Chi è Fabian Vettel, il fratello meno famoso di Sebastian

Daniele Pizzo

Ha 20 anni, corre nel Campionato GT tedesco ed ha esordito nell’automobilismo solo tre anni fa. Di lui Seb dice: «L’importante è che si diverta»

23 ottobre 2019

Di Sebastian Vettel si sa tutto o quasi, almeno sportivamente parlando: 4 volte consecutive campione del mondo di Formula 1 dal 2010 al 2013 e detentore di diversi record nella categoria regina dell’automobilismo, come l’essere il pilota più giovane della storia ad aver vinto un Mondiale ad esempio. 

Meno conosciuto è il fratello di Seb, Fabian Vettel, di 11 anni più giovane. Anche lui è un pilota, ma alle corse è arrivato piuttosto tardi: il 20enne Fabian ha esordito nell’automobilismo senza grandi esperienze precedenti nel karting (che invece ha avviato Seb alla carriera all’età di 8 anni) solo nel 2017 nella Audi Sport TT Cup, con alle spalle appena un test nel 2014 al Lausitzring, al volante di una Volkswagen Golf del campionato monomarca polacco.

Al debutto nel trofeo dei Quattro Anelli creò subito un certo interesse. Stava nascendo un altro campione in famiglia? Lui spense subito le aspettative, dichiarando del fratello più famoso: «So che posso contare su di lui e che non c’è nessuno con maggiore esperienza di lui per darmi consigli, ma fino a qui ho fatto tutto da solo insieme a mio padre. Voglio cercarmi gli sponsor da solo, parlare con le persone e trovare il budget». Concluderà la stagione al nono posto.

2017: Sebastian Vettel osserva contento il fratello al debutto nell'Audi TT Cup

L’anno successivo il passaggio nel Lamborghini Super Trofeo Europe con il team Konrad Motorsport in coppia con la “lady” Carrie Schreiner. Nel monomarca del Toro nel 2018 fa parte della schiera di giovani talenti supportati dalla Casa di Sant’Agata Bolognese. Vi disputa 6 gare andando a punti solo con il 12esimo posto nella finale mondiale. Sempre nel 2018 è al via di due eventi del campionato tedesco VLN Endurance su una BMW M235i.

Nel 2019 fa clamore l'ingaggio da parte di Mercedes-AMG, che lo vuole per per disputare il Campionato tedesco GT, l’ADAC GT Masters, su una Mercedes-AMG GT3 che divide con il britannico Philip Ellis.

Il contratto con la Casa di Stoccarda però non imbarazza il fratello maggiore, che da ferrarista ha nella Stella il suo nemico numero 1. «La Mercedes è sempre stata il nostro avversario. È stato così praticamente per tutta la famiglia, perché mio fratello ha sempre corso contro di loro, quindi all’inizio è stato divertente. Ma non ho alcun problema con il fatto che mio fratello si batta contro la Mercedes in F1, mentre io guido per loro nel GT Masters. Cosa ne pensa? Sebastian l'ha presa bene e mi ha detto: “Se hai l’opportunità, fallo!”», ha riferito Fabian alla Bild. L’acuto di una stagione conclusa in 12esima posizione è stato il terzo posto a Zandvoort. 

Fabian Vettel soddisfatto sul podio del campionato ADAC GT Masters al quale è approdato nel 2019

Insomma, il Vettel più giovane fa esperienza e sembra pilotare sempre meglio, anche grazie a Mercedes che lo ha voluto su una Freccia d’Argento. Ambizioni di Formula 1? A maggio aveva detto: «Posso affermare che non mi vedrete in F1. Se fossi stato interessato ad arrivarci avrei optato per un altro percorso formativo. Anche se non si può mai sapere, visto che sono abbastanza nuovo del motorsport, per il momento preferisco per andare avanti per la mia strada», dichiara all’agenzia stampa DPA.

Concetto ribadito anche al termine della prima stagione nel GT Masters: «Ho imparato molto, soprattutto dai brutti momenti. Ora devo fare di meglio la prossima stagione e nelle stagioni successive. Il mio obiettivo è continuare a guidare la Mercedes-AMG GT3. Ho iniziato a correre in auto solo tre anni fa e finora ho fatto qualcosa di diverso ogni anno. Ecco perché spero in un po' di continuità, in modo da poter ottenere il massimo. Continuerò sicuramente nelle corse GT3 e sarei felice se potessi rimanere dove sono ora. Ma vediamo. Ci sono molti fattori diversi da valutare nel prendere una decisione finale».

Ultime da Formula 1

Da Moto.it