GP Gran Bretagna 2020

F1, GP Silverstone 2020, FP3: Bottas al top

-

Valtteri Bottas ha ottenuto la miglior prestazione nella terza sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna 2020 di Formula 1 a Silverstone. Seguono Lewis Hamilton e Max Verstappen. Sesto Charles Leclerc, quattordicesimo Sebastian Vettel

Miglior tempo per Valtteri Bottas nella terza sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna 2020 di Formula 1 a Silverstone. 1'25"873 è il crono colto dal finlandese della Mercedes, che ha preceduto il compagno di squadra, Lewis Hamilton, e l'olandese della Red Bull, Max Verstappen. Come da previsioni, le condizioni atmosferiche sono cambiate drasticamente rispetto a ieri: dai 35 gradi del pomeriggio di venerdì le temperature sono scese di una decina di gradi. E il fatto che il cielo fosse nuvoloso ha comportato una riduzione notevole della temperatura dell'asfalto. Dal momento che sarà così anche per qualifiche e gara, i team hanno approfittato dei 60 minuti di questa mattina per raccogliere dati utili. Riscontri importanti per capire meglio i valori in campo. 

E con l'abbassarsi delle temperature, la Mercedes W11 è tornata il tritacarne che abbiamo imparato a conoscere. Se Bottas già ieri era stato in grado di avere ragione della capricciosa diva W11, infastidita dal caldo, Hamilton oggi ha suonato la carica. L'inglese non ama le temperature eccessive, che complicano la gestione degli pneumatici. E il meteo ha voluto agevolarlo nella gara di casa. La settima pole in patria è sicuramente alla sua portata, anche se Bottas sembra essere in palla sul giro secco. 

Ma nella mischia per un posto al sole sul podio c'è anche la Racing Point. In attesa che arrivi la decisione da parte della FIA sulla legittimità della chiacchieratissima RP20, la panterona rosa continua a graffiare. Lance Stroll, quarto, si è dimostrato assai veloce, tanto da poter regalare un risultato di prestigio al team nella gara di casa. Ma Nico Hulkenberg, nono, ma a due decimi dal compagno di squadra, sembra un serpente che prende le misure della preda, pronto ad inghiottirla. Molto però dipenderà da quanto riuscirà ad estrarre dal suo pacchetto in qualifica e dalla tenuta del suo collo. Quinta posizione per Carlos Sainz, della McLaren, che ha preceduto Charles Leclerc, della Ferrari, e il compagno di squadra, Lando Norris

La Ferrari per la prima gara a Silverstone ha scelto un assetto decisamente aggressivo per la SF1000: una configurazione molto scarica, a cominciare dall'ala posteriore. La velocità sul dritto è notevole, ma la mancanza di carico in curva viene pagata non tanto con la gomma nuova, ma con il passare delle tornate. La Rossa, quindi, potrebbe andare meglio del previsto in qualifica, ma dai long run emerge un passo gara tutt'altro che invidiabile. L'obiettivo sarà quello di cogliere il miglior risultato possibile oggi, e sperare in qualche colpo di scena domani.

E comunque, più che un Cavallino, la SF1000 sembra un toro scatenato difficilissimo da domare con questo setup. Soprattutto con Vettel, quattordicesimo, che ha cercato di recuperare il tempo perso venerdì per i problemi all'intercooler e alla pedaliera scendendo subito in pista per trovare un feeling con la sua SF1000. Ma Vettel ha avuto nuovamente problemi alla pedaliera: un disastro. A completare la top ten troviamo Daniel Ricciardo, della Renault; Hulkenberg; e Pierre Gasly, dell'Alpha Tauri. Undicesimo è Daniil Kvyat, dell'Alpha Tauri, davanti ad Esteban Ocon, della Renault.

In casa Red Bull si sono vissuti momenti di agitazione per mettere in pista la vettura di Alexander Albon, finito a muro nelle FP2 di ieri. Visto che il personale in pista è ridotto per via delle normative anti COVID-19, riparare le monoposto incidentate diventa un'impresa da titani. Un problema elettrico scoperto all'ultimo ha complicato ulteriormente le cose. In ogni caso, la scuderia di Milton Keynes con l'abbassarsi delle temperature ha perso competitività. Ma la nuova ala posteriore si è dimostrata efficace. Albon è tredicesimo, davanti a Vettel, Romain Grosjean, della Haas; George Russell, della Williams; Antonio Giovinazzi, dell'Alfa Romeo; e Kevin Magnussen, della Haas. Chiudono la classifica Kimi Raikkonen, dell'Alfa Romeo Racing; e il canadese della Williams, Nicholas Latifi. 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento