Primo test

Lamborghini Urus, l'hyper SUV da 650 CV [Video]

-

Il primo SUV Lamborghini ha prestazioni da vera...Lambo grazie al motore V8 4.0 biturbo da 650 CV e 850 Nm di coppia massima (2.250 giri!). Notevole il sound, nella modalità sport e corsa, che filtra all'interno dell'abitacolo. Ecco com’è e come va

Prima o poi doveva succedere che un brand come Lamborghini facesse posto all'interno della propria gamma ad un SUV. In realtà qualcosa del genere era già successo nei primi anni 80 con la LM-002 dotata del V12 della Countach, ma per quanto riguarda la concezione moderna di SUV solamente Maserati, Porsche e Bentley si erano spinte a tanto. Del resto mettere mano alle tradizioni più radicate è qualcosa di molto coraggioso ed inseguire le mode, per aziende che hanno da sempre imposto il concetto di auto sportiva o di lusso, non dev'essere stato semplice. C'è chi è arrivato prima, chi è arrivato dopo e chi arriverà...come Rolls-Royce ed addirittura Ferrari, che prossimamente lanceranno sul mercato la loro visione di Sport Utility Vehicle.
 
Automobili non necessariamente legate alla tradizione del marchio, nemmeno sotto il profilo motoristico tanto che in Lamborghini dopo aver dato un'occhiata alla fattibilità di una Urus aspirata con i motori già in "line-up" (V10 o V12) ha scelto di fare posto ad una versione rivista e corretta in Italia del V8 4.0 biturbo Audi. E' la prima volta che un motore di questo tipo prende posto sotto al cofano di un Toro di Sant'Agata ma è anche la prima volta che in provincia di Bologna viene fatto posto ad un SUV meno estremo ed elitario rispetto a quel LM-002 che comunque aveva già aperto la strada.
 
Meno estremo ed elitario, ovviamente, è un concetto relativo: la Urus ha comunque 650 CV, è lunga 511 cm (300 cm passo) e pesa 2.197 kg ma è anche una vettura che grazie all'elettronica sa anche essere gentile con i suoi passeggeri, che possono essere da 4 a 5 in base alla configurazione che si sceglie dell'abitacolo.
Lamborghini Urus, il SUV della casa di Sant'Agata Bolognese
Lamborghini Urus, il SUV della casa di Sant'Agata Bolognese

616 litri di bagagliaio (2 sacche da golf o 8 trolley da cabina) la Urus nella variante a 5 posti è in grado di estendere la capacità di carico a 1.596 litri sfruttando lo spazio altrimenti riservato ai passeggeri: la zona anteriore è stata pensata per "piloti" fino a 205 cm di altezza senza però limitare lo spazio per chi siede dietro...visto che sulla stessa linea può prendere posto anche una persona alta 190.

Tanto spazio, ma anche tecnologia di altissimo profilo: Urus porta con sé tutta l'esperienza di Audi a riguardo e molte delle tecnologie che abbiamo visto su A8 si ritrovano anche su questa nuova SUV firmata Lamborghini. Head-up display, strumentazione digitale con schermo da 12", doppio display in plancia e pochissimi tasti funzione rappresentano la configurazione di un reparto tecnologico che offre molto anche in termini di sicurezza attiva. Telecamera notturna night vision, ma anche assistenti alla guida di livello 2 (lane assist, gestione distanza sicurezza, frenata di emergenza, etc) fanno parte della dotazione.
 
Come ogni Lamborghini che si rispetti anche la Urus, però, trova il suo elemento chiave nella configurazione meccanica: il motore, 4.0 V8 biturbo benzina, è stato pensato appositamente per questo modello ed offre una potenza massima di 650 CV con una coppia monstre di 850 Nm a 2.250 giri, che ha richiesto l'adozione di un cambio a convertitore di coppia ZF8 ad otto rapporti. Un cambio che fa parte di un gruppo trasmissione che Lamborghini ha sviluppato secondo la tradizione del brand - e le necessità del modello - utilizzando la trazione integrale con differenziale centrale Torsen. Ripartizione? 40 davanti, 60 dietro.

Com'è dal vivo

La nuova Urus è la Lamborghini che non ti aspetti perché se è vero che il diesegno ad esagono è esattamente in linea con quanto proposto da Aventador e Huracan è anche vero che le proporzioni sono tutt'altro che da vera sportiva. Ben realizzata e costruita con cura, la nuova Urus vanta dettagli molto raffinati per quanto riguarda la scelta della tecnologica dei gruppi ottici anteriori ed il disegno dei fari posteriori ed allo stesso tempo stupisce come a Sant'Agata siano riusciti a mantenere "importanti" gli angoli di attacco e di uscita (fondamentali per le dune arabe) senza rinunciare a nulla in termini di prestazioni aerodinamiche. Peccato solamente per la posizione della telecamera del night vision: se presente, nella parte alta della calandra, stona un po'.
 
