F1. GP Monaco, Mark Webber: "Oscar è stato perfetto nonostante il fondo rotto e Leclerc ha meritato la vittoria"

F1. GP Monaco, Mark Webber: "Oscar è stato perfetto nonostante il fondo rotto e Leclerc ha meritato la vittoria"
Pubblicità
Paolo Ciccarone
Mark Webber, ex pilota di Formula 1 e manager di Oscar Piastri, ha commentato il GP di Monaco 2024 dell'australiano, che ha rimediato un danno al fondo dopo il contatto con Sainz al via
26 maggio 2024

Mark Webber aveva sempre creduto in Oscar Piastri e vedere il suo pupillo giocarsi la vittoria nel principato di Monaco in un GP storicamente fra i più difficili, lo ha reso ancora più orgoglioso. Intanto c’è più tristezza per non aver vinto o felici per aver concluso al secondo posto? Webber non ha dubbi: “Oscar è stato perfetto e Leclerc ancora di più, ha meritato la vittoria perché non ha sbagliato niente e quindi tutti credo siano felici per come è andata”.

Naviga su Automoto.it senza pubblicità
1 euro al mese

Ci si aspettava il sorpasso di Piastri su Leclerc a un certo punto, invece non c’è stato verso, come mai? “Tutta colpa della toccata alla prima curva con Sainz, la macchina si è danneggiata e negli ultimi giri si è rotto il fondo, squilibrando l’assetto e rovinando le gomme, ecco perché Oscar ha dovuto rallentare e difendersi da Sainz. La cosa importante e credo lo abbiano visto tutti, è stata l’intelligenza che ha mostrato in ogni istante: ha saputo gestire tutto con freddezza, visione e senza stress e vi garantisco che non è per niente facile. Ha sfruttato al massimo quello che aveva. Ha fatto una bella partenza al primo via e si è ripreso la posizione su Sainz, pur danneggiando la macchina, poi al secondo via e per 70 giri ha mostrato passo, tattica e gestione. Farlo a Monaco direi che è un bel biglietto da visita. Per cui siamo davvero contenti per come è andata anche perché Leclerc, lo ripeto, è stato semplicemente perfetto e ha meritato davvero la vittoria, un applauso grandissimo a lui e poi, una Ferrari che vince, rende il mondiale ancora più bello”.

Pubblicità