Dodge Charger Daytona EV: la prima muscle car a batterie (ma c'è anche a benzina)

Dodge Charger Daytona EV: la prima muscle car a batterie (ma c'è anche a benzina)
Pubblicità
Carlo Bellati
  • di Carlo Bellati
Come anticipato da alcune foto "rubate", oggi è il giorno della Dodge Charger Daytona. Elettrica con due tagli di potenza ma senza dimenticare i petrolhead
  • Carlo Bellati
  • di Carlo Bellati
5 marzo 2024

Dodge ha tolto il velo sulla a lungo anticipata versione elettrica della Dodge Charger Daytona EV, annunciata come l'unica 2muscle car elettrica". con un forte stile retrò ma in effetti del tutto basata su una nuova piattaforma, la STLA Large, che ha la flessibilità per approntare modelli elettrici ma anche una versione "old school", a benzina, però scordatevi l'Hellcat V8, qui ci sarà un sei cilindri in linea a doppio turbo. A quanto detto dal CEO Tim Kuniskis, i fan delle muscle car non saranno delusi, visto che la Daytona EV sarà più rapida di qualsiasi modello coi pistoni.   

La paittaforma STLA Large in versione elettrica
La paittaforma STLA Large in versione elettrica
Naviga su Automoto.it senza pubblicità
1 euro al mese

La Dodge Charger Daytona EV Scat Pack eroga 670 cavalli e il dato di accelerazione ufficiale è di 3,3 s da 0 a 60 mph, il che corrisponde a circa 3,4 s da 0 a 100. La versione "normale" R/T ha 496 cavalli ed ha ugualmente la trazione integrale. a completare il trio la Dodge Charger Sixpack H.O. da 550 cavalli alimentata dal motore Hurricane High Output da 3 litri Twin Turbo e la Dodge Charger Sixpack da 420 cavalli (Hurricane Standard). Altra novità nella gamma è la disponibilità della carrozzeria a due porte o a quattro porte, anche se le prime ad essere in commercio saranno le elettriche coupé, per le altre si attende la fine del 2024 e l'inzio dell'anno successivo. Molto particolare la linea della carrozzeria, che è una bella sintesi di design vintage con elementi d'aerodinamica molto avanzati ed un uso sapiente delle luci come sottolineatura delle forme, con la presenza di uno spoiler "pass through" sul frontale e la delizia degli smanettoni da semaforo, un pulsante Powershot che aumenta la potenza del 40% per 15 secondi.

Siccome agli americnani piace ancora molto il rombo del V8, la Dodge Charger EV ha un sistema di sintesi del rumore del motore termico chiamata Fratzonic che promette un sound anche migliore del passato degli Hemi 5.7 e 6.4.       

Pubblicità