Fiat 600: meglio prevenire che curare, sparisce il tricolore perché è fatta in Polonia

Fiat 600: meglio prevenire che curare, sparisce il tricolore perché è fatta in Polonia
Pubblicità
Simone Lelli
  • di Simone Lelli
Stellantis rimuove la bandiera italiana dalle Fiat 600 prodotte in Polonia, per evitare controversie doganali simili a quelle del quadriciclo leggero.
  • Simone Lelli
  • di Simone Lelli
21 maggio 2024

La storica Fiat 600 perde un simbolo distintivo: la bandiera italiana. Il gruppo Stellantis, in un movimento preventivo, ha deciso di eliminare questo dettaglio dal paraurti posteriore delle vetture, seguendo la sorte già toccata alla Fiat Topolino. Questa decisione è stata presa per scongiurare eventuali problemi doganali, una situazione già affrontata con la produzione in Marocco del quadriciclo leggero.

Le Fiat 600 in questione, denominate B-SUV, sono assemblate in Polonia e successivamente importate in Italia. Nonostante il design sia italiano, la produzione avviene fuori dai confini nazionali, rendendo complicato l'uso di simboli che indichino un'origine italiana, a causa delle normative sul cosiddetto "Italian sounding".

Stellantis ha comunicato ufficialmente che nessuna pressione è venuta da Roma e che la decisione è stata completamente autonoma. L'intenzione dichiarata è quella di mantenere trasparenza sul luogo di assemblaggio dei veicoli, enfatizzando come la designazione "Made in Poland" sia chiaramente visibile sulle auto. Questo dovrebbe servire a prevenire qualsiasi malinteso sulle origini del prodotto.

La polemica non è limitata solo al settore automobilistico. Anche la divisa della nazionale italiana di calcio, prodotta da Adidas e venduta dalla FIGC, subisce una sorte simile. Nonostante l'emblema "Made in Italy", le maglie sono infatti prodotte in Vietnam, sollevando questioni sulla coerenza tra il marchio e il luogo di produzione.

Naviga su Automoto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Argomenti

Pubblicità