tecnologia

Google Car: il prototipo dell'auto che si guida da sola in veste definitiva

-

Rispetto alla prima versione mostrata in video a maggio, ora c’è il volante e i pedali, ma la guida è autonoma. Entro cinque anni sul mercato

Google Car: il prototipo dell'auto che si guida da sola in veste definitiva

La strada verso la completa “robotizzazione” delle autovetture sembra sempre più in discesa. A maggio, Google aveva diffuso un video nel quale persone normali, giovani e anziani, non collaudatori o progettisti, provavano l’emozionante esperienza di salire a bordo di un’auto completamente autonoma, in grado di muoversi senza alcun comando del guidatore.

 

Quello di allora era chiaramente un manichino molto evoluto, ma con diversi componenti ancora provvisori e in via di sviluppo.

 

Oggi, a distanza di alcuni mesi, dopo che il colosso di Mountain View aveva promesso di produrre un centinaio di veicoli, vengono diffuse le immagini di una versione molto più evoluta, quasi definitiva ci verrebbe da dire. Lo sviluppo e le migliorie si sono concentrate sui freni e sullo sterzo. Quest’ultimo ha visto l’arrivo anche di un volante, assente sul primo prototipo, così da rispettare le norme del codice della strada californiano. Lo scopo di Google però rimane sempre lo stesso, poter produrre e vendere una vettura priva di qualsiasi comando. Sulle prive versioni però ci saranno anche i pedali del freno, il comando dell’acceleratore e gli specchietti che ovviamente spariraranno sulla versione “total robot”.

 

google auto guida autonoma
Ecco com'era prima

 

Le linee stilistiche rimango quelle del primo prototipo anche se questa versione acquista una verniciatura più lucida e un nuovo gruppo ottico anteriore, visto che quello del primo “manichino” era evidentemente ancora prototipale. Quell’oggetto che vedete sul tetto, che potrebbe essere scambiato per una “sirena”, altro non è che una telecamera a 360°, lo sguardo pensante della vettura, assieme al software basato su Google Maps.

 

Google ora è impegnata non solo nello sviluppo di questo modello, ma anche nella realizzazione di partnership con Case costruttrici per velocizzare i tempi e riuscire a tagliare in tempo il traguardo prefissato ovvero arrivare sul mercato con la versione a guida autonoma al 100% entro cinque anni.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento