WEC 2021, 6 ore Bahrain: vince Toyota

WEC 2021, 6 ore Bahrain: vince Toyota
  • di Massimiliano Amato

La Toyota vince la 6 ore del Bahrain del WEC 2021, sul gradino più alto del podio la n°7 di Kamui Kobayashi, Mike Conway e Josè Maria Lopez

  • di Massimiliano Amato
30 ottobre 2021

A Sakhir nuovo dominio della Toyota che si laurea campione del mondo della classifica costruttori con una gara d'anticipo. L'equipaggio vincente è quello formato da Kamui Kobayashi, Mike Conway e Josè Maria Lopez che si sono imposti nella 6 ore del Bahrain del WEC 2021.

La vettura giapponese n°7 ha tagliato il traguardo davanti ai compagni di squadra Sebastian Buemi, Brandon Hartley e Kazuki Nakajima, e l'Alpine di Nicolas Lapierre, Andrè Negrao e Matthieu Vaxivière. 

6 ore del Bahrain con la Toyota che ha fatto corsa a sè con le due macchine che si sono scambiate più volte posizioni, con Lopez che a metà gara nonostante un errore in curva uno prima ha allungato nei confronti di Buemi, e poi insieme a Kobayashi e Conway ha aumentato sempre di più il vantaggio conquistando la  terza vittoria stagionale.

Buemi-Hartley-Nakajima in pole Venerdì si sono dovuti accontentare nuovamente quest'anno del secondo posto, precedendo l'Alpine di Lapierre-Negrao-Vaxiviere che è non mai riuscita ad impensierire la Toyota ed ha potuto solo difendere il gradino più basso del podio. 

In LMP2 vittoria del Team WRT di Robins Frinjs, Ferdinand Lothringen e Charles Milesi, alle loro spalle Antonio Felix Da Costa-Anthony Davidson-Roberto Gonzalez, e Filip Albuquerque-Philip Hanson-Fabio Scherer.

Nella classe LM GTE Pro cavalcata vincente di Kevin Estre e Neel Jani che hanno battuto Gianmaria Bruni-Richard Lietz i quali completano la doppietta della Porsche. La Ferrari AF Corse come in qualifica ha potuto solo limitare i danni a causa del balance perfomance, con Alessandro Guidi e Pier Cataldo che sono stati lasciati passare per mantenere la leadership del mondiale, nel corso della seconda ora dall'altra Rossa di Miguel Molina-Daniel Serra 4°.

In LM GTE Am a piazzare l'uno due è la Porsche con Felipe Fraga, Ben Keating e Dylan Perrera davanti a Matteo Cairoli-Egidio Perfetti-Riccardo Pera, e all'Aston Martin di Augusto Farfus-Paul Dalla Lana-Marcos Gomes. La giornata da dimenticare per la Ferrari è completata dal quinto posto di Giancarlo Fisichella- Thomas Flohr- Francesco Castellacci che sono stati colpiti da un detrito nel corso della quarta ora, chiudono la top ten Antonio Fuoco-Roberto Lacorte-Giorgio Sarnagiotto, soltanto 12° i poleman Rino Mastronardi/Matteo Cressoni/Andrea Piccini rallentati da un guasto tecnico. 

Da Moto.it

Argomenti