attualità

Bollo e multe: con “pace fiscale” via tutte le cartelle fino a 1.000 euro

-

Con l'ultima manovra fiscale del Governo Conte estinti i debiti col fisco dal 2000 al 2010 per gli importi al di sotto dei 1.000 euro

Bollo e multe: con “pace fiscale” via tutte le cartelle fino a 1.000 euro

Colpo di spugna del Governo Conte sui piccoli debiti dei contribuenti con l'Agenzia delle Entrate. Con il varo del decreto fiscale noto come “pace fiscale” l'esecutivo vara una misura che punta a ripulire l'archivio dell'agente di riscossione ex Equitalia da tutte quelle pendenze di entità fino a 1.000 euro.

Si tratta delle mini-cartelle che riguardano in larga parte bolli auto e multe non pagate, che saranno condonate automaticamente entro la fine dell'anno. Il contribuente dunque non dovrà far nulla, penserà a tutto l'Agenzia. 

Ad essere interessate sono però solo le cartelle notificate dall'1 gennaio del 2000 fino al 31 dicembre del 2010 e, come detto, fino ad un importo massimo di 1.000 euro, comprensivi di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni.

«Questa misura ci è stata chiesta dal Ministero e dagli organi competenti. Ci è stato riferito che ci sono maggiori costi nel gestire e tenere nel sistema informatico queste posizioni da cui non si ricava alcunché. Si tratta di una semplice “ripulitura” del sistema da quelle pendenze che non garantivano nessun gettito», ha spiegato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

  • Roma.2018

    Giusto quello che scrive Matilde, che ne sa la persona di Faenza delle problematiche che hanno gli altri! Lui ha potuto pagare ed ha fatto bene, che ne sa dei problemi di altra gente che pur pagando le tasse già decurtate in busta paga come è giusto che sia,non riesce a far fronte alla spese di sopravvivenza per dover pagare le multe che non sono mai andate in prescrizione come sarebbe dovuto accadere e sono state riscritte al ruolo con enormi interessi! Per fortuna al Governo c'è chi pensa a fare le manovre giuste!
  • Roma.2018

    Ha ragione Matlide2. Gli impiegati pubblici sono costretti a pagare infinite tasse e non possono sfuggire al fisco mentre i furbetti vengono sempre accontentati. Non è giusto, dovrebbero essere aiutate anche e soprattutto le persone oneste. Mi auguro che ciò avvenga presto.
Inserisci il tuo commento