Uno sguardo all'abitacolo di Lamborghini Urus
Uno sguardo all'abitacolo di Lamborghini Urus

Com'è dentro

Rifinita con cura per il dettaglio maniacale, la nuova Lamborghini Urus trae dall'esperienza Audi il massimo per introdurre nel segmento delle SUV nuovi concetti di qualità della vita a bordo: bello il doppio display, in chiave Audi A8, bellissimi i pellami e lo stile utilizzati per lo sviluppo ed il disegno degli interni. Veramente un'opera di pregio in cui il tocco italiano, per la scelta dei colori e dei dettagli come nel caso del "Tamburo" attraverso il quale si scelgono le modalità di guida, si fanno davvero notare. Tanto lo spazio a bordo: è la prima Lamborghini in cui anche i clienti alti 2 metri non avranno nulla da ridire. Ed è anche la prima in cui si parla di posti posteriori e di...bagagliaio (enorme).

Come si guida

La piattaforma modulare per motori longitudinali del Gruppo Volkswagen è "marcante" nel modo in cui esprime la dinamica e dopo poche curve si capisce immediatamente che la base tecnica è quella utilizzata anche per altre vetture del gruppo. Il lavoro svolto dallo staff tecnico guidato da Maurizio Reggiani, però, ha permesso di andare ben oltre quanto visto - ad esempio - sulla terza generazione di Porsche Cayenne ed il risultato è davvero stupefacente. La declinazione con il passo allungato a 3 metri (esclusiva Lambo) si dimostra molto stabile sul veloce ma allo stesso tempo in grado di guadagnare quell'agilità che le dimensioni non possono promettere con l'intervento di elementi come le quattro ruote sterzanti o il torque vectoring sul differenziale posteriore. Il risultato è una Urus estremamente veloce, perché sostenuta dalla forza di 650 CV, in grado di assicurare tutto il comfort che serve su strada ed una agilità nello stretto che ricorda quella di vetture decisamente più compatte.
 
Un risultato che il Lamborghini hanno ottenuto lavorando sodo anche sulla taratura delle sospensioni con le molle ad aria, sulle barre stabilizzatrici a controllo elettronico - che attenuano i movimenti del corpo vettura - e su decine di altri elementi che rendono speciale questa Urus: uno in particolare è il tamburo attraverso il quale andare a scegliere le modalità di guida. Strada è morbida, comfortevole e molto silenziosa, Corsa sa essere graffiante e pungente come una vera Lambo...con tanto di sound mozzafiato e cambiate super veloci.
 
Il tutto ben assistito da uno sterzo molto preciso, una erogazione del V8 che grazie ai turbo sa essere morbida ma allo stesso tempo "cattiva" con l'avvicinarsi della zona rossa ed un reparto trasmissione che fa lavorare la Urus come una trazione posteriore sfruttando l'asse anteriore per offrire sicurezza ma allo stesso tempo capacità di offrire trazione in chiave performance: lo 0-100 km/h in 3,6 secondi o lo 0-200 in 12,7 parlano chiaramente di un SUV che non ha dalla sua solamente una velocità massima da brivido (305 km/h). Con tutta questa forza non poteva essere da meno l'impianto frenante: la Urus frena da 100 a 0 km/h in appena 33,7 metri, valore in linea con quello di molte sportive con la S maiuscola.

Conclusione

La Urus a differenza degli altri modelli in gamma nasce per essere spaziosa e versatile ma anche comoda e sopratutto in grado di andare fortissimo pur a fronte di altezze da terra ed angoli di attacco ed uscita che non fanno certamente il paio con le esigenze aerodinamiche di una vettura sportiva. Eppure in Lamborghini sono riusciti nella magia di trasformare una Sport Utility Vehicle in qualcosa di molto vicino ad una vera vettura sportiva. Senza esagerare, fatte le debite proporzioni, con il prezzo: 206.000 euro è una cifra adeguata alle caratteristiche uniche ed eltarie di questo SUV.

Pregi e difetti

  • - prestazioni mozzafiato - comfort e lusso - spazio a bordo
  • - strumentazione senza mappa full-screen - porte senza fermo "intermedio" - sedili posteriori abbittibili solo nella 5 posti

 

  • Maurizio.Oliviero469, Roma (RM)

    Ma come si fa a rovinarsi una prova a Vallelunga con quel mezzo sotto le mani, seguendo in fila indiana dei "morti"? L'Emiliano inoltre non guida male, ma vederlo tranquillo nonostante questa "castrazione" mi lascia allibito. Ordini di organizzazione? Anche fosse, che ci voleva a "distrarsi" per far allontanare i tappi e poi fare almeno mezzo giro a regime? Era lo stesso se la facevano provare in città: a quell'andatura in pista non si capisce nulla dell'auto...
  • Wolverine74, Legnano (MI)

    Che dire...bella questa LAUDI...
    Non parliamo cortesemente della LM002, non c'é assolutamente paragone. Non bastano cavalli e prestazioni e pelle, o lusso ed elettronica per costruire una Lamborghini.
Inserisci il tuo commento
Altri su Lamborghini Urus
Maggiori info
Lamborghini