mobilità

Milano: al via la nuova fase del progetto mobilità sostenibile

-

Prende il via a Milano la seconda fase del progetto finalizzato alla mobilità sostenibile con il potenziamento del Car sharing, la riforma della sosta e un incentivo all'utilizzo dei veicoli elettrici

Milano: al via la nuova fase del progetto mobilità sostenibile

Prende il via a Milano la seconda fase del progetto finalizzato alla mobilità sostenibile. Dopo la nascita di Area C, ora l’amministrazione comunale punta su tre nuovi obiettivi: il potenziamento del Car sharing, la riforma della sosta e un incentivo all'utilizzo dei veicoli elettrici.

«Abbiamo deciso di puntare su queste tre nuove azioni per dare un segnale concreto: Milano non si è fermata e continua la strada intrapresa con Area C - ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran - con il potenziamento del Car sharing tante famiglie potranno rinunciare all’acquisto della seconda auto, abbattendo i costi e mantenendo pari possibilità di movimento. La riforma della sosta permetterà di recuperare l’evasione, premiare con sconti chi già oggi paga regolarmente, valorizzare le autorimesse del centro e liberare così spazio in superficie per incrementare il piano di pedonalizzazioni del centro. Infine, abbiamo deciso di incentivare sia chi sceglie l’auto elettrica, come mezzo privato o come flotta del Car sharing, sia chi vuole installare colonnine di ricarica in città».

«Noi – afferma Simonpaolo Buongiardino, presidente di Assomobilità e componente di Giunta di Confcommercio Milano – abbiamo sempre chiesto che per le attività commerciali milanesi vi fosse da parte del Comune un’agevolazione per il parcheggio. In questo piano per la sosta indubbiamente è stato compiuto un passo avanti con il riconoscimento di forme di abbonamento agevolato che riguardano i commercianti: 60 euro al mese nella fascia tra il limite dell’Area C e la cerchia filoviaria 90-91 e 25 euro al mese nella parte esterna di Milano. Il commerciante ora potrà valutare, a seconda della zona e della disponibilità effettiva di strisce blu, l’opportunità di sottoscrivere quest’abbonamento la cui tariffa, rispetto alla sosta giornaliera, è molto più conveniente. Inoltre, vengono introdotte tessere a scalare agevolate (con un sconto a partire dal 30%) anche per gli agenti e rappresentanti di commercio in tutta la città. Questo passo avanti compiuto ci avvicina a quel riconoscimento di residenza dell’impresa che vorremmo fosse esteso anche nell’Area C».

 

  • alby.glio, Milano (MI)

    Maran e Pisapia

    Maran e Pisapia

    camuffate sempre le iniziative per battere cassa da azioni ecologiste.

    Milano ha bisogno di azioni contrarie, ovvero di fliudificare il traffico con strade + ampie con minori interruzioni.

    E di tanti tanti mezzi pubblici.

    E voi invece proponete azioni che perseguono solo i vostri interessi personali.
  • lucamax62, Milano (MI)

    Caro Maran, mi hai convinto , lascio Milano

    Caro assessore Maran e caro Sindaco Pisapia, mi avete convinto.
    Ma invece di rinunciare al mezzo a motore , auto o moto che sia, faccio un altra cosa, abbandono la città dove ho vissuto per 51 anni.
    Vi lascio volentieri il car sharing, le domeniche a piedi , l'impunità dei tifosi e dei partecipanti ai concerti al Meazza, cosi come quella dei ciclisti in contromano, senza luci, che paasano col rosso , dei rom a cui date i contributi etc etc .
    Avete dato il colpo di grazia ad una citta agonizzante, compliments !
Inserisci il tuo commento