diesel

Milano, Auto diesel: divieti dal 2019 a crescere, fino all’eliminazione delle Euro5

-

Un piano validato dal sindaco Sala mette in campo divieti con telecamere a sanzionare i motori diesel Euro0/1/2/3 e poi anche Euro4, dal 2019; Euro 5 avranno stessa sorte

E chi se li ricorderà bene il rumore e il fumo di un classico “mutùr dìsel” come si direbbe in dialetto milanese, quando un domani, anzi no, quando tra poco, non ci potrà più nemmeno passare per le vie del centro meneghino nelle sue versioni più diffuse per tutti gli ultimi venti anni in Italia. Già perché il target è ormai noto: senza diesel in città nel 2025, similmente a Roma e poco dopo capitali come Londra e Amburgo, anche se i metodi non sono gli stessi.

Come avviene il blocco diesel di Milano? Da quasi subito, ma gradualmente. Con gennaio 2019 un primo stop ai veicoli diesel Euro 0, 1, 2 e 3, durante la settimana lavorativa. Funzionerà un po’ come la famosa Area C, grazie alle telecamere (si parte con 12 per arrivare a ben 180!) solo che qui non ci sono passaggi regolarizzabili pagando ticket, ma divieti totali di transito. Per l’inverno dello stesso anno, estensione della limitazione anche alle auto e veicoli con motorizzazione diesel Euro 4; solo più avanti le Euro 5, quelle che sino a oggi vivono nel limbo perché nessuno aveva mai detto di bloccarle in toto (hanno tutte dispositivi antiparticolato e altro di valido, se funzionante a dovere) ma che le Case e gli Enti non citano nei loro dati ecologici, premianti i diesel in vendita attualmente, gli ultimi Euro6.

A Milano il sindaco Sala usa la mano pesante con i diesel, ma in modo molto graduale
A Milano il sindaco Sala usa la mano pesante con i diesel, ma in modo molto graduale

 

  • provenzale

    Il sindaco Sala frequenta le riunioni di club esclusivi tipo Aspen, Trilateral ( alcuni mesi fa una di queste organizzazioni ha fatto il proprio raduno a Milano ) . Questi club sono frequentati anche dai grandi produttori di auto americani ed europei di fronte ai quali il nostro avra' voluto mettersi in mostra prendendo un provvedimento che costringera' almeno 400000 milanesi a spendere dai 12 ai 20-30000 euro per comprarsi una macchina nuova. Chiaramente il loro usato diesel non varra' piu' nulla mentre, se vorranno comprare un altro usato dovranno andare sul benzina le cui quotazioni naturalmente aumenteranno. Assieme all'aumento del biglietto a 2 euro ( motivato dal fatto che l'ATM MIlano non riesce minimamente a contrastare la fortissima evasione tariffaria ) si ha la rappresentazione di come Sala vuole risolvere il problema del traffico e dell'inquinamento ovvero completamente a carico delle tasche dei cittadini . Chi non si potra' permettere l'acquisto di un'altra macchina restera' a piedi . Come dire : dalla parte del popolo . Ma purtroppo la gente non protesta . Tutti pecoroni
  • ringhietto01, Desio (MB)

    Anzichè puntare a riforme strutturali (come la dismissione vecchie caldaie a gasolio o l' amodernamento parco mezzi publici), come sempre si punta a colpire il cittadino. Costa nulle erende tanto...bravi contunuate cosi!
Inserisci il tuo commento