formula 1

Formula 1: perché Ecclestone vuole dire addio a Monza?

-

La Formula 1 si appresta a dire bye, bye a Monza, ma quali sono i fattori che hanno portato Bernie Ecclestone a questa decisione? | P. Ciccarone

Formula 1: perché Ecclestone vuole dire addio a Monza?

Come al solito Bernie Ecclestone ha trovato il momento giusto e il mezzo giusto per mandare i suoi messaggi forti e chiari sul futuro del GP d’Italia a Monza. “Il contratto scade nel 2016, dopo di che bye bye” ha detto alla Gazzetta Dello Sport di ieri.

Monza: un futuro a rischio

Il giornale non è casuale e nemmeno l’uscita di Ecclestone che fa capire come il futuro dell’impianto brianzolo sia a rischio. Per la F.1 almeno. Per capire perché Ecclestone abbia esternato ora questo concetto che i dirigenti dell’autodromo conoscono benissimo da oltre un anno, bisogna fare un passo indietro e ripercorrere le vicende degli ultimi 20 mesi.

Tutto inizia con una inchiesta del PM Mapelli della Procura di Monza che scopre delle irregolarità amministrative nella gestione dell’autodromo dopo che è scoppiato il bubbone delle bolle nell’asfalto della curva Parabolica durante la gara di moto Superbike.

La Sias, che gestisce per conto di Ac Milano l’impianto (che è di proprietà del comune di Monza e Milano) in seguito a questo e ai fatti emersi nelle inchieste, licenzia i dirigenti dell’epoca, dottor Enrico Ferrari e il responsabile tecnico Giorgio Beghella Bartoli mentre nel frattempo la procura amplia l’inchiesta giudiziaria, scoprendo man mano altri filoni di inchiesta. Sia Ferrari sia Beghella Bartoli si sono appellati all’esclusione e in sede civile hanno iniziato le opportune azioni giudiziarie per aver ragione del trattamento subito.

monza sbk 2012
La gara della Superbike del 2012 fece emergere i problemi alla curva Parabolica, portando così all'apertura di un'inchiesta

Cosa è cambiato dopo la gara della SBK

Nel frattempo a Milano è cambiata la gestione dell’Ac e il nuovo direttore dottor Fabrizio Turci avvia un’opera di ripartenza modificando alcuni passaggi, ampliando le gare d’appalto e modificando anche la direzione dell’impianto che, su indicazione del presidente ACI Angelo Sticchi Damiani, viene affidato ad Alfredo Scala, che gestisce già l’autodromo di Vallelunga.

In mezzo a tutti questi passaggi burocratici, a situazioni complesse da risolvere, unite alla crisi e alla scomparsa di AC Promotion, la società che gestiva la pubblicità per l’impianto, alla fine Ecclestone si è trovato davanti una situazione in cui non aveva più interlocutori con cui parlare.

A questo punto, con Alfredo Scala al timone dell’’impianto ma senza veri poteri operativi, con la situazione politica dell’Ac Milano in evoluzione (il 22 luglio ci saranno le elezioni e sono due le cordate che si scontrano, ma ci sono problemi di tesseramento che hanno coinvolto il TAR e quindi si presume che per il GP d’Italia, il prossimo settembre, non ci sia ancora un esecutivo definitivo) Ecclestone si affida all’avvocato Federico Bendinelli, che era il capo della SAGIS, la società che a Bologna gestiva l’impianto di Imola e che fino al 2006 ha ospitato il GP di San Marino.

Le conclusioni di Ecclestone

Bendinelli, in pratica, funge da punto di incontro fra Aci Milano, Sias e ACI Italia e riferisce a Ecclestone direttamente. Con la prossima chiusura delle indagini della procura di Monza, che per settembre avrebbe altri elementi scottanti (e pare si tratti di pagamenti estero su estero che coinvolgono lo stesso Ecclestone) e in mancanza di un referente, ecco che il patron della F.1 ha fatto capire chiaramente che di Monza e del GP d’Italia se ne può fare a meno.

f1 monza 2013(1)
Con il Mugello che lancia la sua candidatura e la gestione "all'italiana" del tracciato brianzolo, la Formula 1 sembra sempre più vicina a lasciare Monza dal 2016

 

“E’ stato un contratto oneroso da parte mia” ha detto Bernie. Infatti Monza paga 18 milioni di euro per ospitare la gara, all’estero arrivano fino a 45 milioni con una media di 25-30 in alcune gare europee. Quindi come prima cosa, se Monza vuole il GP deve mettere mano al portafogli e sganciare di più. Per fare un esempio, nel 2012 ci fu un fatturato pubblicitario di quasi 8 milioni di euro, l’anno scorso hanno faticato a portare a casa 1 milione.

Tra soldi e sicurezza...

E quest’anno non è che le cose vadano meglio... Quindi chiedere più soldi, ora, vuol dire uccidere la gara, ma ci fosse almeno un referente affidabile, uno che si prende le responsabilità, Ecclestone potrebbe aprire una trattativa, ma ora con chi parla visto che anche Bendinelli non ha voce in capitolo ma funge solo da passaparola? C’è poi un ultimo aspetto, per niente trascurabile. La sicurezza. Quest’anno ipotizzano velocità massime di 380 km/h in rettilineo, troppi per l’impianto attuale.

Ecco che il rischio modifiche al tracciato è dietro l’angolo. E anche qui, fra permessi che mancano, politici che parlano e promettono (vedi regione Lombardia) e altro ancora non succede nulla. “Affinchè Monza si salvi devono verificarsi tre miracoli contemporaneamente – dice un responsabile dell’autodromo che resta anonimo – già un miracolo è difficile, farne tre diventa una impresa ardua”.

Questa è la storia, per sommi capi, di quanto sta accadendo a Monza, sintomo di un degrado tutto italiano in cui la politica e il malaffare hanno generato solo dei danni collettivi. E col Mugello che aspetta in un angolo, forte degli appoggi politici ed economici, per Monza il futuro è in salita. A volerlo vedere in maniera positiva...

  • alfalf55, Vaprio d'Adda (MI)

    Ma

    non è il caso che Ecclestone vada in pensione ( si fa per dire ) con tutti
    i soldi che ha fatto non si preoccuperà certo di come fare a sopravvivere.
    Per quanto riguarda i commenti circa il figlio La Russa o il marito
    Brambilla, ragazzi, è ora che ci rendiamo conto che questi fanno ciò che
    vogliono perché viene loro consentito da noi, che non facciamo nulla
    per cambiare questa situazione
    Unica cosa che ha fatto di buono (almeno a livello estetico) Bernie, è la
    figlia(bellissima).
  • pikat09, Campi Bisenzio (FI)

    Re Mida

    Molti nostri politici e funzionari pubblici sono dei Re Mida al contrario: toccano l'oro e lo trasformano in [...]!
Inserisci il tuo commento