prime impressioni - suv

SUV Mahindra, XUV500: 7 posti e fuoristrada soft no-problem. Prezzo? Ancora meno [Foto gallery]

-

La 3^ serie del SUV top di gamma per la Casa indiana arriva in Italia, con spazio fino a 7 posti e listino prezzi da 21.250 € scontato a 20K. Non teme fondi difficili, con 4WD e altezza, ma è solo termico 2.2 diesel

La premessa è d’obbligo, per molti che non sono preparati sui costruttori automobilistici in ascesa: Mahindra non spopola da noi ma è leader in India per i SUV e, tanto per ricordare: detiene quote azionarie di maggioranza in Pininfarina, SsangYong e Peugeot Scooters. Il marchio è anche presente in gara, nella FE. Gente che su motori e mobilità quindi ha il polso. Anche per l’Europa, dove cerca di farsi strada con la sede italiana.

Per il secondo semestre 2019 ecco il restyling di XUV500. Si tratta del SUV top di gamma Mahindra, presente in UE da sette anni con l’ultima serie in strada dal 2015. Tra le sue doti l’impatto solido, l’altezza da terra con trazione volendo integrale e la spaziosità: tre file di sedili per sette persone. Costa poco, ma è solo termico, diesel 2.2 e a livello finiture ovviamente, paga la distanza con rivali europei.

Dal vivo: com’è fuori

Un SUV lungo 4,58 metri che vuol fare capire di essere capiente e capace di andare fuori dal manto asfaltato, XUV500. Estetica di taglio solido e alto, ma ricca di dettagli per cercare personalità. Rispetto al modello precedente, sul frontale una nuova mascherina, nera con inserti cromati, luci diurne a led. Mentre dietro sono nuovi portellone e paraurti: con gruppi ottici sdoppiati ed enfasi orizzontale. Non mancano vari, per non dire molti, profili e raccordi con cromature in vista ed uno spoiler posteriore aerodinamico. I deflettori laterali raccordano il terzo finestrino con la coda. I cerchi in lega 17’’ di serie arrivano fino ai 18” in tinta nera. Tra i dettagli personali, quella forma verticale delle maniglie e la posizione degli indicatori direzione sui retrovisori, similari a quanto già visto sul piccolo ed economico mini SUV KUV100 NXT. Opzionale la tinta Dual, con vetri posteriori oscurati.

Dal vivo: com’è dentro

L’ambiente in abitacolo quello no, non assomiglia troppo al KUV100. Perché qui Mahindra prova a fare del proprio meglio, con una certa “sostanza” pur se dotazioni e finiture non sono ancora a livello di parte dei rivali europei, o anche asiatici di una certa esperienza europea accumulata. Selleria in pelle morbida, traforata e impunture a vista, per le versioni più dotate (W8 e W10) che hanno anche un Touchscreen 7 pollici per l’Infotainment: con navigatore, Bluetooth, Android Auto, presa USB e retrocamera. Di serie i sensori posteriori, i fari aggiuntivi per visione laterale e un vano climatizzato nella consolle centrale. A proposito di clima, è a zone per dare temperatura adeguata anche agli occupanti di terza fila. Il quadro strumenti è a doppio vano concavo, con elementi 3D. I passeggeri su XUV500 non solo hanno buono spazio per le gambe, ma anche in lista optional due monitor integrati e il sistema audio DAB. Per i bambini ci sono attacchi ISOFIX nella seconda fila di sedili. Quest’ultima e la terza sono totalmente abbattibili.

Tecnica e Guida

È solo termico, a gasolio, 2.2 turbodiesel da 140 CV Euro6, ma ottimizza l’erogazione senza certi passaggi bruschi rimasti nelle versioni precedenti, il rinnovato XUV500. I 140 CV del quattro cilindri, ma soprattutto la coppia di 330 Nm, sono all’altezza di una massa che aggira i 2500 Kg. Un motore, questo mHawk common rail a gestione elettronica Bosch, che resta valido per utilizzi non certo da velocista, amando i giri bassi (meglio entro 3000) gestiti tramite cambio manuale a 6 rapporti.

La guida è confortevole, grazie anche al sistema di sospensioni (McPherson anteriore; retrotreno Multilink) pensato per un utilizzo misto, in strada e fuoristrada; senza dover correre. La trazione può essere anteriore o integrale (controllo automatico, disinseribile). In tema di uso fuoristrada, XUV500 vanta angoli caratteristici: attacco 28°, uscita 23°, dosso 21°. È un SUV spazioso per chi necessiti trasporti abbondanti, di persone od oggetti, abbastanza alto da terra per essere capace di ben figurare non solo sulle strade bianche, perché XUV500 si comporta bene anche in percorsi fuoristrada veri. Certo, consuma un po' più di alcuni rivali, visto il dato dichiarato di 8,9 (9,3 se AWD) l/100 Km e patisce la guida sportiva, con reattività e tonicità limitate.

Ci si sta bene però a bordo, se non si hanno pretese per tutte le finiture a vista e tatto, come sulla silenziosità, ma invece faccia simpatico quel freno di stazionamento, manuale, posto diagonalmente (in Mahindra non piacciono quelli troppo classici, conoscendo anche KUV100). Per trainare carrelli o roulotte, il limite rimorchiabile è 2.500 Kg. In tema di sicurezza, XUV500 ha il cosiddetto minimo sindacale odierno (airbag, barre antintrusione, ABS con EBD ed ESP) più assistenza alla partenza in salita e di guida in discesa, fondamentali per gli usi che vanta su fondi scivolosi e pendenti.

In sintesi

Il top di gamma per Mahindra non può certo definirsi premium, anche se la Casa indiana ha le carte in regola a livello industriale per cercare di alzare il target attuale, facendo lavorare i propri centri sviluppo e produzione in tutto il mondo. Al momento XUV500 paga non poco a certa concorrenza, ben centrata sull’Europa, nonostante il prezzo oggettivamente allettante. Disponibile con trazione anteriore o integrale, su tre allestimenti, dove quello top include anche battitacco illuminato e tetto apribile, bicolor, il SUV XUV500 ha un listino prezzi che parte da euro 21.250 (2WD W6). Al netto però di eventuali Bonus e Malus (le emissioni CO2 qui non sono record, anzi) o promozioni, di cui potete leggere su Automoto.it. Come quella di lancio che decurta il prezzo, scontando 1.250 euro: gamma XUV500 dai 20mila quindi e con 25mila euro si sta già su una versione 4x4 o allestimento W10. La garanzia è per 5 anni o 100.000 Km, con assistenza stradale. XUV500 è omologabile anche come autocarro volendo, ma “perde” la terza fila di sedili.

Un grande SUV che potrà aprire la strada ai suoi futuri compagni di listino, più vicini ancora al nostro target visto che quelli di Mahindra hanno stretto un accordo con Ford per condividere importati sistemi veicolo, nei prossimi anni. L’intenzione è di sfornarne un nuovo modello a stagione. Una pecca, l’attuale mancanza di elettrificazione certa sulla gamma.

Info aggiornate, scheda modello e annunci per Mahindra XUV500 sono a questo link, sul Listino di Automoto.it.

Scheda Tecnica - XUV500 my2019

Motore 2.2 - 16 v - mHawk common rail VGT
Cilindrata / cilindri 2.179cc / 4 in linea
Alimentazione Diesel
Potenza max kW (CV)/regime 103 (140) @ 3.750 g/min
Coppia max Nm/regime 330 @ 1.600 - 2.800 g/min
Velocità max 180 km/h
Cambio 6 marce + R.M.
Pneumatici P235/65 R17
Sospensioni
Anteriori Indipendenti tipo McPherson con barra antirollio
Posteriori Indipendenti multi-link con barra antirollio
Trazione FWD (anteriore) AWD (integrale a inserimento e controllo automatico)
Freni
Anteriori A disco autoventilanti
Posteriori A disco
Carrozzeria

A scocca portante con 5 porte
Posti 7 con poltrone su tre file
Diametro di svolta 5,6 m
Massa complessiva PTT 2.510 kg
Massa rimorchiabile 2.500 kg
Dimensioni del veicolo Passo 2.700 mm
Altezza 1.785 mm
Larghezza 1.890 mm
Lunghezza 4.585 mm
Angolo d’attacco 28°
Angolo d’uscita 23°
Angolo di dosso 21°
Capacità serbatoio 70 l

CONSUMI Combinato AWD 9,3*  (l/100 km) FWD 8,9* (l/100 km)

EMISSIONI CO2 Combinato FWD 203* (g/km) AWD 214*  (g/km)
Omologazione Euro6 d-temp* *In attesa di conferma da parte dell’Ente certificatore

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Mahindra XUV500
Maggiori info
Mahindra