Formula 1

F1: Raikkonen-Leclerc, quando i tempi non tornano

-

Qualcosa non torna nella vicenda dello scambio tra Kimi Raikkonen e Charles Leclerc. Ecco perché

F1: Raikkonen-Leclerc, quando i tempi non tornano

Nella vicenda dello scambio fra Kimi Raikkonen e Charles Leclerc qualcosa non torna e basta leggere o ascoltare le dichiarazioni dei diretti protagonisti. Cominciando con Kimi il pilota finlandese ha detto a Singapore che la Ferrari gli ha comunicato la domenica a Monza che non sarebbe stato confermato. Quindi Raikkonen ha svelato quello che avevamo scritto sul posto.

Il giovedì dopo Monza la Gazzetta dello Sport esce dicendo che sarebbe stato annunciato in giornata l'arrivo di Leclerc e nello stesso giorno Lapo Elkann pubblica un tweet dando il benvenuto al pilota monegasco. Tolto subito dopo quando si è capito che non ci sarebbe stato alcun annuncio.

Arriviamo al martedì seguente, ovvero 11 settembre. Autosprint esce con intervista a Maurizio Arrivabene in cui dice che non ci sarebbe stato alcun annuncio in merito ai piloti nei giorni indicati e che sarebbe stato fatto a tempo debito. Infatti mezz'ora dopo che il giornale è in edicola arriva l'annuncio di Leclerc al posto di Raikkonen.

Arriviamo a venerdì 13 settembre a Singapore e Leclerc dice che Arrivabene gli ha comunicato l'arrivo in Ferrari sabato scorso, ovvero 8 settembre. In tutto questo non tornano molte cose. Un pilota che firma con la Ferrari riceve la conferma il sabato e l'annuncio lo fanno il martedì? Finora dove erano i suoi manager e perché a Kimi invece è stato detto una settimana prima? In breve qualcuno non la conta giusta e probabilmente si tratta del solito gioco delle parti.

Unico onesto in tutta questa storia è Kimi Raikkonen, che ha detto senza peli sulla lingua quello che voleva. E che con la partenza di Monza, chiudendo la porta a Vettel, si è messo nella situazione di farsi coccolare dalla Ferrari, beccarsi due anni di contratto con la Sauber e portando a casa altri soldi, unica cosa che gli interessa della F.1

La Gazzetta aveva le informazioni giuste ma per non dare un vantaggio al quotidiano in rosa si sarà deciso di rimandare, solo che dando una intervista ad Autosprint che esce il martedì e avendo detto a Leclerc il sabato che ci sarebbe stato l'annuncio, sarebbe stato perlomeno divertente avere insieme intervista e notizia, ma si vede che va così.

Unico onesto in tutta questa storia è Kimi Raikkonen, che ha detto senza peli sulla lingua quello che voleva. E che con la partenza di Monza, chiudendo la porta a Vettel, si è messo nella situazione di farsi coccolare dalla Ferrari, beccarsi due anni di contratto con la Sauber e portando a casa altri soldi, unica cosa che gli interessa della F.1, alla faccia degli idealisti che lo venerano come icona mondiale. Il resto? Abbiamo qualche idea, ma sarà la pista a confermare perché ci sono tanti piccoli altri particolari che ci fanno pensare a certi scenari...Vedi Vettel che spende parole d'amore e stima per Raikkonen e Kimi che risponde "Guido una macchina alla volta...". Tenetevi pronti, mica è finita qua...

  • Franco120

    Moderazione linguaggio

    Nonostante sia un fan accanito di Raikkonen sin dai tempi del suo esordio in Sauber devo dire che anche io da anni penso che sicuramente avrà la passione per le corse, ma sembrerebbe avere una passione più grande per i soldi. Altrimenti non mi spiegherei come può un pilota del suo talento accettare di essere messo ai margini del progetto sin dal momento in cui viene progettata la nuova auto. Infatti quando come compagno di squadra aveva Alonso non gli sono minimamente venuti incontro per trovare il giusto compromesso nella progettazione della vettura. Con Vettel la sua fortuna è che le modifiche che propone Kimi fanno andare più veloce anche il tedesco perchè il loro stile di guida è diverso ma non troppo. Inoltre non mi spiegherei come possa accettare che le sue gare vengano rovinate dalle tattiche ai box per favorire il suo compagno di team già dai primi GP. Senza parlare degli ordini di scuderia palesi. In questi anni Vettel ha vinto 13 GP. 4/5 però glie li ha regalati Raikkonen e in ogni mondiale Vettel si prende un bel pò di punti in più di quanti ne meriterebbe mentre Raikkonen rinuncia alle sue vittorie e rinuncia alla sua classifica. Come se non bastasse poi si prende le critiche della stampa e di tutti i nedia.... del tipo... è ma Kimi non vince una gara da 5 anni... E deve persino sentirsi dire da Vettel che lui ha sempre corso contro 3 vetture. Tantissime volte inoltre abbiamo visto che quando Vettel sbaglia non si sa come ma la colpa per i media italiani va a Raikkonen. Ora mi chiedo perchè un campione dovrebbe accettare tutto questo se non per soldi? E che cosa ha intenzione di fare in Sauber? Ci sono 6 F1 e 14 catorci che perdono 1,5s a Giro. Raikkoenn per i prossimi 2 anni correrà in uno dei 14 catorci. Perchè un campione della sua età dovrebbe correre su un catorcio invece di ritirarsi con maggiore dignità? I catorci servono ai giovani come Leclerc per mettersi in mostra e sperare di arrivare in team più competitivi. Ad un quarantenne non serve proprio a nulla guidare un bidone con le ruote ed essere doppiato in quasi tutti i GP. Sinceramente per questi ultimi 7 GP spero in un Raikkonen con il dente avvelenato che riesca a prendersi svariati successi e ad umiliare Vettel. Ho sempre tifato Ferrari ma l'idiozia della dirigenza e la simpatia per quell'avido di Raikkonen me ne fanno fregare altamente del mondiale piloti di Vettel. Imparasse a guidare meglio se vuole vincere un mondiale con una vettura di pari livello rispetto a quella del suo rivale per i titolo. mentre il titolo costruttori malgrado Vettel e la dirigenza e grazie a Raikkonen si vincerà. Alla faccia di quel p**** di Briatore.
  • Tgwowgt

    Molto originali articolo e commenti. Sui tempi si era capito da un bel po' che ci sarebbe stato l'avvicendamento e mi pare si siano messi a casaccio indettagli su ho ha saputo cosa, il tutto era deciso da.una settimana poi gli annunci e.lw comunicazioni ufficiali sono state rinviate per dare una parvenza di ordine quando non c'è stata. Ma vabbè. E il sentire parlare di staccatone di Raikkonen come nei peggiori bar di Viggiù e dare del prezzolato a Raikkonen che davvero urta, per non parlare del mondiale 2k8 in cui Raikkonen ha tolto un'infinità di punti a Hamilton cosa mai fatta da Massa coi suoi compagni. Non so mi pare che dove simparli di f1 in Italia si faccia più un lavoro di fantasia che altro e lo trovo davvero fastidioso!!!
Inserisci il tuo commento