coronavirus

Coronavirus, blocco di tutte le attività tranne i servizi primari | Mercoledì 11 Marzo

-

11 Marzo, conferenza di Conte appena terminata: è richiesto un ulteriore sforzo, aperte solo farmacie, banche e trasporti

Coronavirus, blocco di tutte le attività tranne i servizi primari | Mercoledì 11 Marzo

Il premier Conte ha appena terminato la conferenza stampa dove ha annunciato che dopo gli sforzi già intrapresi dal paese, è neccessario compiere un passo aggiuntivo: il blocco di tutte le attività commerciali.

Il Premier ha ricordato di come il paese sta reagendo prontamente all'emergenza, e di come al primo posto ci sarà sempre la salute degli italiani. Dalla giornata di domani saranno chiuse tutte le attività commerciali al dettaglio salvo quelle che possano fornire beni di prima necessità. Di conseguenza farmacie, servizi come banche, poste e trasporti resteranno operative adempiendo alle disposizioni di sicurezza. Alle aziende è richiesto di incentivare ferie, congedi retribuiti e telelavoro (o smart-working). Il premier chiede di rispettare ora e al meglio le norme, per poter rientrare dallo stato di emergenza quanto prima insieme. 

Oltre all'invito di perseverare nella limitazione di tutti gli spostamenti, è stato nominato un commissario straordinario con ampi poteri di deroga per potenziare la risposta sanitaria: si tratta di Domenico Arcuri, Invi Italia, che si coordinerà con il Dr.Borrelli e la protezione Civile per potenziare anche la distribuzione di attrezzature per la gestione delle attività intensive e subintensive,

Ribadito sempre nel suo discorso un concetto molto importante: Non è necessario correre per procurarsi viveri di prima necessità, perchè tutto sarà garantito. Evitiamo quindi assembramenti inutili.

  • MAXPAYNE IT, Fusignano (RA)

    Vediamo se la capra, e il caprone, alias l'italiano medio, continuerà a fare i zzi sua, come l'altro giorno, dove con già in vigore i blocchi, il centro di Milano e


    Napoli (prese ad esempio, ma era così ovunque),erano un formicaio di gente come se ci fossero i mercatini di Natale. Fortuna che dicono che un tempo la gente era ignorante e oggi invece è colta. L'intelligenza è una cosa, la cultura un altra. E un tempo la gente era intelligente e dotata di buon senso. Oggi sono forse più colto, ma allo stesso tempo, con l'intelligenza di una scarpa sfatta . Anche di fronte a un emergenza sanitaria, di questa portata,i caproni moderni vogliono fare ciò che gli aggrada, a scapito di TUTTI. Non sono persone, ma schifezze a due zampe ..
Inserisci il tuo commento