rendere più complicata la gestione della F.1. Un esempio? Raikkonen ha cambiato l'ala posteriore fra sabato e domenica e ha dovuto partire dai box ultimo. Era una mossa di sicurezza, ma la regola lo ha relegato in fondo. Norris è andato a sbattere, ha dovuto sostituire il cambio ed è stato penalizzato, come se fosse stato fatto apposta o come se una trasmissione non possa rompersi, specie dopo l'incidente.

E' una F.1 che deve semplificarsi, togliere gli orpelli inutili e avvicinarsi al pubblico. Perché coloro che hanno pagato caro il biglietto, preso pioggia e freddo, meritano rispetto, ma visto che la F.1 ha corso a porte chiuse, di questi non gliene frega niente e come dice Hamilton "spero che almeno rimborsino il biglietto a questi tifosi, grandi nel sopportare il freddo e la pioggia in attesa di una gara che non c'è stata". Ecco, il GP del Belgio 2021 passerà alla storia come la corsa che non c'era ma ha assegnato metà punteggio. E magari determinerà il risultato del mondiale...

  • pippoGSR11

    Una pagliacciata di proporzioni bibliche. La gara semplicemente non c’è stata, quindi nessuna assegnazione di punti e GP cancellato, il resto sono solo porcate politiche.
Inserisci il tuo commento