formula 1

Formula 1 Australia 2014: Ricciardo squalificato, ma la colpa è del Team o della FIA?

-

Daniel Ricciardo squalificato al termine del GP d’Australia perché la sua Red Bull non ha rispettato il limite di consumo imposto dal regolamento | P. Ciccarone

Formula 1 Australia 2014: Ricciardo squalificato, ma la colpa è del Team o della FIA?

Daniel Ricciardo squalificato al termine del GP d’Australia perché la sua Red Bull non ha rispettato il limite di consumo imposto dal regolamento. Cerchiamo allora di capire perché è stato squalificato e di spiegarne i motivi. Quest’anno il regolamento impone due vincoli di consumi: il primo riguarda la quantità totale di carburante, che è di 100 kg. Quindi i piloti non possono consumare più di questa quantità di benzina, pena la squalifica. Il secondo parametro è legato all’alimentazione.

Ovvero la federazione ha stabilito che la mandata massima di benzina nei cilindri non debba superare i 100 kg/ora. E’ una norma che limita le prestazioni dei motori, in pratica è come se un sistema di controllo impedisse al pilota di premere a fondo l’acceleratore. Siccome in F.1 tutti tengono giù il piede, il sistema di controllo, chiamato flussometro, regola la portata massima di carburante che arriva nei cilindri.

Questo perché coi motori turbo attuali avere più benzina da bruciare equivale ad avere più pressione nella turbina, altro parametro bloccato. In Australia è successo che durante la gara Ricciardo ha avuto dei momenti in cui il flussometro ha superato il limite di 100 kg/ora e quindi aveva a disposizione più potenza di quanta ne fosse concessa. Da qui la squalifica, non perché ha consumato più di quanto previsto dal regolamento.

La Red Bull ha fatto appello e probabilmente lo vincerà per la semplice ragione che il flussometro è sotto accusa da tempo, tanto che in inverno l’ingegner Marmorini della Ferrari aveva detto «Ci sono discrepanze anche del 15 per cento fra un sistema e l’altro, prima si ottiene un flusso stabile meglio è». In prova la Red Bull aveva visto che c’era qualcosa che non funzionava e per precauzione ha chiesto alla FIA la sostituzione del flussometro, cosa fatta prima del via della gara.

Quindi la Red Bull non solo aveva notato qualcosa di anomalo, ma il pezzo sostituito, fornito dalla FIA fra l’altro, non è stato provato che in gara. A questo punto i commissari possono ipotizzare un errore nelle mappature del team, e questo potrebbe confermare la squalifica di Ricciardo, ma se il team ha mantenuto la centralina delle prove e il difetto fosse nel mezzo di controllo fornito dalla FIA, la squadra deve essere assolta.

 

  • scara2879, Milano (MI)

    IMPORTANTE CORREZIONE

    come da sito ufficiale f1.com e testo riportato dei commissari: il flussometro usato da RedBull in gara non e' quello omologato dalla FIA, ma uno RedBull non omologato. Anche se fosse piu' preciso, non si possono usare gli strumenti che si vogliono, e' come se ognuno usasse il proprio autovelox!
    Non solo, durante la gara i commissari hanno segnalato a RedBull che la macchina di Ricciardo aveva un flusso di benzina oltre al consentito! e RedBull ha ignorato l'avviso.
    1) redbull deve smetterla di fare quel che vuole
    2) piu' precisione quando si scrivono questi articoli per favore, basta leggere il sito ufficiale...

    RISPOSTA DELLA REDAZIONE:

    Gentile Lettore,

    l'articolo di approfondimento del nostro inviato Paolo Ciccarone è stato scritto prima che la FIA producesse il suo comunicato ufficiale, poi ripreso dal sito della Formula 1. Quindi le due informazioni sono da ritenersi una successiva all'altra: la prima è stata prodotta da Paolo Ciccarone quando non c'era ancora nulla di ufficiale, la seconda invece, riportata da F1.com, è arrivata solo in un secondo momento. L'articolo del nostro inviato è stato scritto domenica pomeriggio,mentre la FIA ha preso posizione almeno 24 re dopo.

    La Redazione
Inserisci il tuo commento