News

Honda punta tutto sull'elettrico in netto contrasto con Toyota

-

Toshihiro Mibe: «Vendere solo veicoli a emissioni zero entro il 2040 sarà una lotta in salita»

Honda punta tutto sull'elettrico in netto contrasto con Toyota

Honda Motor Co. è diventata la prima delle case automobilistiche giapponesi a dichiarare pubblicamente che eliminerà completamente le vendite di auto a benzina entro il 2040. «È un obiettivo molto audace», ha affermato Yachiyo Tanaka, analista della società di ricerca automobilistica Fourin, che ha aggiunto: «Honda si è impegnata a superare le altre case automobilistiche introducendo le ultime tecnologie».

Il primo ministro del Giappone, Yoshihide Suga, si è impegnato a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050 e le aziende che si sono mosse per tempo potrebbero acquisire quote di mercato. La penetrazione dei veicoli elettrici nella nazione è dell'1%, ben al di sotto della Cina, il più grande mercato mondiale per le auto elettriche, arrivata invece intorno al 6%. Ma è una scommessa che va anche oltre i confini del Giappone. Secondo BloombergNEF, le vendite globali di veicoli elettrici per passeggeri sono destinate a crescere rapidamente, passando a 14 milioni nel 2025 rispetto ai 3,1 attuali. Honda, che ottiene circa il 56% delle sue entrate dal Nord America e circa un quarto dall'Asia escluso il Giappone, ha già iniziato ad allinearsi con potenti case automobilistiche all'estero, lo scorso anno stringendo un patto per utilizzare la tecnologia delle batterie di General Motors Co.

La strategia elettrica di Honda include anche la sua tradizionale forza: le moto. Honda prevede di svelare tre nuove due ruote elettriche entro il 2024, oltre a 10 nuove auto elettriche in Cina entro cinque anni. Sebbene le moto rappresentino solo il 14% circa delle entrate totali di Honda, i loro volumi di vendita sono molto maggiori. Honda vende circa 15 milioni di due ruote all'anno contro circa 4,5 milioni di auto.

A marzo, Honda ha formato un consorzio con Yamaha Motor Co., KTM AG e l'italiana Piaggio & C SpA per sviluppare standard di batterie intercambiabili per le moto, i tricicli e quadricicli elettrici poiché il calo dei prezzi globali delle batterie agli ioni di litio attira i produttori di volumi elevati ulteriormente nel mercato motociclistico. Honda «non esiterà» a formare alleanze se necessario, ha detto Toshihiro Mibe, che ha preso le redini il 1 aprile, durante la sua conferenza stampa inaugurale. Ha aggiunto, inoltre, che pensa che l'obiettivo del governo giapponese sia ragionevole. «Non possiamo rimandare lo sforzo e poi aspettarci di raggiungere l'obiettivo all'ultimo minuto», ha aggiunto, anche se ha notato che vendere solo veicoli a emissioni zero entro il 2040 sarà «una lotta in salita».

I critici della strategia di Honda si chiedono se l'obiettivo sia realistico. Per esempio Ford Motor Co. non si aspetta di essere carbon neutral al 100% fino al 2050, mentre Toyota Motor Corp. vede gli ibridi svolgere un ruolo molto più importante. È una tattica a breve termine per attirare l'attenzione degli stakeholder man mano che l'attenzione su ambiente, sociale e governance aziendale aumenta, ha affermato Takeshi Miyao, analista di Carnorama. Per posizionarsi sul mercato, la Honda doveva dire qualcosa di diverso dalla Toyota: «La Honda non ha avuto altra scelta che svelare un piano quasi opposto per attirare gli investitori. È inutile dire la stessa cosa», ha ammesso Miyao.

L'impegno arriva anche dopo che l'ex CEO Takahiro Hachigo ha intrapreso un esercizio di riduzione dei costi tra i profitti in calo dell'unità automobilistica della Honda, la chiusura di fabbriche, il taglio di modelli e l'annullamento della partecipazione dell'azienda al campionato mondiale di Formula 1 alla fine della stagione 2021, lasciando i fan costernati. Honda è stata coinvolta nella Formula 1 più di mezzo secolo fa, gareggiando come concorrente, costruttore e fornitore di motori e vincendo più campionati nella competizione automobilistica più seguita al mondo.

Mibe ha dichiarato poi all'assemblea annuale degli azionisti della Honda che la casa automobilistica potrebbe prendere in considerazione il coinvolgimento in una gara automobilistica «dopo aver vinto la gara per la neutralità del carbonio».

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento