primo test

Nuovo KUV100 NXT: il restyling del city SUV Mahindra da 10.000 € [video foto gallery]

-

Aggiornamenti per il piccolo e conveniente SUV indiano, dotato del 1.2 benzina a 3 cilindri (volendo bifuel) con un listino prezzi da soli 11.990 euro che in promo lancio diventano € 9.990: a tutta semplicità

Non è ancora molto noto e diffuso da noi, ma il SUV compatto di Mahindra, il KUV100, si rinnova con l’intenzione di prendere più spazio sul mercato. Peraltro il più importante in Europa, per la Casa indiana che ha sede europea proprio a Roma, 65 punti di rete in Italia e l’intenzione di far uscire un nuovo modello ogni anno, per i prossimi cinque. Di certo, il KUV100 oggi divenuto NXT visibilità la trova: in strada, grazie all’impatto visivo personale in queste dimensioni, con effetto novità e nella parte conveniente del listino prezzi auto italiano. L’accesso gamma è a meno di 12mila euro, ma con le promozioni di lancio si scende fino a 9.990. Definibile il SUV più economico, le sue doti, oltre il costo e le dimensioni contenute, per la città, sono proprio nello stile e nella trasversalità di uso; non certo in prestazione assoluta o contenuti innovativi.

Dal vivo: com’è fuori

Un SUV piccolo piccolo, che è più crossover urbano, di taglio abbastanza grintoso e deciso, proposto in tinte anche bicolor. Lungo 3,7 metri (simile alla Panda) cura nel suo allestimento top K8 alcuni dettagli dovuti, il KUV100 NXT. Tra questi i gruppi ottici anteriori a led multifunzione, vari elementi cromati e personalizzati a vista, fendinebbia integrati nella mascherina. Nuovo dopo un anno anche il gruppo ottico posteriore, bi-faro. I cerchi sono in lega, neri diamantati e non manca uno spoiler, sopra il lunotto, abbinabile a dei profili nella parte alta dei finestrini. KUV100 NXT è particolare non solo per il suo fronte alto e le nervature, ma anche per gli ampi passaruota sposati a un invito, quello verso l’uso fuori asfalto. Ultimo dettaglio, non comune, le maniglie posteriori: incassate nei montanti.

Dal vivo: com’è dentro

Abitacolo dove regna la semplicità, ma non è come certe “cinesate” su cui aver pregiudizio, perché Mahindra si distanzia in meglio, compatibilmente ai costi. La posizione di guida è abbastanza alta, con 17 cm da terra, le porte cinque, come i posti. Un pavimento piatto aiuta l’abitabilità posteriore, con gli occupanti che hanno 87 cm tra la seduta e lo schienale anteriore. Ci stanno anche persone di corporatura abbondante dietro, ma pecca l’altezza, contrariamente a davanti. In caso di bimbi ci sono gli attacchi Isofix. La buona spaziosità in relazione al segmento è data dal passo, 2.38 metri. Il bagagliaio è l’unico punto poco lodevole, da 243 litri con apertura a tasto ma ingresso alto e stretto. Sale a 473 litri abbattendo lo schienale, in pezzo unico. Vani non ne mancano, uno è climatizzato. Ovviamente non sono particolarmente curati, nei rivestimenti e non hanno illuminazioni o prese USB per tutti, anzi. La leva del cambio, posizionata alta di tipo joystick, anche lei non è certo futurista ma pratica, come l’anomala maniglia del freno stazionamento, da tirare e sbloccare con energia. Il nuovo display da 7” touchscreen è per l’Infotainment, con navigatore e Bluetooth; usa una intro abbastanza personale ma anche “forte” in avvio.

Nell’insieme la percezione a bordo è di un mezzo generalista molto easy, con sapore non certo indiano inteso come distanza dai gusti europei, ma che anzi avvicina. Semmai solo molto semplice e spartano. Il conducente trova buona postura, ma il grande volante a tre razze si regola solo su un asse e non dispone di tutte le funzioni di comando a portata di dito. Quelle del clima, ad esempio sono gestibili muovendo oltre la leva cambio, sull'estrema destra.

Gli interni del nuovo piccolo SUV indiano KUV100
Gli interni del nuovo piccolo SUV indiano KUV100

Tecnica e Guida

Poche pretese velocistiche o di rendimento assoluto, nonostante il look cattivo: la trazione è anteriore, ponte torcente e freni a tamburo usati dietro. Sotto il cofano del KUV100 NXT un termico a benzina è coerente alle esigenze di chi badi a costo acquisto e semplicità funzionale. Il tre cilindri 1.2 VVT Euro 6c, aspirato, per l’occasione si aggiorna con 5 CV in più, fino a 87 CV. La coppia migliore, 115 Nm, è da 3.500 fino a 4.800 giri. L’impianto frenante, con ABS e EBD, usa freni a disco per le ruote anteriori. Non ci sono particolari ADAS, ma il controllo stabilità e trazione, con aiuto in pendenza, più IntelliPark, assistenza al parcheggio. A livello di guidabilità, l’altezza da terra e l’escursione delle sospensioni (150 mm davanti, 200 mm dietro) consentono di superare ostacoli e soprattutto passare in scioltezza su strade sconnesse. Per uscire dal liscio manto asfaltato, l’angolo d’attacco è 20° quello di dosso 17° e quello d’uscita 29°. La velocità massima sfiora i 150 Km/h, i consumi dichiarati sono 6,5 litri per 100 Km nel combinato.

Il capitolo guida del KUV100 NXT è relativamente semplice da esprimere, come tutto il veicolo. Con una massa di 1200 Kg le prestazioni sono discrete ma contenute. Velocità e ripresa ci sono, per usi in tranquilli percorsi urbani, o di viaggio a brevi tappe. Anche perché la coppia non arriva proprio in basso, a filo di gas e il tre cilindri mFalcon G80 esaurisce il suo vigore andando troppo su di giri, dove interviene il limitatore entro i 6000. Superfluo quindi tirare smodatamente le cinque marce del cambio manuale, comunque semplice da gestire con tanto di suggerimenti nella strumentazione. Non abbiamo potuto verificare i consumi effettivi e la resa con pieno carico, in questo primo breve assaggio, ma per certo questa altezza da terra e la morbidezza della sospensioni, permettono un buon confort, non contenitivo. Il KUV100 NXT ricorda certi modelli francesi degli anni passati, in questo senso. Sarà anche per quella stranezza di dover muovere la mano destra su una leva cambio fatta in quel modo e la maniglia di freno stazionamento: davvero singolari al giorno d'oggi. Ecco, con il KUV100 NXT tra le mani si scorda il look esterno da SUV ma si vive una guida molto manuale, con quella strumentazione semplice e l’assenza di ADAS evoluti.

Per fortuna è prevedibile nelle sue reazioni se si esagera e ci sono comunque l'ABS e un controllo di trazione, che aiutano nel caso di pendenze. Se si apre il cofano del KUV100 NXT troviamo un’elettronica gestione motore, Euro 6c per il momento, Continental. Per la manutenzione il cambio olio è suggerito ogni 10.000 km, quello candele a 40.000, mentre al posto della cinghia si trova una catena, da “fare” ai 100.000.

Piccola pecca, andando su fondi non perfetti o comunque in velocità, è la rumorosità. Idem il confort di lungo viaggio per chi siede dietro, se ha statura elevata, visto che lo spazio per le gambe non manca ma gli schienali non sono conformati per grandi taglie. Con un serbatoio da 35 litri l'autonomia stimata in caso di viaggio, dovrebbe essere dai 500 km almeno.

Il 3 cilindri denominato mFalcon è un Euro6c con centralina Continental, volendo anche con il GPL
Il 3 cilindri denominato mFalcon è un Euro6c con centralina Continental, volendo anche con il GPL

Sul mercato

Due allestimenti e motorizzazione unica, ma rinunciando al restyling esiste anche bifuel (l’upgrade NXT del GPL sarà non prima di ottobre). Il KUV100 NXT si propone in otto tinte di cui tre bicolor, con tetto nero. Tra gli optional utili, le barre plastiche sulle portiere e lungo tutto il perimetro. Tra quelli già inclusi la ruota (vera) di scorta. La garanzia è triennale o 100.000 km (estendibile pagando). Il listino prezzi da 11.990 euro viene ulteriormente ridotto con promozioni che limano fino a sotto i diecimila l'accesso gamma, K6+ con il lancio sul mercato e la possibilità di finanziamento. Per l’allestimento più dotato, K8 oggetto di prova, si va a 13.990, con le promozioni scontati a 11.990 euro.

In sintesi

Un modello a cavallo tra citycar e qualcosa di più… Crossover, piuttosto che SUV, ma sostanzialmente molto semplice, essenziale per i tempi odierni. KUV100 NXT beneficia in primis del costo contenuto ma anche dell'immagine, relativamente nuova e neutra. Pur se nuovo il marchio non è, anzi, la Casa tiene a ricordare i suoi centri ricerca globali e le sue quote in Pininfarina, SsangYong e Peugeot. Strizza l'occhio a un'utenza anche femminile, KUV100 NXT, quella che non guardi prestazioni e tecnica. Certo, rivali ce ne sono di fama più storica a partire dalla nota Panda, che è lunga più o meno uguale, arrivando alle molte asiatiche. Qui si accoglie la novità indiana se interessi l’impatto SUV, confrontandola anche con extra-europee più costose; in attesa di vedere un possibile KUV100 elettrico. In madre patria sta già girando anche se il progetto di sbarco in Europa, ancora è tutto da definire.

Pregi & Difetti

  • Costi contenuti; Semplicità di utilizzo; Volume interno; Rapporto qualità-prezzo.
  • Una sola motorizzazione, non elettrificata; Dotazioni limitate; Bagagliaio.

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento
Altri su Mahindra KUV100
Maggiori info
Mahindra