mercato

Geely investe in Volocopter, startup per il taxi volante

-

I cinesi entrano nel capitale della factory tedesca che vuole lanciare tra tre anni il taxi volante VoloCity

La cinese Geely ha investito in Volocopter, startup fondata nel 2011 che sta realizzando un taxi volante con propulsione elettrica battezzato VoloCity il cui lancio commerciale è previsto nel 2022. 

Il colosso cinese, che detiene la maggioranza di Volvo e Lotus e una significativa partecipazione in Daimler, già finanziatrice di Volocopter, è il maggiore sottoscrittore dell’ultimo round di finanziamento chiesto dalla factory aerospaziale tedesca che vede così il suo capitale aumentare da 35 a 85 milioni di euro. Daimler e Geely detengono adesso il 10% ciascuna di Volocopter.

L’obiettivo del costruttore cinese è quello di introdurre gli aerotaxi nel mercato cinese attraverso una joint venture ad hoc. L'auto volante a due posti di Volocopter è progettata per avere una velocità in volo di 110 km/h con un raggio di 35 chilometri.

«Geely si sta trasformando da produttore automobilistico a un gruppo concentrato sulla mobilità, investendo e sviluppando una vasta gamma di tecnologie di prossima generazione. La nostra ultima collaborazione con Daimler, basata sulla nostra partnership in servizi di trasporto passeggeri intelligenti e premium così come la nostra joint venture con Volocopter sottolinea la nostra fiducia nei taxi Volocopter come il prossimo ambizioso passo nella nostra più ampia espansione sia nell'elettrificazione che nei nuovi servizi di mobilità», ha dichiarato il presidente di Geely Li Shufu.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento