GP Giappone 2018

F1: il bello e il brutto del GP del Giappone 2018

-

I top e i flop del Gran Premio del Giappone secondo il nostro Paolo Ciccarone

IL BELLO

Hamilton. Gara perfetta senza sbavature e senza bisogno di nessun aiuto da Bottas, sulla pista che ama davanti a un pubblico osannante. I più 67 su Vettel sono un bel bottino a 4 gare dalla fine.

Ricciardo. Non ha vinto, ma visto da dove partiva e i sorpassi che ha fatto, con problemi tecnici alla Red Bull (saltava la 6 marcia) ha concluso a un passo dal podio. Uno così merita una macchina da mondiale. Perché a Maranello gli hanno chiuso le porte in faccia? Perché?

Vettel. Sempre grintoso, una garanzia di spettacolo nei duelli ravvicinati, non ha mollato sul finire quando ha visto Bottas a un passo dal sorpasso, peccato le polemiche per i contatti Raikkonen Vettel, ma uno così da tenere stretto per le future generazioni.

Ocon. Zitto zitto, senza un posto di lavoro per il prossimo anno, fa la sua gara decisa e porta a casa il massimo possibile in un team in cui è solo ospite (e per giunta indesiderato)

Suzuka. Pista vera di altri tempi, pubblico educato e tifosissimo, gran rispetto per tutti i protagonisti in pista, da prendere ad esempio per tanti tifosi beceri che fischiano gli avversari, qui in Giappone sanno cosa significa rispetto e lo fanno vedere. Da applausi

Ferrari tra le note dolenti del GP del Giappone
Ferrari tra le note dolenti del GP del Giappone

IL BRUTTO

Ferrari. Non solo colpa di Vettel o Raikkonen, è tutto l'insieme che scricchiola e non si capisce bene il perché. Hanno le basi tecniche giuste, hanno tutto eppure si perdono per strada. Non si può sbagliare così in qualifica e in gara anche le strategie giuste (vedi Russia) non portano a nulla.

McLaren. Sbagliano a mandare la lista delle gomme da usare, hanno una macchina che sembra un carro armato penalizzano i piloti con tecnica indecorosa per cotanto team, davvero impensabile per la squadra che 30 anni fa vinceva il mondiale con Senna su questa pista.

Leclerc. A parte i problemi tecnici alla Sauber, ne ha combinata qualcuna di troppo, abbocca con Magnussen, esce di pista, si fa superare da Ericsonn, insomma da quando è ufficiale Ferrari sembra aver smarrito la concentrazione e pensare già alla prossima stagione.

Renault. Arranca, si ritira con Hulkenberg, Sainz annaspa, un finale di stagione problematico con problemi non ancora risolti e con una stagione 2019 che deve dare dei risultati altrimenti il grande capo Carlos Goshn la mette giù dura e saran dolori...

  • milan46, Bologna (BO)

    Vettel è stato confuso anche da Arrivabene con Verstappen, lapsus froidiano ?

    A mio parere Vettel è arrivato in ritardo al sorpassso a Verstappen, che non ha avuto il tempo di pensarci su e d'istinto ha chiuso nel suo stile; peccato pero' buttare cosi le prestazioni di una macchina che c'era.
  • giaco21, milano (MI)

    Ma dove li avete visti i bei sorpassi di Verstapen che avete chiamato Vettel.
    I bei sorpassi li ha fatti Vettel, certo correre contro i Kamikazze che esaltano i vs punti di vista da romani al circo massimo, è impresa difficile e pericolosa, il ragazzino ha anche l'arroganza di giudicare gli altri che per superarlo devono chiedere il suo permesso.
    Ha tagliato la curva è rientrato senza controllare che Raikkonen era avvantaggiato dal suo errore e riesce a criticare l'avversario dicendo che avrebbe dovuto aspettare a superarlo.
    All'attacco di Vettel ha visto che era stato affiancato e non ha avuto remore di chiudergli lo spazio, altri in quella curva con identico sorpasso hanno allargato la traiettoria per non causare danni altrui e a se stessi. anche qui ha avuto da criticare la manovra di Vettel.
Inserisci il tuo commento